Domenica 17 Gennaio 2021 | 14:02

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Foggianel foggiano
San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Come fu debellato il «cugino» del flagello Xylella?

A proposito delle rinnovate «polemiche» sulla questione Xylella e, premesso che sono «ignorante» del settore, desidero segnalare una nota che ha suscitato la mia curiosità, sfogliando l’Annuario pugliese del 1882 di Domenico Mele (pag. XLIII).
Tra le tante notizie sulle condizioni agrarie della Puglia, riportate dal professor Giovanni Lofoco, mi sono imbattuto nel seguente passo che qui riporto: «Raccomandiamo ai proprietari del Barese, nell’interesse della ricchezza loro e della Provincia, di essere vigili e pronti alla distruzione delle malattie che purtroppo si fanno sentire nei nostri uliveti. Essi ricorderanno la Psylla olivina conosciuta in Puglia col nome di “bombacella” dell’ulivo, creduta dai coloni un prodotto dell’albero stesso, cagionato dalle variazioni atmosferiche e specialmente dalla nebbia. Tutti i coloni già sapranno che trattasi di un insetto e perciò speriamo che essi vorranno essere solerti esploratori e distruttori di questo micidiale nemico dell’ulivo, come il Phloeotribus oleae (punteruolo) e la Tinea olealia (tignola)».
Sarebbe interessante sapere se e come fu debellato questo insetto che, a prima vista, sembra «cugino» del nostro attuale flagello.

Felice Giovine, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie