Martedì 23 Luglio 2019 | 00:36

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Verso Parco Loppa
Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

Ex Ilva, si rompe tubatura fuori servizio e sversa olio: tamponata perdita

 
Per lo stabilimento di Taranto
ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

ArcelorMittal, riunita oggi la task force sulla sicurezza

 
Al Moscati
Taranto, minaccia infermieri e aggredisce medico in ospedale: denunciato

Taranto, minaccia infermieri e aggredisce medico in ospedale: denunciato

 
Nel Tarantino
Martina Franca, allevatore incornato dal toro: è grave

Martina Franca, allevatore incornato dal toro: è grave

 
L'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 
Dalla polizia
Taranto, la madre non gli dà soldi per la droga, lui tenta di strangolarla: arrestato

Taranto, la madre non gli dà soldi per la droga, lui tenta di strangolarla: arrestato

 
nel tarantino
Massafra, riduce il figlio in schiavitù, lo picchia e lo isola: arrestato 47enne

Massafra, riduce il figlio in schiavitù, lo picchia e lo isola: arrestato 47enne

 
Al rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
A taranto
ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

 
L'appuntamento
Grottaglie, alle Cave di Fantiano arriva La Traviata

Grottaglie, alle Cave di Fantiano arriva La Traviata

 

Il Biancorosso

IL CALENDARIO
Bari, ecco i prossimi impegnidal Pisa alla coppa Italia

Bari, ecco i prossimi impegni: dal Pisa alla coppa Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'operazione
Lecce, lido abusivo a Torre Castiglione: sequestrato dalla Guardia Costiera

Lecce, lido abusivo a Torre Castiglione: sequestrato dalla Guardia Costiera

 
TarantoL'incidente
Taranto, investe donna e fugge via: rintracciato pirata della strada

Taranto, investe donna e fugge via in auto: rintracciato pirata della strada

 
Brindisi«Felicità è donare»
Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

Brindisi, emergenza sangue: Al Bano in prima fila a sostegno delle donazioni

 
MateraIl caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
FoggiaSanità
Foggia sanità service, Emiliano: «firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato»

Foggia, Sanità Service: firmati 150 contratti di lavoro a tempo indeterminato

 
PotenzaDalla Polizia Locale
Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

Basilicata, spiagge sicure: più di duemila beni sequestrati

 

i più letti

La baby gang

Manduria, dopo caso Stano altro disabile picchiato dal branco: 2 ordinanze

Notificate a due maggiorenni già in carcere per le botte a Stano

Manduria, dopo caso Stano altro disabile picchiato dal branco: 2 ordinanze

MANDURIA - La Squadra Mobile di Taranto ha notificato una ordinanza di custodia cautelare in carcere per l'aggressione a un disabile di 53 anni di Manduria a due giovani di 19 e 23 anni, già detenuti nell’ambito dell’inchiesta sulla baby gang che ha violentemente bullizzato Antonio Stano, il 66enne pensionato disabile di Manduria morto il 23 aprile. Il provvedimento restrittivo è stato firmato dal gip su richiesta del procuratore Carlo Capristo e del sostituto procuratore Remo Epifani.

I due maggiorenni rispondono in concorso con due minorenni ai quali ieri era stata notificata (9 misure cautelari complessive, per un maggiorenne e 8 minorenni) una ordinanza di collocamento in comunità, anche loro già detenuti nel carcere minorile Fornelli di Bari per le aggressioni ad Antonio Stano.

La seconda vittima della baby gang è un uomo affetto da insufficienza mentale grave. L’1 aprile scorso, in ore notturne, fu attirato all’esterno della sua abitazione. Per «puro passatempo» i bulli lo colpirono violentemente con calci e pugni, fino a provocargli l’avulsione dei denti incisivi. L'episodio, emerso dalla disamina di un ulteriore video trovato nel telefono di uno degli indagati (che ha ripreso l’intera scena), è stato ricostruito attraverso l’analisi di tabulati prima e di rilievi (analisi morfologica) del Servizio di Polizia Scientifica. 

LA DIOCESI: PER NOI IMPOSSIBILE INTERVENIRE - «Gli indagati, benché minori, sarebbero però vicini alla maggiore età. Poiché la frequenza degli ambienti formativi parrocchiali è sempre e soltanto su base volontaria - e giammai obbligatoria - e tenuto conto che gli indagati (almeno per quelli di cui si conosce l’identità) già da qualche anno non frequentavano più abitualmente la parrocchia né partecipavano alle attività formative e aggregative proposte dalla stessa, era dunque pressoché impossibile intervenire sugli stessi». Lo afferma la Diocesi di Oria replicando alle dichiarazioni rilasciate ieri dal procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo, nel corso della conferenza stampa in cui sono stati illustrati i dettagli dell’inchiesta che ha portato all’arresto di un maggiorenne e otto minorenni nell’ambito dell’inchiesta sulla morte di Antonio Stano e sull'aggressione a un altro disabile di Manduria.

Il procuratore aveva manifestato perplessità sul fatto che la parrocchia non fosse in qualche modo intervenuta nei confronti dei minori accusati delle aggressioni a Stano che avrebbero frequentato la stessa struttura religiosa. «I fatti contestati agli indagati - aggiunge la Diocesi - sono avvenuti nell’arco temporale che va dal 3 marzo all’1 aprile in ore notturne, orario in cui nella parrocchia non vi è più nessuno, considerato che le attività comunitarie sono già terminate e che il parroco risiede altrove». La Diocesi osserva ancora «che richieste di intervento alle istituzioni preposte alla tutela dei cittadini sono state fatte più volte nel corso del tempo sia dai vicini del compianto Stano che da operatori della parrocchia. In ultimo, nei primi giorni dello scorso aprile, anche su indicazione di un funzionario di Polizia, i vicini di Stano e il parroco hanno provveduto a inoltrare formale segnalazione per un intervento che tutelasse il compianto Antonio Cosimo». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie