Sabato 29 Febbraio 2020 | 10:57

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
nel foggiano
Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

Manfredonia, rubò fucili e gioielli da casa della ex, ma perse un bracciale durante il furto: preso insieme a un complice

 
nel Foggiano
Cerignola, ubriaco si schianta su una rotatoria e sputa contro i carabinieri: arrestato

Cerignola, ubriaco si schianta su una rotatoria e sputa contro i carabinieri: arrestato

 
dalla polizia
Foggia, in 3 rapinano un cittadino indiano e gli rompono il naso: 2 arresti

Foggia, in 3 rapinano un cittadino indiano e gli rompono il naso: 2 arresti

 
nel Foggiano
S.Marco in Lamis, droga e una pistola in un casolare: una denuncia

S.Marco in Lamis, droga e una pistola in un casolare: una denuncia

 
Nel foggiano
Manfredonia, prendevano reddito di cittadinanza ma avevano stipendi fino a 1800 euro: segnalati in 16

Manfredonia, avevano reddito di cittadinanza insieme a stipendi fino a 1800 euro: segnalati in 16

 
La novità
San Nicandro Garganico, il castello diventa di proprietà del Comune

San Nicandro Garganico, il castello diventa di proprietà del Comune

 
La storia
Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

Lucera, Ozn e Jaguar 14 anni appassionati di rap e futuro da cantanti

 
nel Foggiano
Lucera, bomba carta esplode davanti a box-deposito: indagano i cc

Lucera, bomba carta esplode davanti a box-deposito: indagano i cc

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

Bari, è cambiata la missione: un mese per blindare il secondo posto

 

NEWS DALLE PROVINCE

Baria poggiofranco
Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

Bari, una 20enne ubriaca alla guida danneggia varie auto in sosta: denunciata

 
Foggianel Foggiano
Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

Borgo Incoronata, lite per parcheggio condominiale, 2 famiglie si prendono a botte: interviene la polizia

 
LecceL'allarme
Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

Coronavirus, chiude a Lecce ristorante cinese: non viene nessuno

 
TarantoNel Tarantino
Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

Manduria, polizia denuncia un giovane senza patente: guidava un «Ciao» rubato 34 anni fa

 
Batcoronavirus
Trani, il sindaco dispone chiusura scuole per sanificazione

Bat, scuole chiuse per sanificazione

 
Brindisidai carabinieri
S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

S.Pancrazio Sal., arrestato 46enne: aveva 86 dosi di cocaina

 
Materarifiuti
Matera, il grande pasticcio della differenziata

Matera, il grande pasticcio della differenziata

 

i più letti

Le indagini

Foggia, attentati ai fratelli Vigilante: movente non collegato al loro ruolo di testimoni

Sugli episodi del 3 e 16 gennaio la Dda di Bari ha in corso accertamenti a più ampio raggio

Foggia, attentati ai fratelli Vigilante: movente non collegato al loro ruolo di testimoni

FOGGIA - I due attentati dinamitardi compiuti ai danni dei fratelli Cristian e Luca Vigilante potrebbero non essere legati al loro ruolo di testimoni dell’accusa nel processo a carico di un clan mafioso di Foggia dedito alle estorsioni anche in loro danno. Lo ipotizzano gli investigatori per due motivi: sia perché le dichiarazioni rilasciate dai due sono già agli atti del procedimento giudiziario della Dda, sia perché sarebbe controproducente per la mafia foggiana compiere azioni così eclatanti ai danni dei due testimoni mentre è in corso un processo in cui gli imputati rischiano condanne pesanti.

Per questo la Dda di Bari ha in corso accertamenti a più ampio raggio per poter risalire al movente dei due attentati dinamitardi del 3 e del 16 gennaio. Nel primo caso è stato fatto esplodere un ordigno sotto l’auto di Cristian Vigilante, nell’altro è stata fatta deflagrare una bomba davanti ad un centro diurno per anziani gestito da Luca. I due fratelli gestiscono il gruppo sanitario «Sanità più».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie