Domenica 15 Dicembre 2019 | 08:01

NEWS DALLA SEZIONE

capodanno
Lecce, per le notti di fine anno arrivano Nina Zilli e Canzoniere Grecanico Salentino

Lecce, per le notti di fine anno arrivano Nina Zilli e Canzoniere Grecanico Salentino

 
nuove uscite
Acquasumarte: ecco il video di «Vita d'artista», title-track del nuovo album della band di Monopoli

Acquasumarte: ecco il video di «Vita d'artista», title-track del nuovo album della band di Monopoli

 
concerti
Nek, il tour si conclude a gennaio a Lecce e Bari

Nek, il tour si conclude a gennaio a Lecce e Bari

 
l'evento
Il rap sperimentale di Rkomi in concerto al Demodé di Modugno

Il rap sperimentale di Rkomi in concerto al Demodé di Modugno

 
L'intervista
Torna a Bari Notre Dame de Paris, il pugliese Graziano Galatone è tra le colonne del cast

Torna a Bari Notre Dame de Paris, il pugliese Graziano Galatone è tra le colonne del cast

 
nuove uscite
«Solo un ricordo»: l'amore al capolinea cantato dal pugliese Jo Penta

«Solo un ricordo»: l'amore al capolinea cantato dal pugliese Jo Penta

 
nuove uscite
«Sottozero»: la salentina Martina Pianura canta l'insicurezza dei suoi 17 anni

«Sottozero»: la salentina Martina Pianura canta l'insicurezza dei suoi 17 anni

 
nuove uscite
«Cuore Rotto», dal Salento la musica di Ale contro il bullismo

«Cuore Rotto», dal Salento la musica di Ale contro il bullismo

 
musica
«Ophelia», l'esordio della salentina Valentina Marra, con un'«incursione» di Alessandro Quarta

«Ophelia», l'esordio della salentina Valentina Marra, con «incursione» di Alessandro Quarta

 
l'intervista
«Fotografia», dal Salento i Malamore si raccontano

«Fotografia», dal Salento i Malamore si raccontano

 
musica
«A-Cross»: a Lecce Julielle presenta l'EP d'esordio

«A-Cross»: a Lecce Julielle presenta l'EP d'esordio

 

Il Biancorosso

serie c
Bari: senza Di Cesare e Scavone, a Caserta per chiudere l'andata in bellezza

Bari: senza Di Cesare e Scavone, a Caserta per chiudere l'andata in bellezza

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiVia 53mila persone
Bomba day

Brindisi, evacuazione all'alba per bomba-day: città deserta, artificieri Esercito al lavoro

 
GdM.TVAllarme bomba
Bari, borsone sospetto su  panchina davanti alla stazione: traffico bloccato, zona transennata

Bari, borsone sospetto su panchina davanti alla stazione: traffico bloccato, zona transennata

 
Leccenel Leccese
Lizzanello, colpi di pistola contro vetrina parrucchiere: indagano i cc

Lizzanello, colpi di pistola contro vetrina parrucchiere: indagano i cc

 
Tarantosulla SS 106
Taranto, guida ubriaco con 200 stecche di sigarette nel portabagagli: denunciato

Taranto, guida ubriaco con 200 stecche di sigarette nel portabagagli: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Manfredonia, barche «in regola», ma senza controlli: arrestati 4 militari Capitaneria

Manfredonia, barche risultavano «in regola»: arrestati 2 militari Capitaneria, 27 indagati

 
Materanel Materano
Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

Base logistica mafia lucana a Bernalda: un altro fermo

 
Batil caso
Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

Bat, concorso funzionari ex Provincia: c'è l'ombra di una parentopoli

 
HomeMaltempo in Basilicata
Lauria, vento spazza via tetto di una palestra: ci sono feriti

Lauria, tromba d'aria spazza via tetto del PalaAlberti: 8 feriti, grave 28enne VD/FT

 

i più letti

nuove uscite

Da Martina Franca i Carena in «Nefertiti» cantano la provincia

La band presenta il disco d'esordio, registrato negli studi di Renzo Rubino

Esce oggi, venerdì 25 novembre, Nefertiti, album d'esordio dei martinesi Carena, un'opera introspettiva che racconta le storie d'amore, le notti umide e la lenta vita nella provincia pugliese. Un disco di amicizia, atmosfere sognanti e complicità, che ha preso vita nell'estate 2018, quando la band, composta da Giovanni Maggi (voce e tastiera), Giovanni Palmer (chitarra), Claudio Pulito (batteria), accompagnati da Fabrizio Convertini (basso), è entrata negli studi di Giungla Factory. Il disco è anticipato da tre singoli, l'ultimo dei quali, FBI, è accompagnato da un video onirico e tenebroso: ce lo siamo fatto raccontare dal chitarrista Giovanni Palmer.

«Nefertiti»: come nasce questo disco?

«Prende il nome da un brano a cui teniamo molto, non è un singolo ma ha avuto nuova vita dando il nome a tutto l'album. La nostra è una storia d'amicizia, ci conosciamo e suoniamo insieme da sempre, ma solo nel 2017 abbiamo cominciato a pensare di poter applicare i nostri 'tempi dispari' e le nostre 'dissonanze' alla musica pop. Le canzoni le ho scritte io, le ho portate in sala prove, e abbiamo deciso di registrarle negli studi di Giungla, di Renzo Rubino, tanto che il suo produttore (Fabrizio 'Faco' Convertini, ndr.) si è talmente appassionato al progetto che ha deciso di iniziare a suonare con noi. I brani grazie a lui hanno preso una nuova veste, se avessi potuto io il disco l'avrei chiamato 'Provincia', parla di quello, di Martina Franca, del nostro territorio in inverno così triste e d'estate così ricco. Viviamo in una forte ambivalenza, anche di sentimenti»

Quali sono le vostre ispirazioni?

«Ci siamo avvicinati alla musica italiana grazie al Teatro degli Orrori, da lì ci siamo spostati dall'ascoltare solo artisti americani, e siamo passati anche al filone indipendente italiano. Oggi ci piace il cantautorato classico, da De Andrè a De Gregori, ma anche tanti nuovi, da Calcutta a Giorgio Poi. Continuiamo, però, a farci ispirare dall'America e dai suoi suoni campionati»

Qual è stata la vostra prima esibizione come Carena?

«Onestamente? Non me lo ricordo. Sicuramente nel 2017, ma è stato tutto talmente naturale che non c'è stato un vero e proprio passaggio da quello che eravamo prima ai Carena. Anche il fatto di dover registrare un album è stata una conseguenza naturale, non ci siamo imposti di entrare in studio, ci siamo ritrovati»

La vostra Valle d'Itria gioca un ruolo importante nel vostro fare musica

«Viviamo in un territorio bellissimo da questo punto di vista, siamo circondati da altri artisti, siamo tutti amici, ci scambiamo opinioni, la natura circostante ci ispira. Qui da noi si sta bene, amo l'idea di prendere la macchina e arrivare in due minuti nella selva o in mezzo agli ulivi»

Prossimi progetti?

«Stiamo organizzando il tour di promozione di Nefertiti, quindi saremo un po' in giro. Poi spero in un nuovo album in tempi brevi, c'è tanta voglia di tornare in studio»

Chiudiamo sognando: un palco su cui vi piacerebbe suonare?

«Premettendo che tutti i palcoscenici sono importanti, pur sapendo che nel settore fa 'brutto' dirlo, mi piacerebbe andare al Festival di Sanremo, o con i Carena, o come autore. Ad ogni modo sarebbe bellissimo, anche se poi la sensazione più bella è il riuscire a far arrivare quello che provo mentre scrivo a chi lo ascolta»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie