Sabato 26 Settembre 2020 | 14:06

NEWS DALLA SEZIONE

dati regonali
Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

 
maltempo
Basilicata, vento e pioggia intensa: oltre 40 interventi dei Vigili del fuoco

Basilicata, vento e pioggia intensa: oltre 40 interventi dei Vigili del fuoco

 
L'iniziativa
Covid, da Shell 70mila mascherine per 14 comuni Val d'Agri e Sauro

Covid, da Shell 70mila mascherine per 14 comuni Val d'Agri e Sauro

 
Operazione della Ps
Potenza, furti in casa da 20mila euro: arrestate 2 ladre

Potenza, furti in casa da 20mila euro: arrestate 2 ladre

 
dati regionali
Coronavirus, 13 nuovi positivi su 850 tamponi: ci sono 2 operai Fca e 2 addette segreteria di una scuola

Coronavirus, 13 nuovi positivi su 850 tamponi: anche 2 operai Fca e 2 addette segreteria scolastica

 
L'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 
Il bollettino
Basilicata, altri 9 positivi. Negativi ai test 100 dipendenti Poliambualtorio Potenza

Basilicata, altri 9 positivi. Negativi ai test 100 dipendenti Poliambualtorio Potenza

 
Covid
Covid Basilicata, in dieci comuni le scuole restano chiuse: al via 74mila studenti

Basilicata, al via 74mila studenti ma in 10 comuni scuole chiuse Ft 
Il bollettino: altri 9 contagiati

 
la sentenza
Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

Potenza, giornalista diffamata su Fb: funzionario Regione condannato a 1 anno e 6 mesi

 
la scoperta
Melfi, telefonini entrano nel carcere in un forma di formaggio

Melfi, telefonini entrano nel carcere in una forma di formaggio

 
Agricoltura
Basilicata, fondi Ue: da Regione 1,7 mln per agriturismi colpiti da crisi Covid

Basilicata, fondi Ue: da Regione 1,7 mln per agriturismi colpiti da crisi Covid

 

Il Biancorosso

serie c
Bari calcio, ds Romairone: «Dalla Coppa Italia buone indicazioni per prossimi acquisti»

Bari calcio, ds Romairone: «Dalla Coppa Italia buone indicazioni per prossimi acquisti»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantol'iniziativa
Taranto, mascherine a domicilio per tutti: al via collaborazione Comune-Poste italiane

Taranto, mascherine a domicilio per tutti: al via collaborazione Comune-Poste italiane

 
Potenzadati regonali
Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

Covid, in Basilicata positivi 25 tamponi su 830 nelle ultime 24 h: 15 le persone ricoverate

 
Barila proposta
Crac Popolare Bari, Fiera del levante possibile sede del processo

Crac Popolare Bari, Fiera del levante possibile sede del processo

 
GdM.TVTragedia sfiorata
Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

Foggia, auto contro carro-attrezzi sulla SS16: ferita donna, trasportata in elisoccorso

 
Batambiente
Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

Andria capannone incendiato, Arpa Puglia: «In corso indagini per definire inquinamento provocato»

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

 

i più letti

TRADIZIONI

Lavello, «U nucellar»: 4 generazioni per un mestiere da tramandare

La storia di Pierluigi Andretta col suo banchetto di frutta secca. Ricorda lo zio che gli ha insegnato il mestiere

Lavello, «U nucellar»: 4 generazioni per un mestiere da tramandare

Il banchetto della frutta secca e dei dolciumi nella piazza principale rappresenta la sua famiglia da generazioni. Quattro, per la precisione, da quando quello zio lontano negli anni ma non nei ricordi «si inventò un mestiere che oggi abbiamo l’onore di continuare e tramandare».

A parlare è Pierluigi Andretta, tra i più giovani di una lunga generazione di «nucellar», come si dice nella cittadina dell’area Nord lucana non molto distante dalle sponde del fiume Ofanto. «Il suo nome - continua - era Riccardo Campione, ma da tutti era conosciuto come “u nucellar”. Era lo zio di mio nonno. Alcuni decenni fa, sicuramente tra gli anni Quaranta e Cinquanta del secolo scorso ebbe l’idea di mettersi a vendere la frutta secca: arachidi, noci, mandorle, dolciumi e quant’altro. Si comprò un piccolo carretto che iniziò a trainare per il paese. Quel carretto divenne con il trascorrere degli anni un tre ruote ed alla fine zio Riccardo dovette acquistare un camioncino, dal momento che gli affari crescevano». A quel punto entra in ballo Giovanni, nonno di Pierluigi, che rileva l’attività dello zio Riccardo ed inizia a vendere frutta secca con l’aiuto dei suoi fratelli, portando allegria e prelibatezze tra le vie del paese.

«Mio nonno - racconta Pierluigi - si era posizionato con un banchetto nell’area del vecchio mercato, nelle vicinanze di piazza Matteotti. Lo aiutava mia nonna. I clienti non mancavano mai. La frutta secca piace a tutti, è sempre una festa!». Gli affari aumentavano e si diversificavano, come anche le location: il mercato nuovo, sorto a Lavello nei pressi di via Verdi, ma anche le piazze di alcuni centri limitrofi.

«Mio padre Vincenzo - prosegue - acquistò la licenza nel 1995. Ad aiutarlo, sin dall’inizio, mia madre Angela Maria Caputi.

Tutto è rimasto in famiglia, insomma. Piano piano la nostra piccola azienda familiare ha iniziato a spostarsi anche tra mercati e feste patronali di Venosa, Melfi, Ripacandida, Potenza. Ma non ha fatto mai mancare il banchetto domenicale nella piazza principale di Lavello. A gennaio ho deciso di rilevare l’attività, diventando così la quarta generazione dei Nucellar venditori di frutta secca. Mio padre e mia madre, in realtà - prosegue Pierluigi - mi aiutano ancora, così come mio fratello Antonio e come l’altro fratello, Giovanni, ma solo di domenica perché ha la sua officina. Oggi la nostra resta una piccola impresa a conduzione familiare: giriamo per mercati e feste di paese e siamo sempre a disposizione della piazza della nostra Lavello. Avrei potuto anche continuare unicamente con il mio lavoro. Sono un elettricista e quindi c’è sempre qualcosa da fare. Ma credo che le tradizioni e certi mestieri - conclude - non debbano mai scomparire».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie