Venerdì 18 Ottobre 2019 | 13:05

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Taranto, spaccia ovuli di hashish mentre è ai domiciliari: in manette 24enne

Taranto, spaccia ovuli di hashish mentre è ai domiciliari: in manette 24enne

 
Il caso
Allarme cinghiali, Cia denuncia: «Danni nei campi del Tarantino»

Allarme cinghiali, Cia denuncia: «Danni nei campi del Tarantino»

 
Emissioni nocive
Taranto, scudo penale a Mittal: «Sarà affrontato a parte»

Taranto, scudo penale a Mittal: «Sarà affrontato a parte»

 
Lunedì
Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

Taranto, ministro Fioramonti a inaugurazione anno scolastico

 
Al molo Sant'Eligio
Taranto, blue economy: inaugurata la Fiera del Mare

Taranto, blue economy: inaugurata la Fiera del Mare

 
Omicidio
Giallo a Milano: tarantino di 63 anni crivellato di colpi sotto casa

Giallo a Milano: tarantino di 63 anni crivellato di colpi sotto casa

 
Taranto
Dl imprese, M5S punta i piedi: no a immunità penale ex Ilva: «Non serve»

Dl salva imprese, M5S punta i piedi: no a immunità penale ex Ilva: «Non serve»

 
un 36enne
Taranto, in casa 16kg di sigarette di contrabbando: arrestato

Taranto, in casa 16kg di sigarette di contrabbando: arrestato

 
Taranto
ArcelorMittal, ex ad Jehl: «Nel 2019 investiti 200mln di euro per l'ambiente»

ArcelorMittal, ex ad Jehl: «Nel 2019 investiti 200mln di euro per l'ambiente»

 
nel Tarantino
Manduria, anziano pestato a more: Cassazione respinge ricorso dei due «bulli»

Manduria, anziano pestato a morte: Cassazione respinge ricorso dei due «bulli»

 

Il Biancorosso

Domenica
Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Truffe online ai danni di anziani ne Potentino: 3 denunce

Truffe online ai danni di anziani nel Potentino: 3 denunce

 
TarantoIl caso
Taranto, spaccia ovuli di hashish mentre è ai domiciliari: in manette 24enne

Taranto, spaccia ovuli di hashish mentre è ai domiciliari: in manette 24enne

 
BariL'operazione dei cc
Bari, nel mirino dei cc i parcheggiatori abusivi: pioggia di denunce

Bari, nel mirino dei cc i parcheggiatori abusivi: pioggia di denunce

 
MateraLa struttura
Pisticci, «Pista Mattei? Si apra ai voli turistici e di affari»

Pisticci, «Pista Mattei? Si apra ai voli turistici e di affari»

 
Leccela mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
BrindisiLa beffa
Fasano, tornano i ladri di galline: pollaio «svuotato» in due notti

Fasano, tornano i ladri di galline: pollaio «svuotato» in due notti

 
BatIl caso
Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

Barletta, campo di gioco non omologato: chiuso lo stadio «Simeone»

 

i più letti

I nodi dell'acciaio

Taranto, il caso immunità penale di Mittal approda alla Consulta

Al vaglio la questione di legittimità proposta dal gup Ruberto

Taranto, il caso immunità penale di Mittal approda alla Consulta

TARANTO - Approda oggi al vaglio della Consulta la questione di legittimità costituzionale proposta dal gip del Tribunale di Taranto Benedetto Ruberto sull'immunità penale e amministrativa del commissario straordinario, dell'affittuario o acquirente e dei soggetti da questi funzionalmente delegati per l'attuazione del piano ambientale per lo stabilimento ex Ilva.

Nel procedimento risultano costituiti, oltre all'Avvocatura dello Stato, ArcelorMittal (con gli avvocati Massimo Luciani e Elisabetta Gardini), ad adiuvandum la Regione Puglia (con gli avvocati Francesco Saverio Marini, Rossana Lanza e Anna Bucci).
La decisione del gip fu assunta dopo la riunione di tre procedimenti penali riguardanti inchieste sulle emissioni dello stabilimento siderurgico. Il nodo giuridico fondamentale non è l’immunità di vertici e gestori dello stabilimento siderurgico ma la legittimità costituzionale del quinto comma dell’articolo 2 del decreto-legge 191 del 4 dicembre 2015 (Disposizioni urgenti per la cessione a terzi dei complessi aziendali del Gruppo Ilva), poi convertito in legge e affiancato da ulteriori disposizioni urgenti per il completamento della procedura di cessione. Quel comma, finora mai messo in discussione da governo e Parlamento, riguarda la proroga della facoltà d’uso dello stabilimento sequestrato ben oltre l’originario termine di 36 mesi. Spetta ai giudici costituzionali valutare se quelle norme alla base della cessione dell’ex Ilva al gruppo ArcelorMittal rispettano la Costituzione o sono sbilanciate in favore dell’attività aziendale. La questione di legittimità è stata sollevata dal giudice Ruberto l’8 febbraio scorso. Son ben sette gli articoli della Costituzione che il magistrato ritiene violati dalle norme poste alla base della cessione del siderurgico.

Nella decisione sull’ammissibilità, la Corte Costituzionale ricorda che, «avuto riguardo al primo aspetto, concernente la prosecuzione dell’attività produttiva presso lo stabilimento siderurgico Ilva di Taranto, il giudice a quo afferma che uno dei temi di indagine che intende approfondire riguarda l’eventuale permanenza dei fenomeni emissivi, di modo che le condotte su cui si sta indagando o che potrebbero essere oggetto di potenziali nuove indagini non riguardano solo il biennio 2014-2015, ma anche il 2016 (di cui al procedimento penale n. 7297/17 mod. 44) e, astrattamente, gli anni successivi, ove si consideri che si tratta di condotte riguardanti reati permanenti, la cui consumazione è strettamente connessa al ciclo produttivo, mai interrottosi».

Il giudice Ruberto nella sua istanza ha evidenziato «tenuto conto che la stessa attività produttiva, giusto Dpcm 29 settembre 2017, è stata autorizzata sino al 23 agosto 2023, data di scadenza dell’autorizzazione integrata ambientale e termine ultimo per la realizzazione degli interventi del piano ambientale» e che «le indagini non potrebbero non tener conto che si tratta di un’attività autorizzata per legge a proseguire, nonostante lo stesso legislatore l’abbia ritenuta fonte di pericoli gravi e rilevanti per l’integrità dell’ambiente e della salute». Da qui «sorge la ritenuta necessità di scrutinare la conformità a Costituzione delle disposizioni che hanno consentito e che stanno tuttora consentendo allo stabilimento Ilva di Taranto la prosecuzione dell’attività produttiva in costanza di sequestro penale».
La settimana prossima il Senato discuterà il decreto-crisi che ad agosto a reintrodotto le tutele legali ad ArcelorMittal che il decreto-crescita di giugno aveva delimitato allo scorso 6 settembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie