Giovedì 12 Dicembre 2019 | 03:49

NEWS DALLA SEZIONE

a surbo
Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

 
nel Salento
Ha un profilo Facebook con le foto di un ragazzo morto: mistero sullo sciacallaggio a Nardò

Ha un profilo Facebook con le foto di un ragazzo morto: mistero sullo sciacallaggio a Nardò

 
nel Salento
Gagliano del Capo, anziana rapinata in casa, cc trovano il ladro e le regalano panettone per Natale

Gagliano del Capo, anziana rapinata in casa, cc trovano il ladro e le regalano panettone

 
a melpignano
Notte della Taranta 2020, Paolo Buonvino sarà il Maestro concertatore

Notte della Taranta 2020, Paolo Buonvino sarà il Maestro concertatore

 
il caso
Si opera all'anca e le viene un'infezione: in Salento 50enne muore dopo 3 mesi

Surbo, 50enne si opera all'anca e muore di infezione dopo tre mesi

 
rapina nel Salento
Cavallino, irrompono in stazione di servizio e fuggono con sigarette: indagano i cc

Cavallino, irrompono in stazione di servizio e fuggono con sigarette: indagano i cc

 
L'iniziativa
Lecce, anche quest'anno il Pranzo di Natale dei Giovani di Sant'Eegidio

Lecce, anche quest'anno il Pranzo di Natale dei Giovani di Sant'Egidio

 
Sud Sound System
Surbo, paura per Nandu Popu coinvolto in uno scontro tra auto

Surbo, paura per Nandu Popu coinvolto in uno scontro tra auto

 
la sentenza
Sud Salento, violentò la figlia e nacque una bambina: condannato a 30 anni

Sud Salento, violentò la figlia e nacque una bambina: condannato a 30 anni

 
il gesto
Xylella, a Melissano l'albero di Natale in piazza è un ulivo disseccato

Xylella, a Melissano l'albero di Natale in piazza è un ulivo disseccato

 

Il Biancorosso

serie c
Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

Il Bari senza Di Cesare è una prova di maturità

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariInfortunio sul lavoro
Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

Noicattaro, manovra rullo: operaio si frattura braccio e femore

 
TarantoSerie D
Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

Taranto calcio, manicchino impiccato e offese al dg Montella

 
FoggiaVertice in Prefettura
Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

Foggia, famiglie in container: sindaco firmerà ordinanza sgombero

 
Brindisitrasporti
Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

Brindisi, evacuazione per bomba: stop ai treni, ci saranno i bus

 
Leccea surbo
Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

Sud Sound System, dopo l'incidente Nandu Popu tranquillizza i fan: «Neanche un graffio grazie alle cinture»

 
Batle dichiarazioni
Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

Trani candidata a Capitale Italiana Cultura 2021, il sostegno di tutta la Bat

 
Potenzanel Potentino
Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

Montescaglioso, uccise a coltellate 42enne dopo una lite: 29enne condannato all'ergastolo

 
Materanel Materano
Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

Bernalda, scoperta base logistica mafia lucana: tre arresti

 

i più letti

L'emergenza

Dramma Xylella: senza reimpianti, i frantoi del Salento finiscono in Marocco

Il settore olivicolo, se si continua ad andare in questa direzione, secondo Coldiretti scomparirà

Dramma Xylella: senza reimpianti, i frantoi del Salento finiscono in Marocco

I frantoi del Salento smontati pezzo dopo pezzo e venduti all’estero. È il segno evidente del tracollo del settore olivicolo, colpito a morte dalla xyella fastidiosa.
Intere linee di produzione degli opifici un tempo fiore all’occhiello della produzione olearia vengono imbarcati sulle navi. Destinazione: Marocco e Tunisia.

Un colpo durissimo alla filiera olivicola, «stretta tra le beghe dei reimpianti e il calo della produzione che ha azzerato l’attività degli impianti di trasformazione», denuncia Coldiretti Puglia, che invoca un cambio di passo. «Serve determinazione e responsabilità per non distruggere definitivamente la fabbrica green Italiana che produce oltre il 50% dell’olio made in Italy - attacca Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia - È un cane che si morde la coda: se gli agricoltori non reimpiantano, non producono olive e i frantoi muoiono. Se i frantoi muoiono, quando e se ci saranno nuovamente olive non ci saranno più impianti di trasformazione. È inaudito che le istituzioni non riescano a trovare la quadra, con misure precise e definitive, mentre il mondo olivicolo in Salento vive in uno stato di confusione, sconforto, disperazione e abbandono».

Intanto, aumentano nel 2019 di 13 volte le importazioni di olio dal Marocco, con l’addio a 6 bottiglie di extravergine Made in Italy su 10 sugli scaffali dei supermercati per effetto del crollo in Puglia del 65% fino anche all’80% della produzione di olive, sottolinea Coldiretti.
Dall’autunno 2013, data in cui è stata accertata su un appezzamento di olivo a Gallipoli, «la malattia – sottolineano gli agricoltori – si è estesa senza che venisse applicata una strategia efficace per fermare il contagio che, dopo aver fatto seccare gli ulivi leccesi, ha intaccato il patrimonio olivicolo di Brindisi e Taranto, con effetti disastrosi sull’ambiente, sull’ambiente, l’economia e sull’occupazione».

Gli operatori del settore chiedono un impegno concreto e immediato per i frantoi salentini, «perché è chiusura annunciata nei prossimi mesi di oltre 200 strutture, visto che negli ultimi anni, per colpa dei ritardi gravi nella gestione della Xylella con errori, incertezze e scaricabarile, hanno già dismesso numerose linee di produzione, con l’azzeramento della forza lavoro», insiste Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce.

«Gli agricoltori chiedono da anni interventi decisi per espiantare, reimpiantare e far rinascere le aree colpite, dopo annunci, promesse, rimpalli di responsabilità e la mancanza di impegni concreti – ribadisce Cantele - per la ricostituzione del patrimonio olivicolo distrutto, mentre non sanno come comportarsi per realizzare nuovi impianti resistenti e tornare a lavorare e produrre. È impensabile che, ottenuto il Decreto Emergenze che consente gli espianti, ora è la volta di cavilli burocratici che impediscono il reimpianto. A distanza di 6 anni dal primo ulivo infetto su cui è stata conclamata la presenza della malattia, gli agricoltori salentini sono ancora ingabbiati e abbandonati al loro destino e ogni giorno al danno si aggiunge un’altra beffa».

«Già l’11 giugno scorso abbiamo posto al presidente Emiliano il problema di preoccupanti interpretazioni del Decreto Emergenze sui reimpianti che imbriglierebbero per l'ennesima volta le aziende agricole che vogliono solo ripartire e riavere un futuro imprenditoriale. Chiediamo che la delibera di Giunta per superare questo ennesimo grave inghippo burocratico sia portata immediatamente in Giunta regionale, così come promesso da Emiliano durante quell’incontro», conclude il presidente Cantele.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie