Martedì 24 Novembre 2020 | 02:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il film
Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

Pascali in bianco e nero traccia del Sud che verrà

 
Lutto nel cinema
Brindisi, morta prematuramente regista Valentina Pedicini

Brindisi, morta prematuramente regista Valentina Pedicini

 
Il video
Le parole d'amore di Sophia Loren per la Puglia: il grazie social di Emiliano

Le parole d'amore di Sophia Loren per la Puglia: il grazie social di Emiliano

 
domani alle ore 20
Barri, un concerto in streaming dedicato a medici, infermieri e studenti

Bari, un concerto in streaming dedicato a medici, infermieri e studenti

 
La curiosità
Riccardo Muti a Bari? Forse in dicembre dirige al Petruzzelli

Riccardo Muti a Bari? Forse in dicembre dirige al Petruzzelli

 
La curiosità
Bari, «Varichina» sbarca in streaming per gli abbonati di Amazon Prime Video

Bari, «Varichina» sbarca in streaming per gli abbonati di Amazon Prime Video

 
Televisione
Bari a prova di chef: Borghese in città per una puntata di 4 Ristoranti

Bari a prova di chef: Borghese in città per una puntata di 4 Ristoranti

 
Cinema
Quella «Vita davanti a sé» illuminata dai colori di Bari

Quella «Vita davanti a sé» illuminata dai colori di Bari

 
La scomparsa di un mito
I tamburi del Paradiso suonano per D’Orazio

I tamburi del Paradiso suonano per D’Orazio

 
L'intervento
Lecce, Verdone al Festival del Cinema Europeo: «Se chiudono altri cinema sarà un disastro»

Lecce, Verdone al Festival del Cinema Europeo: «Se chiudono altri cinema sarà un disastro»

 
La decisione
Petruzzelli Bari, emergenza Covid: sospese stagioni lirica e sinfonica

Petruzzelli Bari, emergenza Covid: sospese stagioni lirica e sinfonica

 

Il Biancorosso

SERIE C
Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

Casertana-Bari 0-2: i biancorossi si rialzano dopo il ko con la Ternana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

Covid 19, positiva addetta ai pasti: chiusa scuola dell'infanzia a Lecce

 
BariIl caso
Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

Covid, rientra l'allarme in casa di riposo ad Alberobello: ora solo 1 positivo

 
FoggiaIl caso
Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito

Sparatoria in un quartiere popolare di Foggia: un ferito FOTO

 
TarantoL'evento
Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

Vela, sarà Taranto a ospitare la prima tappa europea della SailGP 2021

 
BatA Barletta
Natale al tempo del Covid 19, Boccia: «Con 700 morti al giorno è fuori luogo parlare di cenoni»

Natale col Covid, Boccia: «Con 700 morti al giorno fuori luogo parlare di cenoni. Aree provinciali? Non cambia»

 
PotenzaIl caso
Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

Potenza, i pilomat «vandalizzati» costano cari al Comune

 
BrindisiVita amministrativa
Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

Brindisi, bufera al Comune: sul bilancio Forza Itala e il Pd ai ferri corti

 
Potenzadati regionali
Covid in Basilicata, 281 nuovi positivi su circa 2mila test durante il week end e altri 4 decessiA Matera tamponi drive in con la Marina

Covid Basilicata, + 281 positivi su circa 2mila test durante week end e + 4 decessi. A Matera tamponi drive in con la Marina

 

i più letti

Cinema

Alfredo Pea e la relazione pericolosa: «Il set a Monopoli mi portò fortuna»

L’attore romano racconta il primo film da protagonista a 20 anni in «Cugini carnali» di Sergio Martino

BARI - La masseria Spina Grande, edificio fortificato che a Monopoli domina il «Parco rurale della Piana degli ulivi», e Castello Marchione, casina di caccia dei conti Acquaviva d’Aragona, feudatari di Conversano, sono due tra le tante location storiche del barese scelte dai cineasti per i set dei propri film.

Tra loro vi è Carlo Ponti (Magenta 1912-Ginevra 2007) il famoso produttore cinematografico, marito dell’attrice Sophia Loren, tra i primi negli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso a scoprire le «masserie da film» e le residenze fortificate che impreziosivano il territorio pugliese e trasformò in set di tanti film di successo.
C’è una data in particolare che segna l’inizio di quella che negli anni diverrà una consuetudine per la Puglia: la produzione di pellicole tra le mura di edifici secenteschi e settecenteschi.

È il 13 luglio 1974. A quella data è legato l’inizio delle riprese di una commedia sexy, «Cugini carnali», del regista Sergio Martino, un vero evento per il territorio. L’arrivo del cineasta lombardo, reduce dai trionfi hollywoodiani e che in quello stesso anno produsse «Il viaggio», capolavoro di Vittorio De Sica, fu salutato con entusiasmo sia per la scelta di girare un film nel barese che per l’interesse di Ponti per la Puglia.

Attratto dai luoghi (il lungometraggio fu girato a Conversano, Monopoli nel barese; a Lecce, Nardò e Porto Cesareo nel Salento) e mosso da spirito imprenditoriale, Carlo Ponti incontrò in quella circostanza numerosi amministratori locali per verificare la possibilità di investire nel cinema in Puglia e creare un indotto.

Suo «ambasciatore» fu il compianto attore barese Riccardo Cucciolla (1924-1999) che molto si spese per questa causa e creò le premesse per l’approdo in Puglia di altre case cinematografiche e per la produzione di altri film e fiction (allora denominate «sceneggiati»). «Quella esperienza - ricorda Alfredo Pea, attore protagonista in “Cugini carnali” - in realtà fu una prima volta un po’ per tutti: per Ponti che scopriva la Puglia, per me al settimo cielo per il primo contratto che mi permetteva di entrare nel mondo del cinema dalla porta d’oro, e per tanti colleghi e colleghe».

Che film fu «Cugini carnali»?

«Una pellicola, così si diceva una volta, che rientra nel filone della commedia sexy all’italiana, tratta da un romanzo. Io - spiega Pea -, appena ventenne, fui scelto per recitare la parte di uno studente liceale che dopo l’imprevisto incontro con una cugina americana venuta a Roma sia per le vacanze che per seguire le lezioni di latino e greco di mio padre preside di liceo, viene sedotto e vive la sua prima esperienza amorosa».

Quella ragazza, estroversa e anticonformista per quei tempi, siamo negli immediati anni del post-68 (l’anno delle lotte studentesche e degli stravolgimenti sociali) porta scompiglio in un paese di provincia, legato al moralismo diffuso nella società degli anni Settanta, in cui si insinua anche il dubbio di un tradimento coniugale e della paternità del parroco della chiesa, del quale il ragazzo sarebbe figlio naturale.

L’adolescente scelta per interpretare la cugina americana fu Susan Player. «Anche per lei, bellissima modella statunitense che qualche anno dopo sposò il celebre cantante jazz americano Al Jarreau - continua l’amarcord di Alfredo Pea -, quel film fu un trampolino di lancio. Ma non ci fu solo Susan, tutto il cast era stellare. Dall’attore gallese Hugh Griffith, allora anziano e famoso per aver recitato in “What” di Roman Polansky, all’indimenticato Riccardo Cucciolla che nel film recitò la parte di mio padre, preside e professore di latino».

Come fu il suo rapporto con Cucciolla?
«Conobbi, quella volta, una persona straordinaria. Riccardo fu, per me allora ventenne che si formava sul campo e sognava un futuro nel grande cinema, un vero padre, sul set e fuori. Mi dispensava consigli, anche sentimentali. Io ero alle prime armi ed ero già entrato a far parte della squadra di Carlo Ponti, una esperienza che avrebbe destabilizzato chiunque. Ma fu grazie a lui, al regista Sergio Martino e a Ponti stesso, che l’approdo nel grande cinema fu per me dolce. Ponti fece in modo che prima di definire il cast, per tutto il mese di agosto provassi con diverse attrici, allora poco conosciute. Parlo di Monica Guerritore, con cui ho ricordato quella esperienza in un evento recente, la sorella di Mia Farrow, la giovanissima Dalila Di Lazzaro. Erano tutte artiste sotto contratto con Ponti, che alla fine scelse come mia partner questa modella americana, scoperta leggendo Penthouse».

Pea confessa: «Quel film girato in Puglia mi consentì di scoprire altro ancora».
Cioè? «La fantastica vostra terra, che mi ha stregato con la sua luce, il clima, il paesaggio, le dimore storiche, il cibo, i volti e la gente ospitale. Sono quarantanove anni che lavoro nel mondo del cinema e dal 1974 la Puglia è diventata davvero casa mia. Ho tanti amici pugliesi, vi ritorno spesso, di recente ho girato le scene di alcune fiction per la televisione. L’ultima, quattro anni fa, è stata la serie “Il sistema”, diretta da Carmine Elia, con Claudio Gioè (prodotta da Rai Fiction con la collaborazione di Apulia Film Commission e trasmessa in prima serata su Raiuno, ndr)».

La cosa che ricorda più volentieri di quella esperienza del 1974?

«Tutto. Ma non dimenticherò mai i calessini e i cavalli bianchi. Me li fece scoprire Carlo Ponti in quei giorni di 46 anni fa che segnarono davvero il mio ingresso dalla porta d’oro nel mondo del cinema, dopo le prime esperienze, a 18 anni, quando presi la parte di poco più di una comparsa al film di Francesco Maselli sul movimento studentesco “Roma 70”».

Erano gli anni della contestazione, l’attore romano frequentava l’Istituto d’arte «che lasciai - ricorda - per il corso di arti sceniche tenuto da Alessandro Fersen. Fu quella volta che incontrai il regista Marco Bellocchio. Preparava “Nel nome del padre” e mi offrì un piccolo ruolo. Intanto facevo provini per la Rai e per il cinema e appena un anno dopo eccomi protagonista in “Cugini carnali”. Dopo il successo di quella pellicola, la Medusa mi scritturò per ben altri cinque film: il primo con Edwige Fenech, “L’insegnante”, fece un botto. L’incasso all’epoca fu di tre miliardi di lire. Poi entrai nel cast de “L’Agnese va a morire” di Giuliano Montaldo, in quello di “Caro Michele” di Mario Monicelli e via via in numerose coproduzioni spagnole e americane. Intanto per la Rai interpretavo il protagonista di “Dramma d’amore”, un grande sceneggiato come si diceva all’epoca, e molti altri ruoli in importanti produzioni, come “La piovra”, “Incantesimo”, “Orgoglio” e, per Mediaset, i più recenti “Ris”, “Il capo dei capi”, “Squadra antimafia”. Sono stato davvero fortunato. E con orgoglio rammento che tutto è cominciato da quella prima commedia girata nell’accogliente e solare Puglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie