Venerdì 19 Agosto 2022 | 21:47

In Puglia e Basilicata

Lecce, aggressione a Conte: «Paura per la famiglia»

Lecce, aggressione a Conte: «Paura per la famiglia»
Quattro persone hanno atteso che finisse di giocare una partita di calcetto e lo hanno avvicinato. Uno lo avrebbe colpito con un pugno. L'episodio è avvenuto a Spiaggia bella, una località balneare a pochi chilometri dal capoluogo salentino. Il tecnico del Bari è nato a Lecce

18 Agosto 2008

Antonio ConteLECCE - Il tecnico del Bari, il leccese Antonio Conte, è stato aggredito nel pomeriggio a Spiaggia bella, una località balneare a pochi chilometri da Lecce, poco dopo aver partecipato a una partita di calcetto. Quattro persone, sopraggiunte a bordo di una Lancia Y - secondo la ricostruzione dell'episodio al vaglio dei carabinieri - hanno atteso che finisse di giocare e lo hanno avvicinato. Uno lo avrebbe colpito con un pugno. Gli altri giocatori e alcuni testimoni sono intervenuti in difesa di Conte e hanno messo in fuga gli aggressori che avrebbero maneggiato anche alcune spranghe.

L'ostilità delle frange estreme del tifo leccese nei confronti dell'allenatore si è accentuata da quando l'ex capitano della Juve ha accettato di guidare il Bari: le tifoserie barese e leccese, infatti, sono divise da antica rivalità. Nello scorso maggio il Bari, già salvo, espugnò il campo del Lecce che con la sconfitta fu costretto a disputare gli spareggi per la promozione in A.

E' successo una cosa gravissima - ha dichiarato Conte - cose che vanno al di la dello sport. E' stata un'azione premeditata ma per cosa: perchè ho esultato 15 anni fa quando ero nella Juventus o perchè sono l'allenatore del Bari? Dare una risposta è anche assurdo. Stiamo andando verso un punto di non ritorno, bisogna aver paura di tutto. Questi mezzi delinquenti non hanno avuto rispetto di nessuno nemmeno della memoria di mio cugino e dei tanti presenti compresi i bambini che urlavano dalla paura. Ora Conte ha paura di rimanere a Lecce? Non ho paura di nessuno - continua - non ho bisogno di scorta ma mi preoccupo solo per la mia famiglia. Sono nato qui e resto leccese. Questi delinquenti non mi faranno cambiare idea sui miei concittadini.
Conte ha inoltrato denuncia contro ignoti.

• Calcio: il barese Legrottaglie chiamato in Nazionale
• Giochi: Calabrese negli ottavi contro la colombiana Patino nel taekwondo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725