Giovedì 21 Marzo 2019 | 15:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Fondi Europa-Regioni
Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

Basilicata, in arrivo 5 mln per un nuovo Hospice a Potenza

 
Regionali 2019
Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

Basilicata, mondo agricolo sul piede di guerra

 
Le previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 
Verso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
I fatti tra il 2017 e il 2018
Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

Potenza, ex dirigente sanitario molestava dipendente: rinviato a giudizio

 
Sanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
Il rapporto banche.imprese
Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

Sud arretra, l'Obi: ripresa tra 10 anni, a Potenza crescita zero

 
I controlli
Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

Evadevano il fisco per 120mila euro: scoperti in 2 a Maratea

 
Dall'ispettorato del lavoro
Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

Furbetti dell'assegno di disoccupazione nei campi in Basilicata: denunciati

 
Il comizio
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 

Il Biancorosso

LA NOTIZIA
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris?
Condannato a cinque anni di Daspo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariÈ diretto a Gerusalemme
Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

Da 2 anni viaggia con un'asina: il portoghese Bruno Dias in visita a Bari

 
HomeIl caso
Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

Elezioni in Basilicata, spuntano 5 impresentabili per l'Antimafia

 
Materail «diplomificio» dello jonio
Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

Policoro, ottenere il diploma? Un sogno al costo di 2.500 euro annui

 
LecceNel Leccese
Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

Trepuzzi: furto al Comune nella notte, rubati 7 computer

 
BrindisiNel Brindisino
Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

Trovati 2 escavatori nelle campagne: erano stati rubati a Lecce

 
BatAnalisi e scenari
Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

Commercio agroalimentare nella Bat: «l’export cresce poco»

 
FoggiaCieli aperti
Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

Foggia, droni a go-go Amendola vuole più sicurezza

 
TarantoNel tarantino
Castellaneta Marina, sequestrato ristorante sulla spiaggia completamente abusivo

Castellaneta Marina, sequestrato ristorante in spiaggia abusivo

 

clan Riviezzi di Pignola

Droga, traffico internazionale verso la Basilicata: 7 arresti

La cocaina proveniva principalmente dai Paesi Bassi, transitando per la Germania grazie alla mediazione di un marocchino che, su ordinazione del clan, recuperava la droga e la forniva ai suoi componenti, utilizzando auto modificate per il trasporto

Droga, traffico internazionale verso Basilicata: 7 arresti

POTENZA - Puntavano a diventare il clan egemone nel traffico di droga in Basilicata, con «rifornimenti" di cocaina e hascisc nel Napoletano e nei Paesi Bassi, e con collegamenti con le cosche calabresi e con la camorra: sette persone, collegate al clan Riviezzi di Pignola (Potenza), sono state arrestate oggi dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un’inchiesta sul traffico internazionale di droga della Direzione distrettuale antimafia di Potenza.

I particolari dell’operazione sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa in Procura, a Potenza. Sono in carcere Saverio Riviezzi, Vito Riviezzi, Giovanni Piscopo, Driss Hrita, Habib Badi, Addi Ennser e Angelo Quaratino. Saverio Riviezzi è considerato dagli investigatori, coordinati dal pm Francesco Basentini, il vertice del clan: nelle intercettazioni si faceva chiamare «zio» ed era il collegamento con altri clan. Un metodo, quello mafioso, paventato dagli indagati soprattutto per imporre nel Potentino un regime monopolistico e «il terrore», come emerge da alcune intercettazioni ambientali ("Ci stanno momenti che tu devi imporre il terrore», dice un intermediario napoletano per la fornitura di pistole al clan al braccio destro del capo del sodalizio, riferendosi proprio alla «necessità di imporre una strategia del terrore, tipica del metodo mafioso».

La cocaina proveniva principalmente dai Paesi Bassi, transitando per la Germania grazie alla mediazione di un marocchino che, su ordinazione del clan, recuperava la droga e la forniva ai suoi componenti, utilizzando auto modificate per il trasporto. «E' una delle prime volte che in Italia si utilizza, al posto delle rogatorie, l’ordine europeo di indagine per l’intercettazione di utenze straniere, e nello specifico tedesche», ha spiegato Basentini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400