Martedì 18 Giugno 2019 | 18:58

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Ex Ilva, operaio muore di tumore, un collega: «La fabbrica uccide»

Ex Ilva, operaio muore di tumore, lo sfogo di un collega: «La fabbrica uccide»

 
Il siderurgico
Ex Ilva, le vittime chiedono un nuovo giudizio alla Corte di Strasburgo

Ex Ilva, le vittime chiedono un nuovo giudizio alla Corte di Strasburgo

 
al rione tamburi
Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

Taranto, spaccia eroina in casa: arrestato pluripregiudicato

 
Città nostra
Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

Taranto, chiuse indagini su due clan: sotto accusa 31 persone

 
Lotta alla droga
Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

Taranto, sorpreso con un chilo di hashish: arrestato 26enne

 
L'incidente
Grottaglie, scontro frontale tra auto: un morto e un ferito grave

Grottaglie, scontro frontale tra auto: un morto e un ferito grave

 
L'irruzione
Ex Ilva, blitz dei genitori tarantini al consiglio comunale: «Dateci risposte»

Ex Ilva, blitz dei genitori tarantini al consiglio comunale: «Dateci risposte»

 
Vicino l'Ex Ilva
Taranto, auto impatta contro pullman: morto 19enne

Taranto, scontro frontale tra auto e pullman: morto 19enne

 
L'annuncio
Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

 
La concessione
Manduria, sedie job per disabili in spiaggia: via libera al bando

Manduria, sedie job per disabili in spiaggia: via libera al bando

 
La tragedia
Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

Fragagnano, a centinaia ai funerali del pompiere morto

 

Il Biancorosso

LA CURIOSITA'
De Laurentiis e Simeri a MykonosTutto sulle vacanze del Bari

De Laurentiis e Simeri a Mykonos. Tutto sulle vacanze del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl processo
Omicidio anziana di Bitonto, favorirono latitanza boss Conte: in 2 a giudizio

Omicidio anziana di Bitonto, favorirono latitanza boss Conte: in 2 a giudizio

 
PotenzaMaltempo
Bombardamento di grandine a Potenza: auto rimaste in panne

Bombardamento di grandine a Potenza: auto rimaste in panne

 
HomeIl caso
Ex Ilva, operaio muore di tumore, un collega: «La fabbrica uccide»

Ex Ilva, operaio muore di tumore, lo sfogo di un collega: «La fabbrica uccide»

 
LecceSalento
Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

Abuso d'ufficio, indagato ex presidente Provincia di Lecce Gabellone

 
BrindisiMinacce e lesioni
Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

Brindisi, litiga con la fidanzata e le rompe il naso: denunciato

 
Foggianel Foggiano
Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

Poggio Imperiale, morta Nonna Peppa, la donna più anziana d'Europa

 
MateraNel Materano
Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

Boom case vacanza nel Metapontino, terza località in Italia

 
BatDal geologo Dellisanti
Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta nuova grotta carsica

 

i più letti

In via Galeso

Taranto: il cestello della gru si ribalta, muoiono due operai al lavoro

I due erano al lavoro in un palazzo nel rione Tamburi, periferia nord del capoluogo

Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

Due operai sono morti cadendo questa mattina da un'impalcatura in via Galeso, a Taranto, nel Rione Tamburi, periferia nord-occidentale della città. Dalle prime ricostruzioni pare che si sia spezzata la gru e i due siano precipitati. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. Non indossavano i caschi di protezione né erano imbracate le due vittime dell’incidente sul lavoro: si chiamavano Giovanni Palmisano, di 33 anni, titolare di un’azienda edile di Locorotondo (Bari), e Angelo D’Aversa, di Statte (Taranto), dipendente di un’altra azienda edile impegnata nei lavori di ristrutturazione dell’immobile.
I due, dopo che si è sganciato in parte il cestello dal braccio elevatore, sono precipitati nel vuoto da un’altezza di circa 15 metri e sono morti sul colpo.

L'ARCIVESCOVO: «SIAMO COSTERNATI» - «Rimaniamo costernati nell’apprendere dell’ennesimo incidente sul lavoro che è costata la vita a due operai edili, avvenuto oggi». Lo sottolinea l’arcivescovo di Taranto Filippo Santoro riferendosi alla morte di due operai precipitati da un ponteggio mobile per la ristrutturazione di una palazzina in via Galeso al quartiere Tamburi di Taranto. «Non conosciamo i dettagli su quanto accaduto, nulla sappiamo - aggiunge mons. Santoro - sulle cause che saranno accertate dalle autorità competenti; quel che non ci stancheremo mai di pretendere è che il lavoro sia sicuro, che vengano rispettate tutte le prescrizioni che spesso vengono ignorate o aggirate, cosa che in tanti casi i lavoratori sono costretti ad accettare a causa della necessita di garantirsi un reddito». «Esprimiamo tutta la nostra vicinanza - conclude l’arcivescovo - alle famiglie, ai congiunti che sono stati colpiti dal dolore più grande e che affidiamo al Signore insieme ai loro cari».

LE PAROLE DEI SINDACATI - «La notizia delle due morti bianche al quartiere Tamburi arriva mentre come organizzazioni sindacali ci preparavamo all’incontro che il prossimo 20 novembre, in Prefettura, ci metterà nella condizione di esaminare la bozza di protocollo per la sicurezza dei lavoratori nel settore dell’edilizia. Oltre al cordoglio alle famiglie sentiamo il peso dell’urgenza». Così in una nota congiunta le segreterie confederali di Cgil, Cisl e Uil e di categoria di Fillea, Filca e Feneal di Taranto in merito alla morte di due operai edili caduti dal cestello di un braccio elevatore durante i lavori di ristrutturazione di una palazzina in via Galeso. «Il drammatico incidente - aggiungono le organizzazioni sindacali - si verifica non negli ambiti classici dell’impiantistica industriale, ma in un normalissimo cantiere edile di un condominio. Segno evidente che il tema della sicurezza e il rispetto delle regole stentano ancora ad entrare nel dna di tutti i tipi di imprese. Lamentiamo, inoltre, da tempo il taglio agli investimenti che riguardano soprattutto il potenziamento degli organismi di controllo e di ispezione all’interno dei cantieri e chiediamo che si torni ad avere particolare attenzione sul tema della sicurezza che non riguarda solo il personale ma anche i mezzi impiegati». Il Protocollo proposto «dalla Prefettura di Taranto, alla vigilia - concludono - di una grande stagione di investimenti infrastrutturali per la città capoluogo, ha proprio lo scopo di potenziare questi strumenti, partendo anche dalla formazione che è prevenzione non solo per i lavoratori ma anche per le aziende del settore».

(foto Todaro)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie