Sabato 23 Marzo 2019 | 19:37

NEWS DALLA SEZIONE

Il torneo
Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

Tennis, esordio per il biscegliese Pellegrino: buona la prima

 
VETERANI DELLO SPORT
Bari, la giornata del ricordoconsegnate le medaglie

Bari, la giornata del ricordo
consegnate le medaglie

 
Al San Nicola
Bari affronta Castrovillari: ipoteca sulla promozioneLa diretta del match

Il Bari rimonta un gol e batte il Castrovillari 3-1 FOTO

 
KITESURF
Il barese Morga non delude maisua la prima tappa del tricolore juniores

Il barese Morga non delude mai
sua la prima tappa del tricolore juniores

 
Il caso
Aggressione ad arbitro 19enne, Virtus Palese esclusa dal campionato

Aggressione ad arbitro 19enne, Virtus Palese esclusa dal campionato

 
PALLANUOTO
Pro Recco-Brescia la sfida infinitaBari, domani la finale di Coppa Italia

Pro Recco-Brescia la sfida infinita
Bari, domani la finale di Coppa Italia

 
Al via del mare
Il Lecce batte in casa il Foggia: il derby finisce 1-0

Il Lecce batte in casa il Foggia: il derby finisce 1-0

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini
"Palmese difesa forte e ben organizzata"

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso il voto
Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

Basilicata, in allestimento i seggi elettorali per 573mila elettori

 
BariPer i 4mila aventi diritto
Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

Bari, il Comune aiuta le famiglie in difficoltà con il «bonus bollette»

 
HomeA Roma
Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

Operai del siderurgico in marcia per il clima: «Taranto senza Ilva»

 
FoggiaMaltrattamenti in famiglia
Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

Foggia, picchiava la moglie e le chiedeva soldi per divertirsi al bar: arrestato 34enne

 
LecceNel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento:
giovane motociclista perde la vita

 
GdM.TVTraffico in tilt
Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

Paura a Matera per una valigia abbandonata per strada: intervenuti artificieri

 
BrindisiGuidava l'auto del padre
I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

I cc lo fermano, rifiuta test antidroga: trovato con hashish

 
BatParla un imprenditore
Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

Andria, cartelloni pubblicitari non a norma: la denuncia

 

L'intervista

L'archivista col bilanciere: parla Micaela Di Gennaro, campionessa di bodybuilding coratina

La 25enne è laureata in Beni Culturali e gareggia con la nazionale italiana nella categoria wellness-fitness

L'archivista col bilanciere: parla Micaela De Gennaro, campionessa di bodybuilding coratina

Il primo posto alla prestigiosa Diamond Cup, in Austria, ha suggellato un «medagliere» costellato dalle vittorie in numerose competizioni nazionali e dal quarto posto all’Arnold Classic Europe, gara ambitissima dove si è confrontata con altre venti atlete provenienti da tutto il mondo. Soddisfazioni di tutto rispetto per Micaela Di Gennaro, venticinquenne di Corato, atleta della nazionale Italiana di Bodybuilding (IFBB) nella categoria «wellness fitness», che ama definirsi «studentessa-lavoratrice».
«Sono laureata in Scienze dei beni culturali - spiega Micaela - e sto frequentando una magistrale in Beni archivistici e librari. Spero un domani di trovare un lavoro in questo settore. Nel frattempo però, continuo a coltivare questa passione sportiva».


Come ti sei avvicinata a questa disciplina?
«Ho giocato a basket dai 4 ai 21 anni disputando campionati di serie B e A3. Poi ho dovuto abbandonare questa passione e ho deciso di iscrivermi in palestra. Inizialmente avevo l’ossessione del peso e volevo dimagrire a ogni costo. Per fortuna ho incontrato persone che mi hanno spiegato che ciò che facevo era sbagliato e mi hanno incentivata a curare l’alimentazione e l’allenamento».


Qual è la tua giornata tipo, tra allenamenti e altro?
«S’inizia con la preparazione dei pasti: specie se sono fuori casa e sto preparando una gara, evito di mangiare ciò che capita, ma porto con me le mie porzioni da consumare 5 volte al giorno. La mattina,in generale, seguo le lezioni all’università. Dopo pranzo lavoro e nel pomeriggio mi alleno, per un paio d’ore; prima di una gara invece mi alleno tutti i giorni».


Intorno al mondo della cultura fisica circolano molte dicerie, a partire dall'accusa di scarsa femminilità rivolta alle atlete
«È uno dei tanti stereotipi sul bodybuilding: la donna non dovrebbe praticare questa disciplina per diventare troppo “mascolina“. Io non mi sento affatto mascolina, dato che il mio obiettivo è di migliorare il mio corpo senza tralasciare la femminilità. Non credo sia il fisico a influenzare la femminilità. Sono consapevole che un corpo muscoloso possa non piacere, ma io cerco sempre di non superare certi limiti».

È facile che di questa disciplina si parli per l'uso inappropriato di integratori e di farmaci proibiti.
«È vero, ma i risultati si possono raggiungere anche senza l’utilizzo di sostanze dopanti. È ovvio che il risultato impiegherà più tempo per arrivare, ma sarà sicuramente più sano e soddisfacente. Poi però tantissimi scambiano gli integratori con il doping. Anche gli integratori sono funzionali a un determinato obiettivo: non bisogna abusarne, ma neanche demonizzarli come se fossero farmaci. È sempre meglio rivolgersi a un personal trainer o a un nutrizionista sportivo competente, prima di assumere integratori».


Poi le diete, un’altra convinzione diffusa è che si pratichi il digiuno.
«Tantissime persone decidono di seguire diete “fai da te”, con esiti purtroppo disastrosi. Il bodybuilding non è mangiare poco per dimagrire, ma la costruzione del corpo soprattutto attraverso il cibo. Io durante l’anno non escludo nessuna tipologia di alimento (si pensi ai carboidrati che ora vengono paragonati al demonio): seguo un regime alimentare completo e nutriente. Naturalmente sotto gara la dieta è più rigida e quasi esclusivamente proteica, ma la si segue per un periodo limitato ed è tutto finalizzato alla competizione. Tutto va comunque fatto sotto l’occhio vigile di uno specialista».


C’è un insegnamento che si può ricavare da questa pratica sportiva?
«Richiede sacrifici, non solo alimentari, ma anche di altro tipo. Questo sport mi ha insegnato il senso del sacrificio, il dover lavorare per ottenere qualcosa rimboccandosi le maniche. Ho disputato finora venti gare. Ciò che mi dà soddisfazione non sono le vittorie. Si dice che ci si debba addormentare con un sogno e risvegliarsi con un obiettivo: se facciamo questo ogni giorno, lavorando intensamente, i nostri sogni diverranno realtà».


Quali sono i prossimi impegni agonistici?
«Il prossimo appuntamento è per il 2019: il campionato europeo. Il livello sarà alto e io non voglio essere da meno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400