Venerdì 27 Maggio 2022 | 01:41

In Puglia e Basilicata

Controcorrente, oltre il politicamente corretto

Alex Zanardi e la lotta quotidiana

Alex Zanardi e la lotta quotidiana

20 Giugno 2020

Michele Pacciano

DiversaMente

Michele Pacciano

L'handicap è un dramma. Ma può anche diventare uno stimolo e una possibilità, uno sguardo diverso sul mondo. Proviamo ad andare oltre la rabbia e il piagnisteo. Capovolgiamo la prospettiva, guardiamo i problemi dall'interno, cerchiamo insieme le soluzioni.

Forse ad una persona con disabilità, non interessa discutere dei massimi sistemi,  discettare  in astratto di diritti conquistati o negati, piuttosto, quello contro cui lottare,  è una pedana che non c'è, magari quando vai al barbiere,  e da solo non ci puoi entrare, oppure un frigorifero che non si apre, quando tu sei solo in casa; e hai sete.

Non si può discutere di disabilità, con la testa di un normodotato, ci sarà  sempre un particolare, una piccola cosa, che non hai considerato e che rischia di rivelarsi, invece, fondamentale.

 Ogni handicap è un microcosmo a sé, forse non un mondo a parte, ma un'isola nella corrente certamente sì.

La tecnologia, può aiutarci molto, ma il primo aiuto, come ci insegna Alex Zanardi, che adesso lotta tra la vita e la morte dopo essere stato un simbolo per tutti noi, deve venire da dentro, dalla capacità di vedere quello che abbiamo e non quello che abbiamo perduto.

  La lotta è sempre quotidiana, dove un normodotato vede un  pericolo, una persona con disabilità vede una sfida. 

Speriamo che per Alex Zanardi questa non sia l'ultima, ma la terza di una serie di sfide vinte. Dicendo altro,  si rischierebbe di fare retorica, nel mondo della disabilità anche questo è molto facile.

Ad Alex, credo, non piacerebbe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Calendario dei post

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725