Lunedì 21 Ottobre 2019 | 22:01

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

Bari-ternana

Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Antenucci e una partita speciale: «Incrocio fra passato e presente»

Non c'è spazio per i sentimenti: la squadra ha bisogno di vincere

«Non sarà una partita come le altre… Un pezzo del mio passato contro il presente (ed il futuro) biancorosso». Mirko Antenucci ha presentato così la sfida alla Ternana sul suo profilo Instagram. Proprio vero. La sfida agli umbri sarà speciale. Per il bomber di Termoli che con le «fere» ha disputato la seconda migliore stagione della sua carriera (19 gol nel 2013-14, solo nel 2009-10 fece meglio con i 24 centri nell’Ascoli), ma anche per l’intero complesso biancorosso. In 90’, infatti, c’è l’occasione di riscattare un avvio di stagione stentato. Soprattutto, si presenta l’opportunità di accorciare le distanze dal primo posto. Pertanto, è facile intuire che la sfida agli umbri possa essere uno snodo fondamentale nella stagione dei galletti. Un successo, infatti, oltre corroborare la classifica, infonderebbe entusiasmo nell’ambiente ed una dose extra di autostima in un gruppo che forse deve ancora prendere piena coscienza delle sue potenzialità.

Ecco, queste sono le gare nelle quali Antenucci è chiamato a fare la differenza. D’altra parte, lo stesso tecnico Vincenzo Vivarini ha chiesto uno sforzo extra ai suoi leader. Ed il numero sette biancorosso certo non vuole sottrarsi alle responsabilità. Finora ha realizzato ben cinque reti in otto presenze: una media altissima che, se rispettata, lo proietterebbe ad oltre 23 gol al termine del campionato. E se si obietta che quattro centri siano arrivati su rigore, bisogna pur sempre ricordare che segnare i penalty non è scontato (ed Antenucci finora è stato impeccabile), soprattutto quando dal dischetto si decidono le sorti di un match. In tal senso, tre dei rigori realizzati dalla punta molisana hanno portato punti pesanti: i successi contro Sicula Leonzio e Rieti, nonché il pari con il Monopoli.

La scorsa settimana contro la Cavese, peraltro, il 35enne arrivato dalla Spal ha rotto il ghiaccio pure su azione. Logica conseguenza della cura Vivarini. Perché se nella gestione Cornacchini era diventato un caso l’isolamento del top player dei galletti (poco servito e quasi mai pericoloso), dall’avvento del trainer abruzzese, le occasioni per Antenucci si sono moltiplicate: basti pensare alla clamorosa traversa colpita a Picerno o alle due nitide palle gol (una di testa, l’altra dall’interno dell’area) non capitalizzate contro la Cavese.

«Siamo consapevoli dell’importanza del match, perciò lo stiamo preparando al meglio: abbiamo affrontato la settimana di lavoro con grande intensità perché vogliamo dare tutto in una sfida che può rivelarsi fondamentale per darci slancio e fiducia. Con Vivarini stiamo lavorando con il massimo impegno: ci vorrà tempo per assimilare le sue idee e qualcosa cominciamo a proporre», afferma il numero sette biancorosso che ieri sera ha ricevuto il premio conferitogli dal Csen. «Terni per me è stata una parentesi felice, non solo in campo, ma anche per l’affetto che ho ricevuto fuori dal rettangolo verde. Purtroppo, nel calcio non c’è mai troppo tempo per i sentimenti: l’esperienza umbra è il passato ed ora sono completamente concentrato sul Bari e su un’avventura che dobbiamo rendere vincente. Sono sempre più convinto delle potenzialità di questo gruppo: secondo me siamo ancora al 50-60% della nostra forza. Basti pensare a tutti i ragazzi di valore che al momento hanno avuto meno spazio: la loro qualità potrà farci fare un ulteriore salto. Io stesso devo dare molto di più: la società ha creduto con forza in me e la piazza mi ha adottato. Perciò, sento di dover ricambiare con tutte le forze tanto affetto».

Il popolo biancorosso (pronto a ripopolare in massa il San Nicola: già venduti 3.200 biglietti che si uniscono ai 7.806 abbonati) gli chiede il gol dell’ex. «Visto che esulto baciando la testa di Gianni Picaro - conclude il bomber con un sorriso -, mi auguro di riempire di baci il nostro team manager».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

Il Bari fa indietro tutta: è un punto guadagnato

 
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per t...

 
Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

Bari, D'Ursi indisponibile per trasferta ad Avellino

 
Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre reti per lui

Sabbione, il Bari ha un bomber «di scorta», già tre ret...

 
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivar...

 
Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

Il Bari non sbaglia più: vittoria che sa di svolta

 
Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamlili

Bari asfalta la Ternana al San Nicola: eurogol di Hamli...

 
Bari calcio, Vivarini: «Con Ternana testeremo nostra crescita»

Bari calcio, Vivarini: «Con Ternana testeremo nostra cr...