Martedì 19 Marzo 2019 | 00:57

NEWS DALLA SEZIONE

I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Le parole
Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

Salvini: «Nel Potentino le vittime hanno ancora paura dell'usura»

 
A Melfi
Melfi, Berlusconi su morte giovane testimone processo Ruby: mi spiace

Berlusconi su morte teste processo Ruby: mi spiace
E sui cogl...: ho esagerato Vd

 
Il fenomeno
Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

Le case dei lucani all’asta un altro segno della crisi

 
La rapina
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
La decisione
Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

Papa: Monsignor Augusto Bertazzoni sarà venerabile

 
La denuncia
Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

Potenza, 5 mesi di attesa per prenotare visita fisiatrica

 
l’altra faccia della disoccupazione
Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

Il 66% dei disoccupati lucani non cerca più un lavoro

 

Il Biancorosso

LE PAGELLE
Iadaresta aumenta il peso offensivoPozzebon grigio: neanche un tiro

Iadaresta aumenta il peso offensivo
Pozzebon grigio: neanche un tiro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraLa visita
Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

Di Maio a Matera: «Fare imprese al Sud è da supereroi»

 
TarantoIncidente stradale
Scontro a Crispiano: muore una maestra di 46 anni, insegnava a Martina

Scontro a Crispiano: muore maestra di 46 anni. Altro incidente a Manduria: muore 78enne

 
HomeUdienza preliminare
Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

Tangenti ex provincia Bari, l'ente non si costituisce parte civile

 
PotenzaI controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
BatL'inchiesta di Lecce
Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

Trani, magistrati arrestati, imprenditore denuncia: «Pagai per la libertà»

 
BrindisiIn pieno centro
S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

S.Pietro V.co, pitbull azzanna cavalla e cavaliere, feriti

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

LA SENTENZA

Giudice dice no a ricorso
«Giornalisti scrivono
spesso solo per notorietà»

toga

POTENZA - «E' tutt'altro che infrequente" che - «magari nelle more del conseguimento del titolo di pubblicista» - il giornalista «si presti a consentire, anche gratuitamente, la pubblicazione dei propri articoli anche solo allo scopo di acquisire notorietà ed esperienze». E’ quanto scrive il giudice del lavoro di Potenza, nella sentenza in cui ha respinto il ricorso di un giornalista che aveva chiesto all’azienda il pagamento degli articoli scritti tra il 2006 e il 2007.
Il giudice - respingendo il ricorso del giornalista Gianfranco Stabile contro la società «Agebas» - ha prima di tutto precisato che la decisione è legata alla mancanza di un contratto che sanciva la collaborazione tra il cronista e la testata giornalistica: al giudice è stata presentata una "copiosa documentazione» relativa agli articoli pubblicati, ma non è stato «esplicitato al Tribunale in virtù di quali accordi tale opera è stata prestata», con un contratto di collaborazione stipulato solo il 7 luglio 2007 per articoli «redatti successivamente».
In sostanza, quindi, il giudice respinge il ricorso per la mancanza di un contratto precedente all’inizio della collaborazione giornalistica - poichè «non esiste nel lavoro autonomo alcuna presunzione di onerosità della prestazione» - ma in un successivo passaggio si aggiunge anche che il "convincimento del giudice» si «rafforza» con la «circostanza che» il giornalista «all’epoca dei fatti aveva 30 anni e, come noto - scrive il giudice - nel settore in questione è tutt'altro che infrequente» si lavori gratuitamente, con l’obiettivo di ottenere il titolo di pubblicista e per «acquisire notorietà ed esperienza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400