Sabato 20 Ottobre 2018 | 12:15

NEWS DALLA SEZIONE

«Cipolla, lacrime, sapori e salute

 
INDAGINE EIKON GILEAD E 66 PREMI DEI BANDI GILEAD

Innovazione tra tecnologia, ricerca e comunità

 

Terapia a base di cellule staminali: Takeda Italia vinc...

 

Premio giornalistico «Riccardo Tomassetti»

 

Nel diabete, «l'occhio vuole la sua parte»

 

«Silver Generation» over 65: internet è il mio mestiere...

 

Lenti intraoculari di ultima generazione

 

Diabete di tipo 2

 

Tubercolosi: in Italia 12 ammalati al giorno, 350 morti...

 

Atrofia muscolare spinale: da diagnosi a quasi morte ce...

 

Vertigini, difficile individuarne la causa. La cura: a ...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Lo scorbuto, malattia del passato, nota come morbo dei marinai

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Lo scorbuto, malattia del passato, nota come morbo dei marinai che restavano in viaggio per mesi e, quindi non avevano scorte alimentari fresche e sufficienti, sta rifacendo capolino anche nel mondo occidentale? La rivista Usa Science Alert lo evidenzia con dati inequivocabili.

Com’è noto, lo scorbuto è dovuto alla carenza di vitamina C (acido ascorbico) che colpisce coloro che non consumano, o non lo fanno a sufficienza, frutta e verdura. Poiché il corpo non riesce ad autofabbricarsi questa vitamina, è necessario che essa sia introdotta con l’alimentazione. Ma, essendo questa vitamina termolabile, bisognerà utilizzare cibi crudi (la cottura distrugge la vitamina C) e ben conservati per non molto tempo.

La vitamina C è il sostegno del collagene che consente di conservare la struttura del nostro corpo e, in sua carenza, per esempio, le pareti dei vasi sanguigni vanno in malora.

La malattia si presenta con affaticamento facile, caduta di denti e capelli, emorragie ricorrenti specie dalle gengive, dolori articolari diffusi.

“Il primo caso che abbiamo diagnosticato in un giovane che – dice il dr Eric Churchill (Massachusetts, Usa) nel documentario “Vitamania” – mangiava solo pane e formaggio. Finora abbiamo diagnosticato una trentina di casi di scorbuto tra la nostra popolazione cittadina”.

Accusata numero uno è la povertà che induce la popolazione a mangiare – di necessità, virtù – cibi spazzatura ricchi di grassi che saziano. Verdura e frutta costerebbero troppo e, quindi, niente.

Nel 2016, un primo allarme veniva dall’Australia dove erano stati individuati 12 malati. Undici di loro “distruggevano” la vitamina C degli alimenti che essi erano abituati a far cuocere molto; l’altro paziente era diventato tale per la povertà che l’affliggeva.

Si inizia, intanto, a diagnosticare alcuni casi di scorbuto anche in Italia ed in Francia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400