Lunedì 27 Giugno 2022 | 20:11

In Puglia e Basilicata

IL FENOMENO

In mare con l’ala gonfiabile: il wing foil impazza in Puglia

In mare con l’ala gonfiabile: il wing foil impazza in Puglia

Tutti pazzi poer il wing foil sulle coste della Puglia

Le nuove frontiere della vela: già 30 praticanti al top, previste due gare tra Vieste e Brindisi

16 Maggio 2022

Alessandra Montemurro

A poco più di due anni dalla sua nascita, ormai si vede in tutte le spiagge del mondo e conta migliaia di praticanti. Anche in Italia i numeri non sono da meno. Nei mari e laghi ormai è sempre più facile vedere appassionati di questo sport volante. È il wing foil, un’ala gonfiabile che si tiene in mano e permette di sfruttare il vento a bordo di qualsiasi tavola, meglio se dotata di hydrofoil. Una delle ultime discipline arrivate in casa della Federazione Italiana Vela è dunque il wing foil: prende un po’ dal surf, dal windsurf, dal kitesurf, dal Sup, ma non sostituisce niente e permette di navigare liberi, leggeri, farsi spingere dal vento e divertirsi tra il mare e il cielo.

Il wing foil è costituito da un’ala gonfiabile ad alta efficienza che si tiene con le mani, una tavola e un hydrofoil. Per navigare si sfrutta la propulsione della wing (l’ala). Raggiunta una certa velocità quindi il foil genera «lift» (cioè la tavola si solleva dall’acqua) e permette di eseguire evoluzioni spettacolari anche in condizioni di vento non particolarmente elevate.
Attualmente inserito sotto l’egida della classe kiteboard in Italia, il wingfoiling si appresta a diventare una disciplina velica a tutti gli effetti. A fine maggio la conferenza annuale di World Sailing, la federazione internazionale della vela, ha all’ordine del giorno il riconoscimento della classe Iwsa (International wing sports association), contestualmente all’assegnazione dei titoli mondiali e continentali. Un vero e proprio calcio di inizio che aiuterà ancora di più a far divenire popolare e strutturato questo nuovo sport, che costituirà una vera e propria nuova classe di vela che aspira a diventare olimpica, e che unisce le tecniche di navigazione del windsurf, kitesurf, hydrofoil e stand up paddle.

«In Italia i praticanti vengono contati attraverso sondaggi commerciali dei vari marchi e ad oggi se ne contano circa 5.000, ma ogni settimana sono in rapido aumento - spiega Mirco Babini, presidente della Classe nazionale Ckwi (Classe kiteboarding e wingsport Italia), e consigliere della classe internazionale Iwsa che ha sede in Svizzera -. In Puglia ce ne sono una trentina circa ad oggi, tra Bari, Lecce, Gallipoli, Porto Cesareo, Barletta, Taranto. Sono i primi e stanno veicolando questo sport. Il più bravo al momento è Alessio Barbera di Taranto che ha già partecipato lo scorso anno a diverse gare. Si tratta - prosegue Babini - di una comunità che ha trovato il momento propizio portando una ventata moderna dei board sport, un po’ come accadde oltre vent’anni fa per il kite, ora con l’avvento del foiling, questo modo di andare per mare volando sul pelo dell’acqua. Per imparare ci si affida a scuole federali, Fiv in particolar modo, che garantiscono un approccio sicuro e professionale anche in questo campo. Alcune scuole vela hanno trovato nel wingfoil un modo per avvicinare nuovi appassionati».

La classe nazionale dall’anno scorso ha programmato un circuito di varie tappe in Italia, sempre più partecipato e seguito dai nuovi atleti. Vale anche per la Fiv, la federazione italiana vela che non appena il wingfoil sarà incluso negli elenchi World Sailing darà struttura istituzionale attraverso l’inserimento nelle normative delle attività didattiche e formative. In Italia avremo due eventi internazionali importanti nel 2022: il Wingfoil Eurocup inserito nella Foiling Week del Garda dall’1 al 3 luglio, e la tappa di Coppa del Mondo a Campione, sempre sul Garda, a fine ottobre. Nel 2023 il campionato vuole allargarsi al panorama nazionale prevedendo gare anche sul territorio pugliese, quest’anno sono già in programma due appuntamenti a Vieste e Brindisi con un evento del Nastro Rosa Tour.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725