Martedì 22 Gennaio 2019 | 03:55

NEWS DALLA SEZIONE

Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 
Allerta meteo
Maltempo in Basilicata: domani scuole chiuse a Potenza

Migliora il maltempo in Basilicata: revocato divieto mezzi pesanti

 
Emergenza maltempo
Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

Manca il sale per le strade, provincia Potenza chiede risorse

 

A Paoladoce di Avigliano

Acqua sporca dai rubinetti, si cerca soluzione

Il sindaco della frazione del Potentino ha annunciato interventi tampone

acqua di rubinetto

Acqua sporca dai rubinetti delle case di Paoladoce di Avigliano. La denuncia, rilanciata ieri dalle pagine del nostro quotidiano dalla Federconsumatori di Potenza, riapre un annoso e atavico problema con il quale i cittadini del borgo aviglianese convivono da tempo e ben noto alle istituzioni locali. Basta una pioggia più violenta ed abbondante che in alcune abitazioni l’acqua non è più limpida e cristallina e la sua qualità preoccupa i residenti. Quando cominciano a veder sgorgare dal rubinetto un acqua torbida e quasi «melmosa», come essi stessi la definiscono, verosimilmente non più utilizzabile per fini potabili, i cittadini di Paoladoce si arrangiano come meglio possono, utilizzando spesso riserve autonomamente raccolte in taniche e bottiglie nei giorni precedenti, con la consapevolezza che, prima o poi, avranno un momentaneo stop nell’utilizzo del bene primario. Le utenze idriche della zona, una cinquantina all’incirca, infatti, si approvvigionano direttamente da sorgenti locali che si trovano ai piedi del Monte Carmine e che, pertanto, sono molto sensibili alle variazioni atmosferiche. «Conosciamo da tempo il problema – dice il sindaco Vito Summa – e in diverse situazioni nel passato abbiamo fatto arrivare, in accordo con l’acquedotto, sacche di acqua potabile. Purtroppo le abitazioni non sono servite dalla rete idrica che serve la Camastra. Bisognerebbe collegare le condotte della frazione direttamente ai serbatoi riforniti a loro volta dallo schema idrico regionale». «Il problema, tuttavia, - continua il primo cittadino - è sempre quello del reperimento del denaro necessario all’opera. Occorrono, a conti fatti, circa 180 mila euro. Il progetto è pronto ma noi attendiamo ancora il bando regionale sugli acquedotti rurali per candidare a finanziamento l’intervento e poter finalmente risolvere una questione vecchia e preoccupante».
«Noi ad oggi – spiega - non abbiamo avuto come comune dai cittadini alcuna segnalazione per questa nuova emergenza, ma restiamo come sempre disponibili per comprendere l’entità della questione e trovare una risoluzione tampone di concerto con l’acquedotto, ente erogatore del servizio, e la popolazione interessata». «La risoluzione definitiva – conclude Summa – non dipende purtroppo da noi e dalla nostra volontà». Intanto l’acqua pare continui ad essere sporca e scura. «Un fatto estremamente grave – afferma Rocco Ligrani, presidente di Federconsumatori – se dovesse essere confermato». «L’acqua – conclude l’associazione a difesa dei consumatori - è un bene primario e indispensabile, e per giunta non offerto gratuitamente ai cittadini, ma dagli stessi pagato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400