Lunedì 18 Febbraio 2019 | 19:19

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

A Cerignola taglieggiati anche gli avvocati

Il legale era stato minacciato: o ci dai 100mila euro o ti incendiamo lo studio. Due persone - ritenute gli estorsori - sono state arrestate dalla Polizia, in flagranza
FOGGIA - Si erano offerti di mediare sulla trattativa estorsiva assicurando che avrebbero avuto uno «sconto» sul pizzo richiesto. Lo hanno scoperto gli agenti di Polizia del commissariato di Cerignola che hanno arrestato due persone con l'accusa di estorsione aggravata e continuata. In manette sono finiti Emilio Vurchio, 35 anni, sorvegliato speciale con l'obbligo di soggiorno nel centro ofantino e Leonardo Fasano, 34 anni, già noto alle forze dell'ordine e un tempo ritenuto vicino al clan «Taddone» di Leonardo Ditommaso, ucciso il 21 ottobre del 2004. I due sono stati arrestati dagli agenti di polizia, in flagranza di reato, subito dopo aver ricevuto da un avvocato 20mila euro, parte di una prima tranche di una richiesta estorsiva. Secondo quanto appurato dagli investigatori, alcuni giorni fa un collaboratore di uno studio legale era stato avvicinato da due persone che, con il volto coperto e armate di pistola, lo avrebbero minacciato di morte e che gli avrebbero incendiato lo studio se non avesse pagato 100mila euro. Subito dopo l'avvocato, una legale specializzata nel settore civile, ha denunciato tutto alla Procura e al commissariato di Cerignola che hanno dato il via alle indagini.
Quasi contemporaneamente i due - a quanto sembra ex-clienti dello studio legale - si sono presentati allo studio legale offrendosi come mediatori, asserendo di essere in grado di ottenere uno «sconto». Sono seguite una serie di telefonate e di incontri all'interno dello studio legale, tutti registrati dagli investigatori che erano nascosti in un piccolo locale.
Ieri, dopo aver raggiunto l'accordo, i due si sono recati nello studio legale e hanno ricevuto i 20mila euro, prima tranche del totale da pagare: 60mila euro. All'uscita dello studio Fasano e Vurchio hanno però trovato gli agenti del commissariato di Cerignola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400