Venerdì 03 Aprile 2020 | 23:22

NEWS DALLA SEZIONE

cronache rosa
Coronavirus, trasmissioni tv sospese: i vip si danno alla cucina

Coronavirus, trasmissioni tv sospese: i vip si danno alla cucina

 
Gossip
Il virus fa slittare le riprese della Lolita in salsa barese

Il virus fa slittare le riprese della Lolita in salsa barese

 
cronache rosa
Il Coronavirus non risparmia le stelle della tv

Il Coronavirus non risparmia le stelle della tv

 

Il Biancorosso

emergenza coronavirus
Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

Bari calcio, video di ex giocatori biancorossi per aiutare chi ha bisogno

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa ricerca
Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

Emergenza Covid 19, positivi gli studi fatti dall'Oncologico di Bari sui test rapidi

 
BrindisiIl caso
Covid 19, rubano alimenti donati alla Caritas di Brindisi: ritrovati in poche ore

Covid 19, rubano alimenti donati alla Caritas di Brindisi: ritrovati in poche ore

 
MateraIl virus
Coronavirus, guarito il Prefetto di Matera: dimesso dall'ospedale

Coronavirus, guarito il Prefetto di Matera: dimesso dall'ospedale

 
FoggiaLo scatto virale
Carabiniere dona mascherina ad anziana in fila alla Posta nel Foggiano

Carabiniere dona mascherina ad anziana in fila alla Posta nel Foggiano

 
TarantoSolidarietà
Covid 19, Gdf consegna 10mila mascherine ad Asl Taranto

Covid 19, Gdf consegna 10mila mascherine ad Asl Taranto

 
LecceLa novità
Nel parco sboccia il Fiordaliso di Punta Pizzo

Gallipoli, nel parco sboccia il fiordaliso di «Punta Pizzo»

 
BatL'idea - consegna a domicilio
«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

«Niente abbracci? Allora: Damm nu ves»

 

i più letti

Spettacolo

Romina jr, la figlia di Al Bano, spicca il volo dal palco di Sanremo

Ora gli addetti ai lavori stanno pensando a lei per futuri programmi

Romina jr, la figlia di Al Bano,  spicca il volo dal palco di Sanremo

È il Festival di una Rai grande e compatta dove si gioca sostanzialmente in squadra. Il sorriso dell’ad Fabrizio Salini in prima fila con il direttore di Rai 1 Stefano Coletta sono stati gli elementi più chiari di un’armonia e di una sintonia che si respirava nella settantesima edizione del Sanremo 2020 che si conclude stasera all’Ariston. Ma dietro le quinte quante curiosità, commenti al vetriolo sul look delle conduttrici oppure battute per la composizione del parterre dove si notava, insieme a Salini anche il presidente Rai Marcello Foa. Come tutti i festival le polemiche hanno avuto il ruolo di rendere più piccante una piattaforma complessiva che ha avuto i risultati migliori nel target giovane degli ultimi 23 anni. Per trovare una seconda serata tanto alta come share gli esperti sono andati indietro fino al festival di Pippo Baudo nel 1995. Insomma, un enorme successo di Amadeus, di Fiorello, di tutta la Rai. Non di solo festival si vive però nella Roma mondana e, infatti, vi andiamo a raccontare tutto quello che avreste voluto sapere.

Albano a Bordighera Sono anni che il Leone di Cellino San marco alloggia al Grand hotel di Bordighera quando va al festival. Lo chef, i manager lo sanno coccolare al meglio perché lo amano profondamente. Questa volta la star pugliese più famosa al mondo ha cantato con l’ex moglie Romina Power e ha portato sul palco anche la figlia Romina junior. E proprio a proposito della bella ragazza ribattezzata in famiglia «Uga» vi segnalo che non sono stati pochi gli addetti ai lavori che, vedendola così spigliata nella presentazione dei genitori accanto ad Amadeus, hanno pensato a lei per futuri programmi. Dopo Sanremo, è noto si comincia a parlare di palinsesti e il restyling voluto dal grande piano industriale di Salini assegna ai responsabili delle sezione in accordo con il coordinamento dei generi e la distribuzione dei prodotti, una composizione più accurata dei programmi e delle conduzioni. Quanto ai look molto apprezzati i drappeggi della bellissima Romina e i fiori nei capelli della figlia Romina junior. L’abito di Al Bano, più tonico che mai era del grandissimo stilista Carlo Pignatelli.

Rula e le sue amiche Innegabile che sia stata Rula Jebreal la mattatrice del Festival edizione numero 70 con un monologo dedicato alla violenza contro le donne che ha richiamato l’attenzione della stampa mondiale. Consigliera di Macron, giornalista esperta di politica estera, amica personale di Barack e Michelle Obama, Rula ha fatto l’en plein di commenti positivi, nel 90 per cento dei casi femminili, tranne qualche eccezione come il pezzo un po’ critico apparso sul Messaggero a firma di un’autrice Rai, Concita Borrelli. Critiche legittime, ovvio. Ma la storia personale della Jebreal ha catturato tutti. Anche Nunzia de Girolamo (tra le prime a mettere «like» ai post del leader della Lega, Matteo Salvini, commentando sempre con emoticon spesso a forma di cuoricini), si è schierata con Rula ospite a «La vita in diretta da Sanremo». Inevitabilmente la Jebreal è stata paragonata all’altra conduttrice della serata Diletta Leotta che ha dedicato un monologo alla bellezza citando molto teneramente anche la sua bella nonna ottantenne seduta in prima fila. Qui, le donne si sono divise. A molte (anche a noi) la Leotta è piaciuta mentre alla de Girolamo no. Con Nunzia, che è moglie del ministro pugliese PD Francesco Boccia, c’erano pure la scrittrice lucana Francesca Barra e l’attrice Anna Falchi ospite fissa di «La vita in diretta» e «Storie italiane», tutte le settimane su Rai 1, e compagna di vita dell’ottimo Andrea Ruggieri membro di Forza Italia della Commissione di vigilanza Rai. Bisogna dire, per dovere di verità, che le signore sopra citate non si sono schierate contro la Leotta ma hanno espresso la loro contrarietà alla autenticità del suo messaggio sulla bellezza. Insomma, non c’è nulla di più appetibile per i media dei gossip in rosa. Ecco dunque che emergono le amiche di Rula come Afef Jnifen ex moglie di Marco Tronchetti Provera o Giulia Ligresti ereditiera milanese nella cui casa in Marocco la Jebreal ha trascorso il Capodanno. Amiche celebri e belle come Rula che ha incantato la platea con abiti griffati dall’amico Giorgio Armani. Prima di arrivare a Sanremo la giornalista aveva soggiornato a Milano nel sontuoso Bulgari hotel. Subito dopo la sua performance è ripartita per New York dove vive e lavora.

Corrado aspetta Diletta Dopo le fatiche di Sanremo la bravissima Diletta Leotta arriva a Roma. Dicono i bene informati che sarà impegnata in una serie di colloqui per nuovi progetti tv. Di sicuro si rilasserà e andrà a cena nel posto più chic della capitale Zuma diretto dal pugliese Corrado Lamanuzzi. Tavolo già pronto lontano dai tanti vip che affollano il restaurant a palazzo Fendi. Merito proprio del nuovo general manager di Zuma Roma.

Corrado Lamanuzzi approda a Zuma Roma dopo 17 anni di carriera a Londra, dove si è distinto tra i protagonisti della nuova scena gastronomica. Ma la sua storia è tutta in Puglia dove spesso torna a raggiungere il suo amato padre che gli ha trasmesso l’arte di ascoltare gli altri ed essere sempre disponibile alle esigenze della gente. «Mio padre è stato un faro nella mia adolescenza - racconta Corrado - mi ha insegnato che nulla accade per caso soprattutto a chi viene dal Sud. Dovrai lavorare il doppio, mi diceva. E ho fatto proprio questo. Non ho mai mollato».

Di origine di Bisceglie, Lamanuzzi lascia subito l’Italia dopo il diploma alla Chef Academy di Molfetta. La meta è Londra, dove in pochi anni passa dall’essere head waiter all’Aubergine (1 Stella Michelin) a general manager in ristoranti di spicco in città, tra cui: Il Convivio (Etrusca Restaurants) Sartoria e Cantina del Ponte (D&D London) e lo storico Bentley’s Oyster Bar & Grill al fianco dello stellato e celebrity chef patron Richard Corrigan. Nel 2014 assume un alto ruolo gestionale in Birley Group, proprietaria del noto club privato Annabel’s. Il ritorno in D&D permette a Lamanuzzi di curare il lancio del nuovo ristorante Fiume, accanto allo chef patron Francesco Mazzei.  L’ingresso nel mondo di Rainer Becker e Arjun Waney – fondatori di Zuma – avviene attraverso le porte del brand gemello, Oblix, all’interno del The Shard, di cui assume il ruolo di vice general manager. Da settembre 2019, Corrado Lamanuzzi è general manager di Zuma Roma, all’interno di Palazzo Fendi, nel cuore della capitale italiana. Sotto la sua guida lavorano oltre 65 dipendenti, tra cui lo chef Dario Schiavo e il senior bartender Lorenzo Coppola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie