Venerdì 18 Gennaio 2019 | 03:04

LETTERE ALLA GAZZETTA

Frecciarossa difficoltà nei centri abitati

Il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, in occasione del forum sulle Autorità portuali tenutosi recentemente a Bari ha continuato a prendere tempo sulla possibilità di far arrivare il Frecciarossa fino a Lecce dicendo che sta studiando la soluzione migliore con Trenitalia, in risposta a una richiesta di potenziamento delle corse prima dell'estate, in vista dell'incremento del traffico passeggeri durante le vacanze.
Vorrei permettermi una riflessione che interessa il centro abitato della città di Monopoli, e l'impossibilità del suo attraversamento da parte di un treno che va a 300 km/ora e oltre. I binari sono in curva. Il Frecciarossa non potrà mai transitare come un fulmine se Trenitalia non provvede prima ad eliminare i passaggi a livello (che qui da noi alcune volte hanno la caratteristica di rimanere aperti anche quando transitano treni a bassa velocità), nonché al consolidamento o al rifacimento di alcuni cavalcavia (e quello di via Marconi, per esempio, costituito da un fascio parallelo di travi di calcestruzzo precompresso, presenta una visione degradata dei ferri di armatura, visibile soltanto sulle travi esterne. Non si sa in che stato si trovano le travi interne, il cui intradosso ha la caratteristica di gocciolare quando piove).
Mi rendo conto che il Sud ha urgente bisogno di convogli più veloci che arrivino fino a Lecce, ma avrei preferito sentire dal ministro una risposta più tecnica che politica.

Franco Muolo, Monopoli (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400