Domenica 21 Aprile 2019 | 12:59

NEWS DALLA SEZIONE

I cambiamenti del linguaggio
Normalità ribelle

Normalità ribelle

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'intervento
Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

Quei ritratti dell'Emiliano «pittore»

 
HomeIl messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
LecceInchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Gesù bambino nasce a Taranto

DiversaMente

Michele Pacciano

Michele Pacciano

L'handicap è un dramma. Ma può anche diventare uno stimolo e una possibilità, uno sguardo diverso sul mondo. Proviamo ad andare oltre la rabbia e il piagnisteo. Capovolgiamo la prospettiva, guardiamo i problemi dall'interno, cerchiamo insieme le soluzioni.

Dal 22 dicembre a Taranto, presso l'ospedale SS. Annunziata, è stata inaugurata «La Culla per la vita», con accesso dalla discreta via Crispi. Il progetto è stato voluto e realizzato dal dr. Oronzo Forleo, direttore della Struttura Complessa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale. Da oggi, anche nel nostro sud, le mamme e i genitori che non vogliono/possono occuparsi del nascituro potranno «donarlo», in modo anonimo e garantendo la massima sicurezza al neonato, a coloro che sapranno amarlo, rispettarlo e garantirgli un futuro. La Culla infatti altro non è che una incubatrice confortevole e con sensoristica ultra moderna, collegata con delle videocamere al reparto di terapia intensiva neonatale. In caso di presenza neonato, il personale medico e infermieristico verrebbe immediatamente allertato per consentire l'immediato recupero del bimbo.

Continuano le adozioni facilitate attraverso gli ospedali. Già la consegna del premio Nobel Madre Teresa di Calcutta dichiaro che i genitori che non avessero voluto i bambini avrebbero potuto darli alle sue Suore della Carità. Cresce la cultura della vita, ma aumentano anche le polemiche.

Il vero problema rimane l'informazione e il senso di responsabilità di giovani generazioni sempre più ripiegati su se stesse e sfiduciate.

Il buon senso sembra ormai un'ispirazione divina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400