Domenica 12 Luglio 2020 | 09:03

NEWS DALLA SEZIONE

Il ritrovamento
Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

 
Il caso
Matera, picchia la moglie e la insegue con un coltello: arrestato

Matera, picchia la moglie e la insegue con un coltello: arrestato

 
nel Materano
Gorgoglione, trovata statua rubata nel 2008 da Chiesa S.M. Assunta: verrà restituita

Gorgoglione, trovata statua rubata nel 2008 da Chiesa S.M. Assunta: verrà restituita

 
Giustizia
Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

Matera, annullata la sentenza a 6 anni di reclusione

 
Cinema
Pisticci, tutto pronto per la 21esima edizione del «Lucania Film Festival»

Pisticci, tutto pronto per la 21esima edizione del «Lucania Film Festival»

 
maltrattamenti in famiglia
Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

Bernalda, minaccia convivente per gelosia col coltello: arrestato 40enne

 
Innovazione
Matera avrà la prima Casa della tecnologia

Matera avrà la prima Casa delle tecnologie emergenti

 
La battaglia Legale
Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

Matera, l'ex casello conteso resta in mano al Comune

 
Il caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 
dai carabinieri
Matera, comprava eroina per spacciarla: arrestato 52enne

Matera, comprava eroina per spacciarla: arrestato 52enne

 
Il fenomeno
Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse. Al via gli accertamenti

Marina di Pisticci, chiazze sullo Jonio, già scomparse: al via gli accertamenti

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

Bari, si avvicina la sfida playoff, Simeri: «Daremo tutto»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariI controlli
Bari, pesce non tracciato e ricci: sequestrati 3 quintali da Guardia costiera

Bari, pesce non tracciato e ricci: sequestrati 3 quintali da Guardia costiera

 
BatMusica
Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

 
GdM.TVL'intervista
Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

 
TarantoVino
Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

Primitivo di Manduria, stop di 3 anni a crescita dei vigneti

 
FoggiaFurto e riciclaggio
Cerignola, sorpresi a smontare auto fuggono alla vista dei CC: 2 arrestati

Cerignola, sorpresi a smontare auto fuggono alla vista dei CC: 2 arrestati

 
PotenzaIstruzione
Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

Basilicata, Medicina: manca solo la firma, dal 2021 qui 60 matricole

 
BrindisiCriminalità
Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

Fasano, presto le ronde contro i furti nelle abitazioni

 
MateraIl ritrovamento
Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

Trafugata nel 2008 la scultura del cane di San Rocco torna in chiesa a Gorgoglione

 

i più letti

le dichiarazioni

«Anche a Madrid tutti chiusi in casa»: la testimonianza di una materana in Spagna

L'editrice Donatella Iannuzzi racconta come si vive l'emergenza nella penisola iberica

«Anche a Madrid tutti chiusi in casa»: la testimonianza di una materana in Spagna

Il dramma del Covid-19 visto da una materana che vive e lavora in Spagna, nazione che nelle ultime ore sta attraversando il dramma dell’emergenza sanitaria come l’Italia. Donatella Iannuzzi, 42 anni, da tempo risiede a Madrid dove ha aperto una casa editrice.

Come vivi questa emergenza insieme agli altri italiani della penisola iberica?
Le notizie e le immagini che arrivano dall’Italia sono dolorose. Mia madre mi ha mandato delle foto di Piazza Vittorio Veneto fatte dal balcone, un luogo direi irriconoscibile perché deserto. Soffro a distanza, penso spesso all’Italia ed ho fiducia negli italiani, avremo tanti difetti ma come diceva il titolo del film di De Santis «gli italiani brava gente» e ci riscopriremo generosi, allegri, solidali.

Quanto il Coronavirus ha limitato la tua attività lavorativa?
Per il momento siamo bloccati, le librerie sono chiuse e l’unico cliente che ci rimane è Amazon anche se ha annunciato che darà priorità agli ordini dei beni di prima necessità. Avevamo già due libri stampati che non sono arrivati alle librerie, ora siamo in una situazione di stallo con libri già contrattati e programmati ma che non potremo produrre almeno fino a quando la situazione non torna alla normalità.

Eri intenzionata a rientrare in Italia? Sei stata contattata dalla nostra Ambasciata?
Avendo qui la mia attività mi è stato impossibile rientrare all’inizio della crisi dal momento che i distributori ci avevano garantito il servizio alle librerie fino a fine marzo. Poi le cose sono precipitate e siamo passati tutti in quarantena. Nel mio caso c’è anche un fattore sentimentale: vivo a Madrid da vent’anni e sono ancora innamorata di questa città, non ho avuto l’istinto di abbandonare la nave ora che le cose si sono messe male. Voglio vivere questa città anche in questo momento di grande difficoltà. L’Ambasciata si è limitata a mandare qualche comunicato ma a quanto ne so non è stata molto collaborativa, altri italiani mi hanno detto che non sono riusciti a contattarla e hanno chiamato tre o quattro giorni di seguito. Alitalia ha organizzato dei voli speciali da varie città spagnole e dalle Canarie dove risiede una importante comunità di italiani

Cosa significa questa emergenza per il mondo della cultura e come la cultura può dare un segnale di forza e di speranza in questo particolare momento?
L’industria culturale, purtroppo, è un’industria debole, in gran parte finanziata dal settore pubblico e dal privato, credo che evidentemente soffrirà. Penso ai giornali che erano già in un momento critico e che ora sono rimasti senza sponsor ma penso anche al libro che stava già lottando per conquistare nuove generazioni di lettori e che ora dovrà affrontare una nuova crisi economica. Sarà difficile ma sono fiduciosa, nessuno credo può immaginarsi un mondo senza cultura. Spero che l’industria possa maturare, è il momento giusto per farlo. Sono sicura che ora in molte case, compresa la mia, stanno guardando le loro librerie e scoprendo un’ingente quantità di libri comprati e non letti. Invito tutti a fare quest’esercizio di “igiene bibliografica” e iniziare a leggere tutti quei libri comprati per impulso. Io lo sto facendo, mi sta servendo come terapia e mi rende felice. Quando usciremo da questa quarantena, avendo letto tutti i libri relegati tra gli scaffali, torneremo a visitare le librerie con entusiasmo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie