Martedì 27 Settembre 2022 | 23:03

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Punti di vista

Ciao, che piacere (ma chissà chi sei)

Ciao,  che piacere (ma chissà chi  sei)

07 Agosto 2022

Gaetano Cappelli

Eccosì, eccoci alla terza e ultima puntata del piccolo trattato che ho scritto sulle diverse modalità del saluto in via Pretoria – estensibile ovviamente a qualunque corso, di città o paese, su cui si pratichi la nobile arte dello struscio. E questo nella consapevolezza dell’enorme significato simbolico che il saluto – l’essere salutati – ha nelle società umane fin dagli albori della storia. Togliere il saluto coincide infatti al condannarci all’invisibilità, negare in qualche modo il nostro stesso esistere. Ma anche salutare a schiovere, come si dice, può comportare qualche problema. Vediamo subito quali.

Il saluto è lui/lei o non è lui/lei? Vi incrociate. Vi guardate. Anzi di più vi fissate: è lui/lei, o non è lui/lei? – vi chiedete. Appena dopo se non avete salutato: ma certo che era lui/lei. Che figura che ho fatto! E con uno/una così simpatico/a. Quello/quella avrà pensato che me la tiravo. Nel caso invece avete salutato: lo stesso, che figura che ho fatto! Quello/a penserà ma chi è sto paiuordo che mi saluta, ma chi te conosce! Se è una lei, soprattutto dopo il Metoo: non è che questo mi voleva molestare che lo querelo!

In questa stagione poi, è assai facile sperimentare il saluto dell’emigrato nostalgico. «Certo, com’era bella Potenza!» Mah, io me la ricordo sempre così, penso io. «E tutti sti negozi chiusi!» Guarda tesoro che, purtroppo, i negozi sono chiusi dappertutto. Fatti un giro in via dei Due Macelli e vai a vede’, pure lì a Roma, che macello!

C’è quindi poi il saluto dell’emigrato spocchioso. «Ehi, che si dice?» Mah, solita vita. «Certo che noia!» E da te? «Ah lassù… è tutta un’altra cosa! Ma come fai a vivere qua?». Ma come fai tu, dopo trentanni che te ne sei andato, a tornare ogni anno, a dire sempre le stesse cose? Ma perché non te rimani invece lassù, che qui tanto ti rattristi tu e soprattutto ci fai due marroni a noi.

C’è infine il saluto ottimista. È quello del tipo a cui può succedere veramente di tutto senza che rinunci alla pacca sulla spalla, al sorriso incalzante, all’abbraccio ridanciano. Lo hanno licenziato, la moglie se n’è scappata con un piazzista, ha appena subito un dolorosissimo intervento alle emorroidi ma lui è li con il solito radioso sorriso sulle labbra. E il più bel saluto che ho ricevuto in vita mia appartiene proprio a uno dei latori di questi sorrisi. Ero stato lontano da Potenza, causa forza maggiore, per quasi un anno e, dopo quasi un anno, sebbene un po’ sciupatiello, ero di nuovo in via Pretoria ed eccolo il salutatore ottimista che mi vede da lontano e come nulla fosse successo, sorridendomi, mi fa: «Tutt’ a post Gaetà?» Tutt’ a post Giovà!

Sì, tutt’ a post… finché siamo in via Pretoria a salutare ed essere salutati!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725