Venerdì 25 Giugno 2021 | 03:33

NEWS DALLA SEZIONE

Giustizia Tributaria
Se il Fisco controlla anche quanto shampoo utilizziamo

Se il Fisco controlla anche quanto shampoo utilizziamo

 
Il punto
Vince l'informazione e perde la politica

Vince l'informazione e perde la politica

 
L'intervista
Vaticano contro Ddl Zan, Alicino: «Sorprende la scelta formale ora il Governo è in imbarazzo»

Vaticano contro Ddl Zan, Alicino: «Sorprende la scelta formale ora il Governo è in imbarazzo»

 
Il punto
Il pagamento del Premio di Preparazione, tra accordi delle società e ricorso agli organi competenti

Il pagamento del Premio di Preparazione, tra accordi delle società e ricorso agli organi competenti

 
L'intervista
Bari, «Nessuno scudo penale a vantaggio di chi rovina la reputazione della gente»

Bari, «Nessuno scudo penale a vantaggio di chi rovina la reputazione della gente»

 
L'intervista
Bari, «È una misura assurda degna dell’Unione sovietica o della Germania nazista»

Bari, «È una misura assurda degna dell’Unione sovietica o della Germania nazista»

 
Libertà di stampa
Bari, Carcere per i giornalisti domani la Consulta decide

Bari, carcere per i giornalisti domani la Consulta decide

 
Il punto
Intelligenza artificiale, l’Italia affronti la sfida

Intelligenza artificiale, l’Italia affronti la sfida

 
La riflessione
Adamo: «Le sentenze fugano i dubbi sugli algoritmi ma l’apparato pubblico ora deve attrezzarsi»

Adamo: «Le sentenze fugano i dubbi sugli algoritmi ma l’apparato pubblico ora deve attrezzarsi»

 
L'intervista
Innovazione, il sottosegretario Messina: «Etica e transizione, avanti insieme»

Innovazione, il sottosegretario Messina: «Etica e transizione, avanti insieme»

 
Il fatto
Come difendersi dallo sfratto per morosità ai tempi del Covid-19

Come difendersi dallo sfratto per morosità ai tempi del Covid-19

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

Bari e il mercato: Polito studia una serie di mosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'allarme
Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

Lecce, due vigili del fuoco ricoverati dopo gli incendi nel Magliese

 
PotenzaCalcio
Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

Caiata cede 15% quote ad associazione Potenza 1919

 
Barigli effetti del caldo
Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

Treni, Fal: nessun pericolo nel Barese

 
PotenzaCovid
Basilicata, vuote le terapie intensive

Basilicata, vuote le terapie intensive

 
Tarantosanità
Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

Taranto, asportato tumore al rene con crioablazione

 
BrindisiIl caso
Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

Brindisi, liberi giudice Galiano, ex moglie e consulente

 
FoggiaLa tragedia a gennaio
Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

Foggia, giovane vittima di bulli fu trovato morto sui binari: 6 indagati

 
BatL'intervista
«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

«Offro la mia musica per aiutare chi soffre»: al TedxBarletta Pietro Morello, pianista e influencer

 

i più letti

Nuova prospettiva

Investimenti e ricerca il decreto guarda oltre la logica dell’emergenza

La pandemia di Covid-19 ha determinato una crisi dell’offerta a causa della chiusura temporanea delle imprese e dei canali di approvvigionamento

Investimenti e ricerca il decreto guarda oltre la logica dell’emergenza

Le misure previste nel decreto Sostegni bis abbandonano la logica emergenziale presente nei precedenti interventi e incentivano investimenti programmati e strategici. La pandemia di Covid-19 ha determinato una crisi dell’offerta a causa della chiusura temporanea delle imprese e dei canali di approvvigionamento, una crisi della domanda a causa della riduzione della domanda da parte dei consumatori, una crisi di liquidità per le imprese a causa del crollo degli incassi e un calo degli investimenti a causa della difficoltà di prevedere gli scenari futuri e della conseguente incertezza nelle decisioni di investimento.

I precedenti interventi, con i vari decreti legge cd. «cura Italia», «liquidità», «rilancio», «semplificazioni», «rilancio» erano prevalentemente destinati alle imprese che non erano in difficoltà al 31/12/2019 e che lo sono divenute per effetto della pandemia, sia con misure temporanee di carattere fiscale (sospensione dei pagamenti) sia con misure tendenti a prevenire nell’immediato il fallimento delle imprese per crisi (non preesistenti ma) determinate dalla emergenza economica scatenata dalla pandemia. Questa scelta di sostegno immediato non è abbandonata, beninteso, nell’ultimo decreto. Oltre a replicare gli interventi, mediante contributo a fondo perduto, già presenti nel primo decreto Sostegni, innovativo è il contributo a fondo perduto per coloro, sia imprese che professionisti che abbiano realizzato un fatturato inferiore ai dieci milioni di euro nel precedente periodo di imposta, per i quali i contributi arrivano fino al 90% della perdita subita nel 2020 rispetto all’esercizio precedente. Il contributo speciale è cioè correttamente commisurato non al calo di fatturato, ma alla perdita effettivamente maturata. Sempre tra le misure di aiuto si registrano gli interventi di carattere fiscale con la possibilità di trasformare in credito di imposta (e, quindi, di capitalizzare) sia le spese correnti, quali i canoni per gli immobili non abitativi e i fitti di azienda (per le imprese operanti nei servizi turistici, per i liberi professionisti al di sotto di un certo reddito e per gli enti del terzo settore a prescindere dal volume dei ricavi); sia, nel settore della moda, le rimanenze di magazzino eccedenti la media degli ultimi tre anni (nei limiti del 30%); in altre parole, le rimanenze di magazzino non vendute e, quindi illiquide, si trasformano in credito di imposta e cioè in «capitale liquido».

Ad avviso di chi scrive, però particolare interesse, in quanto indici di una scelta strategica, sono gli incentivi agli investimenti di tipo strutturale e tecnologico; significativa è l’estensione, per le imprese fino a 499 dipendenti, della garanzia pubblica prestata dal Fondo Centrale di Garanzia per finanziamenti non inferiori a sei anni e non superiori a quindici anni finalizzati per almeno il 60% a programmi di ricerca sviluppo ed innovazione e ad investimenti duraturi; la garanzia pubblica copre fino alla perdita del 90% del singolo finanziamento per gli investimenti di natura strutturale sia nella tipologia sia nella durata e, quindi, non può coprire il finanziamento delle spese correnti; l’intervento del Fondo è finanziato con un meccanismo di cartolarizzazione che copre il 25% dell’importo complessivo dei finanziamenti calcolato sulla base della probabilità di default dell’impresa richiedente, in base al modello di controllo interno della stessa; il che significa che per poter accedere alla garanzia che indubbiamente favorisce l’accesso al credito e, quindi rende l’impresa più bancabile, questa si deve dotare di un modello di prevenzione di rischi; il che non è fenomeno diffuso. Ugualmente importanti sono gli incentivi fiscali per le start up innovative, previsti sia sotto forma di detassazione delle plusvalenze realizzate nella cessione delle partecipazioni, sia sotto forma di crediti di imposta per gli investimenti; a condizione, però, che le start up impieghino oltre un terzo dei dipendenti ricorrendo a ricercatori e dottori di ricerca o oltre due terzi di laureati magistrali e che sostengono in spese di ricerca, sviluppo e investimenti almeno il 15% del maggior valore dei costi o dei ricavi; in questo modo, si perseguono due obiettivi, l’innovazione tecnologica e, indirettamente, l’incentivo alla formazione e all’occupazione di giovani ricercatori. Sulla stessa lunghezza d’onda si pone la previsione del credito di imposta fino al 15% per gli investimenti in strumenti tecnologici destinati a realizzare modalità del lavoro agile (cioè lo smart working). In sintesi, il pacchetto di interventi previsto dal Governo è in linea con gli obiettivi del Recovery Plan di premiare gli investimenti di tipo non episodico ma strutturale.
*Professore di Diritto Commerciale (Università di Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie