Mercoledì 20 Marzo 2019 | 21:13

NEWS DALLA SEZIONE

Preso nel Bresciano
Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

Bari, preparava sequestro-rapina in Toscana: arrestato Leone «u'astat»

 
Il caso
Puglia, le liste d'attesa infiammanoil Consiglio. Passa la «linea» stataleMedici verso sciopero intramoenia

Puglia, le liste d'attesa infiammano
il Consiglio. Passa la «linea» statale
Medici verso sciopero intramoenia

 
Il fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
Cassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
Le dichiarazioni
Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

Gentiloni a Matera per sostenere Trerotola: «Pd ha ritrovato l'unità»

 
Gratuito patrocinio
Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

Bari, ex vittima stalking indagata per aver falsificato dichiarazioni dei redditi

 
Nel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
A taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
Il 25 marzo
Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

Xylella, ministro Lezzi convoca incontro con sindaci del Salento

 
Nel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
Di Lucera
Operazione antidroga a Isernia: in carcere anche 3 foggiani

Operazione antidroga a Isernia: in carcere anche 3 foggiani

 

Il Biancorosso

IL PERSONAGGIO
La signora Francesca colpisce ancoraPizze e focacce per gli auguri a Brienza

La signora Francesca colpisce ancora
Pizze e focacce per gli auguri a Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraInfortunio sul lavoro
Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

Policoro, 34enne muore mentre taglia alberi. Allarme sindacati

 
LecceIl fatto nel 2015
Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

Lecce, pm riapre il caso del suicidio di «dj Navi»

 
BariCassazione
BARI, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

Bari, Lady Asl pagò ricerca microspie con soldi pubblici: risarcirà

 
BatNel nordbarese
Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

Margherita di Savoia, 200kg di cozze conservate e lavorate in un autoparco: sequestri

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

Ex Ilva, genitori bimbi morti: «Inopportuno vertice su inquinamento»

 
FoggiaNel Foggiano
Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

Lesina, procura indaga su imprenditore Casanova per abusi edilizi

 
BrindisiCentrale Enel Brindisi
Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

Cerano, principio di incendio nella torre nastro trasportatore, nessuna conseguenza

 
PotenzaLe previsioni
Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

Economia: nel 2019-2023 Potenza crescita zero

 

sanità lumaca

Referti, un'attesa lunga
otre 50 giorni dall'esame

E per le prenotazioni di una visita specialistica le date sono quelle del 2019: da qui ad oltre un anno

Si può morire di... mancata sanità. Se il referto dell’anatomopatologo non c’è, come si fa a decidere come curarsi? Senza fare della facile ironia, si può anche morire e scoprire - a decesso avvenuto - quali siano state le cause, con il referto che diventa non più quello dell’esame istologico, ma un anticipo plausibile di una possibile autopsia. Certo, si può tentare la più classica delle raccomandazioni (per la salute questo ed altro), ma si può anche decidere di percorrere la «scala gerarchica» di responsabilità, morali e politiche, inchiodando ciascuno alle proprie mancanze.

Chi ha deciso di incalzare i responsabili «politici» della sanità, dal direttore generale Pasqualone, al presidente della Regione Emiliano, ai parlamentari del territorio è Monica Priore, un nome nel mondo della cittadinanza attiva perchè - come tutti sanno - è impegnata come nuotatrice di fondo nella sensibilizzazione alle problematiche del diabete. Questa atleta si è sottoposta ad intervento ed a distanza di oltre 50 giorni non riesce ad ottenere il referto.

Ed allora, eccola scrivere prima al dg Pasqualone, per chiedere «spiegazioni in merito ai ritardi con cui gli esami istologici sono consegnati. Il giorno 7 Settembre 2017 - racconta - verso le ore 10 mi sono recata presso il reparto di Dermatologia per l’effettuazione di una biopsia (...). Ho pagato regolarmente il ticket (...). A oggi - osserva - pur avendo chiamato diverse volte il reparto di Dermatologia ed anche quello di Anatomia Patologica, io non ho ancora in mano un referto. Apprezzando la cordialità degli infermieri e la loro sincera mortificazione - prosegue nella lettera -, ho appreso che c’è un gran ritardo nella consegna delle relazioni cliniche per questa tipologia di esami, per l’esattezza mi è stato risposto che: “c’è gente che è stata operata prima di lei e ancora non ha un esito perché ci sono dei problemi (che non mi sono stati specificati)”». «La cosa mi turba, e non poco - ha raccontato Priore a Pasqualone -, perché mi chiedo come si possa in un Paese evoluto quale dovrebbe essere il nostro, mettere a rischio la vita di un essere vivente». Ciò ricordando che «un esame istologico può anche fornire spiacevoli notizie per il paziente (non sarà sicuramente il mio caso), e con le tempistiche che ci sono nell’ospedale di Brindisi, il soggetto nella peggiore delle ipotesi potrebbe anche decedere prima di sapere cosa ha» e «che per impostare una terapia oncologica il medico ha bisogno di questi esami con una certa urgenza, ma mi pare di aver capito che le tempistiche sono lunghe per chiunque, senza eccezione alcuna».

«Credo che la situazione sia grave, lede i diritti del malato e per tanto vadano prese subito delle misure risolutive, affinchè questo disservizio non si verifichi più».

Quindi, la lettera a Emiliano, con la nota inviata a Pasqualone e con un’osservazione «supplementare»: «Quell'ospedale è un vero manicomio, bisogna augurarsi di non aver problemi di salute per non essere costretti, visto la chiusura degli ospedali limitrofi, a recarsi li. Anche il personale medico ed infermieristico, a mio modesto avviso, lavora in condizioni disagiate e questo inevitabilmente si ripercuote negativamente sui pazienti».

Quindi Monica Priore ha inviato ad entrambi una nuova missiva dicendo: «Mi permetto di mettere a conoscenza dei nostri parlamentari, senatori e consiglieri regionali pugliesi, la problematica riscontrata. Sono del parere che l'unione per il raggiungimento del bene comune, sia la forza che può spostare le montagne». E osserva ancora: «La nostra Regione ha moltissime questioni da affrontare, ma il problema sanitario dovrebbe essere ai primi posti. Una sanità inefficiente miete vittime, in particolar modo fra le fasce più deboli, anziani, bambini e categorie svantaggiate - aggiunge -. Auspico pertanto, con questa mia missiva, di poter avere la vostra attenzione e l'impegno di tutti per poter ottenere un cambiamento radicale e migliorativo nella sanità pubblica pugliese. È inconcepibile che per avere il risultato di un esame istologico, si vada oltre i 50 giorni, o che per prenotare una visita specialistica con il sistema sanitario nazionale, si venga rimandati al 2019. Non tutti hanno la possibilità economica, di rivolgersi a strutture private, il diritto alla salute appartiene a tutti ed è doveroso dare a tutti la possibilità di curarsi in tempi consoni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400