Martedì 22 Settembre 2020 | 12:05

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
«Chiedimi la luna»: la favola di Cristiano Caccamo arriva in Puglia

«Chiedimi la luna»: la favola di Cristiano Caccamo arriva in Puglia

 
La curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
Vicenda depuratore
Manduria, reflui depurati in mare il «no» di Romina Power

Manduria, reflui depurati in mare il «no» di Romina Power

 
la trovata
Galatina, al liceo Vallone sagome di grandi personaggi come distanziatori, la ministra Azzolina: «Idea geniale»

Galatina, al liceo Vallone sagome di grandi personaggi come distanziatori, la ministra Azzolina: «Idea geniale»

 
la curiosità
Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

Bari, elettore centenario al seggio per votare: lungo applauso degli scrutatori

 
Il personaggio
Rutigliano, Pietro Masotti l'attor giovine star della fiction

Rutigliano, il giovane Pietro Masotti conquista il pubblico femminile di Raiuno

 
Ostaggi Selvaggi
Triggianello, villaggio metafisico

Triggianello, villaggio metafisico

 
L'iniziativa
Case galleggianti? In Puglia, Mola sogna di abitare sull’acqua

Case galleggianti? In Puglia, Mola sogna di abitare sull’acqua

 
L'1-2 ottobre
Sbarca a Bari il primo Festival sul crowdfunding del Sud: l'iniziativa dell'Università

Sbarca a Bari il primo Festival sul crowdfunding del Sud: l'iniziativa dell'Università

 
L'iniziativa
Ferrero sceglie Grotta della poesia e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

Ferrero sceglie Roca (Melendugno) e Alberobello per l'edizione limitata della collezione «Nutella»

 
Tradizioni popolari
Sammichele, l'amarcord di Madaro: così inaugurai la Sagra

Sammichele, l'amarcord di Madaro: così inaugurai la Sagra

 

Il Biancorosso

Calcio serie C
Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

Il Bari accende la luce: la settimana degli esordi

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceViaggi della speranza
Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

Gallipoli, migranti pakistani si riparano su isola Sant'Andrea: c'è anche bimbo di 11 anni

 
Barimaltrattamenti in famiglia
Bari, calci e pugni alla moglie che finisce in ospedale: arrestato 38enne al S.Paolo

Bari, calci e pugni alla moglie che finisce in ospedale: arrestato 38enne al S.Paolo

 
Materamaltrattamenti in famiglia
Matera, picchia la moglie e le distrugge il telefonino: arrestato 45enne violento

Matera, picchia la moglie e le distrugge il telefonino: arrestato 45enne violento

 
Batil rogo
Andria, deposito di merce divorato dalle fiamme: un fulmine forse all'origine

Andria, deposito di merce divorato dalle fiamme: un fulmine forse all'origine VD

 
Tarantomobilitazione
Mittal Taranto, protesta dei lavoratori: blocco merci e presidio davanti portineria

Mittal Taranto, protesta dei lavoratori: blocco merci e presidio davanti portineria

 
FoggiaLa curiosità
Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

Regionali, Emiliano vince in 2 comuni Foggiani di Conte: Fitto si impone solo a Candela

 
PotenzaLa curiosità
Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

Nuoto, a Potenza la piscina olimpionica sarà dedicata a Bud Spencer

 
BrindisiIl caso
Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

Fasano, rapina allo Zoosafari: ladri scappano con l'incasso

 

Curiosità

Il martirio degli otrantini ora diventa un videogame

Nel team di produzione il neretino Antonio Mandolfo che ha creato la mappa storica

Il martirio degli otrantini ora diventa un videogame

OTRANTO - Il martirio di 813 abitanti della città di Otranto diventa un videogioco che, in occasione del 540° anniversario dell’eccidio, potrebbe coinvolgere centinaia di partecipanti. Un tributo. E se la “patch” avrà il successo sperato, farà conoscere la penisola salentina a migliaia di appassionati in tutto il mondo.

«La prima volta che ho avuto modo di giocare ad Age of Empires II in modo indipendente risale al 2002, probabilmente in estate», spiega il nostro “cicerone” in questo mondo inesplorato. Lui è Antonio Mandolfo, neretino di 34 anni, laureato in Scienze naturali, insegnante e ammiratore di storici come Alessandro Barbero e Paolo Mieli. Ha creato la mappa “Otranto”: circa 150 ore di lavoro con l’editor del gioco, impiegando praticamente tutto il mese di luglio. Ha infilato le Quattro Colonne di Santa Maria al Bagno nello scenario dell’assedio. Una “digressione” storica, un omaggio alla sua terra. Ma tutto il resto compone una ricostruzione molto realistica. In questi giorni lo ha testato con altri tre appassionati di Nardò: Matteo Mandolfo, Antonio Falconieri ed Angela Martina.

«Nel corso degli anni - spiega - tra giocatori in rete si è sviluppata l’abitudine di organizzare sessioni di secondo un preciso tema storico, ad esempio, nella variante più frequente, “Impero Romano contro Invasori Barbarici”, in cui noi umani guidiamo civiltà “Romane o filo-romane” contro una coalizione di civiltà “barbariche” guidate dall’intelligenza artificiale. Una di queste “sessioni a tema”, proposta per la prima volta nell’estate del 2018, fu chiamata “Otranto’s Siege Memorial”, perché si giocò proprio tra il 28 luglio e il 14 agosto di quell’anno, a ricordare le rispettive date del 1480, quando un’armata turca sbarcò nei pressi dei Laghi Alimini, la Baia dei Turchi, per poi procedere con la conquista di Otranto, culminata con il martirio del 14 agosto 1480». Questo progetto si è evoluto in quello della “Mappa Otranto” alla fine di giugno 2020, «quando i giocatori che avrebbero preso parte all’edizione 2020 della campagna commemorativa mi suggerirono di riprodurre con l’editor la Penisola Salentina, così da ambientare lo scenario in un contesto ancor più realistico, progettato specificamente per questo evento storico» spiega Mandolfo. Mandolfo ha disegnato il profilo della sub-regione.

Ha tracciato un’ossatura fatta di punti di riferimento: agli antipodi la costa di Valona, in Albania; al di qua del Canale d’Otranto, Brindisi, San Cataldo, Otranto, Punta Palascìa, Leuca, costa gallipolina, costa neritina, Taranto. Delineato il profilo costiero, il primo passo per riempire la vecchia Terra d’Otranto è stato la costruzione di una rete stradale interna attorno alla quale sviluppare i centri urbani più importanti; per questo scopo, è stata consultata la prima fonte storica usata in questo progetto: la pagina di Wikipedia “Mappa di Soleto”.

Lo scenario “Otranto”, per centinaia di partecipanti da tutto il mondo, si aprirà con lo sguardo puntato sul Colle della Minerva proprio mentre, il 14 agosto 1480, 813 cittadini di Otranto riluttanti alla conversione forzata, subiscono il martirio perpetrato dalle truppe degli invasori che ormai hanno espugnato la città. L’azione di gioco si svolge proprio tra il 14 agosto 1480 e la riconquista avvenuta, l’estate seguente, fino al 10 settembre 1481. Lo scenario cerca di riprodurre sia il clima di terrore respirato quell’inverno per le contrade salentine battute dalle scorrerie turche, sia eventi specifici, come l’imboscata subita da Giulio Antonio Acquaviva d’Aragona, il cui figlio Belisario sarebbe poi stato Duca di Nardò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie