Martedì 18 Febbraio 2020 | 01:03

NEWS DALLA SEZIONE

La storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
Criminalità
Bomba sotto auto CC, commissione antimafia incontra prefetto Bat

Bomba sotto auto CC, commissione antimafia incontra prefetto Bat

 
Violenza sessuale
Barletta, palpeggia studentessa sul treno: arrestato

Barletta, palpeggia studentessa sul treno: arrestato

 
l'evento
Andria festeggia San Valentino con il Red Carpet dell'Amore

Andria festeggia San Valentino con il Red Carpet dell'Amore

 
La sentenza
toga

Canosa, comportamento ingiusto: «Illegittimi i licenziamenti alla Bcc»

 
falso allarme
Coronavirus, paziente cinese trasportato da Bisceglie: sta bene, test negativo

Coronavirus, paziente cinese trasportato da Bisceglie: sta bene, test negativo

 
Il processo a Lecce
Trani, «giustizia truccata», l'ex gip Nardi avverte un malore e salta l'udienza

Trani, «giustizia truccata», l'ex gip Nardi avverte malore. Udienza rinviata al 19

 
Nel pomeriggio
Barletta, passano i vigili: fallisce rapina in gioielleria, rinvenuto fucile

Barletta, intervengono i vigili: fallisce rapina in gioielleria, rinvenuto fucile

 
Il furto
Andria, ruba anelli ai pazienti arrivati in pronto soccorso privi di conoscenza: arrestato

Andria, ruba anelli ai pazienti svenuti arrivati in pronto soccorso: arrestato

 
L'annuncio
Trani, l'iniziativa dell'imprenditore: «Congedo extra ai neopapà dipendenti di Megamark»

Trani, l'iniziativa di Megamark: «Congedo extra ai neopapà dipendenti»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

Bari calcio: vittoria al San Nicola contro il Picerno: 3-0

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa tragedia
Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

Matera, 39enne si allontana da casa in auto: trovato morto in un dirupo

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

Potenza, maltrattamenti in Istituto Padri Trinitari: assolti

 
TarantoStalking
Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

Perseguita e violenta per 4 mesi una donna: arrestato 49enne nel Tarantino

 
FoggiaL'aggressione
San Severo, giovane di 32 anni accoltella anziano all'addome

San Severo, un trentaduenne accoltella anziano all'addome

 
LecceIl caso
Lecce, detenuto da fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

Lecce, detenuto dà fuoco alla sua cella: intossicati 5 agenti penitenziari

 
NewsweekLa storia
Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

Barletta, il «ragazzo delle farfalle» morto sulla strada. I genitori nelle scuole: mai più

 
BrindisiPallacanestro
Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

Basket, la Coppa Italia è di Venezia, battuta Brindisi 73-67

 

i più letti

cinema e calcio

Riccardo Scamarcio, l'andriese nell'ultimo film canta l'inno della Fidelis

Ne "Il ladro di giorni" mostra la sua fede calcistica

Andriese per sempre e ovunque. Un legame con la propria terra sempre vivo, anche adesso che ha raggiunto una grande maturità professionale, corroborata da una crescente fama internazionale. Riccardo Scamarcio ha regalato un'altra pillola di “andriesità” nel suo ultimo film “Il ladro di giorni”, uscito in tutte le sale italiane lo scorso giovedì 6 febbraio. E quale miglior strumento per rimarcare il suo essere andriese, se non quello passionale del calcio e dell'infinito amore mostrato verso la Fidelis.

Nella pellicola diretta dal regista Guido Lombardi, il Riccardo andriese interpreta il ruolo di un criminale che, appena uscito dal carcere, riabbraccia il proprio figlio. Il calcio diventa uno degli argomenti per avvicinarsi al piccolo, ed ecco lo sketch svolto in auto dove l'attore comincia a cantare un coro da stadio, di quelli che i tifosi azzurri intonano ancora oggi in Curva Nord dello stadio Degli Ulivi: “Di tempo ne è passato e sono ancora qua, e oggi come allora io tifo Andriaaaa”. Ma non è finita, perché segue il dialogo tra padre e figlio: “Per quale squadra tifi? La nazionale. Ma che nazionale, devi tifare Andria. Ma in che categoria sta? Sta in serie D, ma torneremo!!!”.

Un autentico spot per la città di Federico II, da parte di uno Scamarcio che nel 2018 ha anche ricevuto ad Andria la cittadinanza onoraria, come segno di riconoscimento verso un personaggio dello spettacolo che non perde mai l'occasione di rimarcare le proprie origini. Del resto non è la prima volta che il nome di Riccardo viene accostato a quello della Fidelis. In ogni sua ospitata televisiva o intervista sui giornali, il riferimento al calcio e alla sua Andria c'è sempre, perché è sempre vivo in lui l'attaccamento ai colori azzurri. Quei colori che ha imparato ad amare fin da piccolo, quando a portarlo allo stadio era il suo papà Emilio. Una abitudine mai persa, ma solo ridotta per gli inevitabili impegni di lavoro. Ma appena libero da tutto, ecco che Riccardo spunta tra gli spettatori presenti in ogni stadio (in casa e fuori) al seguito della squadra del cuore. E quando non c'è il calcio, c'è sempre la sua famiglia, il sole e gli ulivi da cui si lascia coccolare ogni volta che torna ad essere andriese doc.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie