Domenica 20 Ottobre 2019 | 07:36

NEWS DALLA SEZIONE

L'incidente
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

 
La polemica
Salvini dal palco di Roma attacca Emiliano: «A casa i politici incapaci»

Salvini dal palco di Roma attacca Emiliano: «A casa i politici incapaci»

 
L'intervista
Il papà di Johnson stregato dalla Puglia: «Dirò a mio figlio Boris di venire qui a rilassarsi»

Il papà di Johnson stregato dalla Puglia: «Dirò a mio figlio Boris di venire qui a rilassarsi»

 
Serie A
Lecce calcio, Liverani: «Contro il Milan ci vorrà coraggio e attenzione»

Lecce calcio, Liverani: «Contro il Milan ci vorrà coraggio e attenzione»

 
Inquinamento
Taranto, genitori e ambientalisti al sindaco: tuteli salute cittadini

Taranto, genitori e ambientalisti al sindaco: tuteli salute cittadini

 
Il sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 
Dopo il blitz
Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

 
Lavoro
Bari, scongiurati 500 licenziamenti a Network Contacts: trovato l'accordo

Bari, scongiurati 500 licenziamenti a Network Contacts: trovato l'accordo

 
L'inchiesta
Polignano, su Costa Ripagnola la Procura accelera: sopralluogo sull'area

Polignano, su Costa Ripagnola la Procura accelera: sopralluogo sull'area

 
Operazione della Polizia
Ostuni, maltrattamenti e lesioni in famiglia: arrestato 44enne

Ostuni, maltrattamenti e lesioni in famiglia: arrestato 44enne

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 
PotenzaDopo il blitz
Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

Arresti a Potenza, l'inchiesta sulle mazzette si allarga a «Matera 90»

 
LecceUn 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 

i più letti

Il caso

Mafia, strage di San Marco in Lamis: rinviato processo a presunto basista

A causa di un difetto di notifica è durata pochi minuti la prima udienza del processo a carico di Giovanni Caterino, ritenuto dagli inquirenti il basista del gruppo di fuoco che compì il quadruplice omicidio del 9 agosto 2017 nel Foggiano

Mafia, strage di San Marco in Lamis: rinviato processo a presunto basista

BARI - È durata pochi minuti, a causa di un difetto di notifica, la prima udienza del processo a carico di Giovanni Caterino, ritenuto dagli inquirenti il basista del gruppo di fuoco che compì il quadruplice omicidio del 9 agosto 2017 a San Marco in Lamis, nel Foggiano. Quella mattina vennero uccisi da un commando armato il boss di Manfredonia, da pochi giorni tornato in libertà, Mario Luciano Romito, il cognato ed autista di Romito, Matteo De Palma, e due vittime innocenti, gli imprenditori agricoli Aurelio e Luigi Luciani. I fratelli Luciani furono uccisi solo perché passavano, a bordo della loro auto, nella zona dell’agguato.

La prima udienza del processo, in corso di svolgimento in Corte d’Assise di Foggia, è stata rinviata a causa di un difetto di notifica per uno dei due difensori dell’imputato. Il presidente della Corte d’Assise, Antonio Civita, ha fissato la nuova udienza al prossimo 15 luglio. In quella occasione ci sarà anche la costituzione delle parti civili, ovvero dei familiari delle quattro vittime, comprese le due vedove Luciani e del Comune di San Marco in Lamis.

Giovanni Caterino venne arrestato nell’ottobre scorso in una operazione dei carabinieri del Ros. I militari, grazie all’acquisizione di numerosissimi filmati delle telecamere di sorveglianza disseminate lungo il tragitto compiuto dalle vittime e dai killer, ritengono che Caterino nei giorni precedenti la strage aveva studiato le abitudini dell’obiettivo dei sicari: Mario Luciano Romito. A detta degli investigatori Caterino avrebbe pedinato il boss anche nel giorno dell’omicidio e indirizzato i componenti del gruppo di fuoco fino al luogo dove avvenne la strage. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie