Lunedì 03 Ottobre 2022 | 22:19

In Puglia e Basilicata

Il caso

Ginosa, migranti sfruttati nei campi: un arresto per caporalato

Sfruttamento nei campipreso «caporale» bulgaro

In manette un 39enne tunisino

21 Agosto 2019

Redazione online

TARANTO - Un 39enne tunisino è stato posto agli arresti domiciliari da carabinieri di Taranto per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro quale soggetto «intermediario-caporale». L’uomo avrebbe sfruttato cinque braccianti, di cui due originari del Niger regolarmente assunti e tre originari del Mali senza permesso di soggiorno che lavoravano 'in nero, per la raccolta di pomodori in un terreno di contrada Passo Giacobbe, a Ginosa, di proprietà di un 58nne di Laterza, denunciato in stato di libertà per gli stessi reati.

Secondo l’accusa, i braccianti lavoravano per 10-12 ore al giorno con una retribuzione inferiore a quanto previsto dalle disposizioni vigenti, in precarie condizioni igieniche, in violazione alle norme contrattuali di salute e sicurezza sul lavoro. Al proprietario del terreno sono state contestate violazioni amministrative per 38mila euro e comminate ammende per circa 36mila euro con la sospensione dell’attività imprenditoriale. I cittadini del Mali senza permesso di soggiorno sono stati condotti nell’Ufficio Stranieri della Questura di Taranto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725