Venerdì 19 Aprile 2019 | 06:29

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
Nel Leccese
Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

Scambio di sesso e voti: condannati ex amministratori Porto Cesareo

 
A campi Salentina
Intrappolato con auto nel passaggio a livello: paura per anziano

Intrappolato nel passaggio a livello: paura per anziano

 
Giovedì Santo
Lecce, mons. Seccia laverà piedi a detenuti in carcere Lecce

Lecce, mons. Seccia lava i piedi a detenuti in carcere

 
La vertenza
San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

San Cesario, sigilli a Mercatone Uno a vigilia dello sciopero

 
Preso dai Cc
Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

Matino, minacciava la madre per avere i soldi: in cella 37enne

 
Il caso
Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

Parabita, lettera di minacce in Comune nel mirino i tre commissari

 
L'incidente
Lecce, contro un muro con la Porsche: muore imprenditore 40enne

Lecce, contro un muro con la Porsche: muore imprenditore 40enne

 
Il caso
Omicidio Noemi, fissato al 22 maggio il processo d'appello per fidanzato killer

Omicidio Noemi, fissato al 22 maggio il processo d'appello per fidanzato killer

 
All'Università del Salento
Da Lampedusa alla laurea: storia di Sajjad, neoingegnere

Da Lampedusa alla laurea: storia di Sajjad, neoingegnere

 
Nel leccese
Botte all'anziano zio disabile di cui era tutore: arrestato 63enne a Surbo

Botte all'anziano zio disabile di cui era tutore: arrestato 63enne a Surbo

 

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Palazzo Carafa

Comunali a Lecce, è già toto-sindaco

Tanti sollecitano un Salvemini-bis. In alternativa, Delli Noci o Mignone

palazzo Carafa a Lecce

LECCE - Archiviate le dimissioni, si pensa al futuro. Ed è già toto-candidati in vista delle Comunali di primavera. Il sindaco Carlo Salvemini, senza più una maggioranza al suo fianco, l’altro ieri ha gettato la spugna. E dopo di lui anche 17 consiglieri comunali leccesi (sui complessivi 32 a palazzo Carafa) si sono dimessi. Non consentendo, in tal modo, neppure il decorrere dei 20 giorni - previsti dalla legge - per un eventuale ripensamento.
Il Comune di Lecce quindi è in attesa del commissario, nominato dal Ministero dell’Interno. E già oggi si dovrebbe conoscere il nome del prescelto, che condurrà il timone fino alle urne di primavera. Quando nel capoluogo salentino si tornerà al voto a distanza di circa due anni dalla vittoria del centrosinistra, nel giugno del 2017, grazie all’alleanza - prima del ballottaggio - tra lo stesso Salvemini e le liste collegate ad Alessandro Delli Noci, poi promosso vicesindaco.
«Qui c’è una squadra di giocatori pronti a tornare in campo - ha detto lo stesso primo cittadino dimissionario, attorniato dai suoi, all’Open Space - Decideremo insieme con che ruoli e responsabilità. Di certo, il cambiamento che avevamo avviato non può essere fermato. Per quanto mi riguarda, mi prendo un periodo di riflessione».

Salvemini è partito per lavoro e domani sarà in Comune per svuotare la stanza del primo cittadino dalle sue cose. «Soprattutto carte», ha chiarito lui stesso. Nel frattempo, sono in tanti a chiedergli di tentare un mandato bis, senza l’incubo dell’anatra zoppa. Ma se l’interessato non dovesse riprovarci, è pronto a scaldare i muscoli - per restare alla metafora calcistica - proprio l’ex vicesindaco Delli Noci. A più di qualcuno, però, sempre in area centrosinistra, non dispiace neppure l’ipotesi Carlo Mignone, che nella Giunta Salvemini è stato assessore all’Ambiente. Apprezzato da molti e capace di attrarre un voto moderato, che a Lecce fa sempre comodo.

Il centrodestra ieri ha festeggiato, in conferenza stampa, la crisi amministrativa a Palazzo con pasticciotti e spumante. E dopo essere riuscito a riportare tra le proprie fila i tre fuoriusciti, che da marzo in poi hanno consentito a Salvemini di continuare a governare la città, pensa a restare unito in vista delle urne. E quindi a riconquistare una roccaforte, amministrata per ben 19 anni prima con Adriana Poli Bortone e poi con Paolo Perrone. «Io non mi ricandiderò più al Comune di Lecce - ha annunciato ieri Perrone - Questo non vuol dire che abbandono la politica. Se si presenterà qualche altra opportunità, proverò a coglierla.

Ma se così non dovesse essere, non mi taglierò le vene». Parole che, secondo i bene informati, spianerebbero la strada alla candidatura del consigliere regionale e numero uno pugliese di Fratelli d’Italia, Erio Congedo. Un candidato, quest’ultimo, che piace a tanti nel centrodestra. Anche se c’è pure chi ha rispolverato i nomi di Poli Bortone e dell’ex parlamentare di Alleanza nazionale Ugo Lisi. Se non si troverà l’accordo unanime, si andrà alle primarie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400