Mercoledì 19 Febbraio 2020 | 15:18

NEWS DALLA SEZIONE

nel Foggiano
Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

 
chiamato 'cipollotto'
Foggia, trovato piccolo ordigno vicino a una scuola: intervenuti gli artificieri

Foggia, trovato piccolo ordigno vicino a una scuola: intervenuti gli artificieri

 
nel Foggiano
Cerignola, estorce 10mila euro alla madre per comprare la droga: arrestato

Cerignola, estorce 10mila euro alla madre per comprare la droga: arrestato

 
nel Foggiano
Cerignola, la ditta di autodemolizione era centro riciclaggio pezzi auto rubate: una denuncia

Cerignola, la ditta di autodemolizione era centro riciclaggio pezzi auto rubate: una denuncia

 
L'aggressione
Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

Apricena, commerciante rapinato e ferito mentre va in banca

 
La protesta
Foggia, mamma bimbo disabile si incatena a scuola: «Nessuna assistenza a mio figlio»

Foggia, mamma bimbo disabile si incatena a scuola: «Nessuna assistenza a mio figlio»

 
L'idea
Le copertine multicolor dei libri trasformano la facciata della Biblioteca di Biccari

Le copertine multicolor dei libri trasformano la facciata della Biblioteca di Biccari

 
Il sequestro
Manfredonia, 2100 sigarette di contrabbando: un arresto e due denunce

Manfredonia, 2100 sigarette di contrabbando: un arresto e due denunce

 
Il caso
Cerignola, Brumotti di Striscia La Notizia: “Al San Samuele si spaccia”. Scatta il blitz dei cc: 2 arresti

Cerignola, Brumotti (Striscia): «Al San Samuele si spaccia». Blitz dei Cc, 2 arresti

 
Il blitz
Rifiuti, traffico illecito nel Parco del Gargano: 6 arresti

Rifiuti sotterrati nel Parco del Gargano: 6 arresti. Si voleva costruire un b&b sull'amianto

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

Bari calcio, Ciofani: «Bisogna cambiare passo per vincere tutte le partite»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel Foggiano
Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

Torremaggiore, erano pronti alla rapina in negozio: sventata dai cc

 
Potenzacommercio
Nutella Biscuits da Balvano a Berlino: pronto il debutto sul mercato tedesco

Nutella Biscuits da Balvano a Berlino: pronto il debutto sul mercato tedesco

 
Leccenel Leccese
Alezio, cc trovano quasi un chilo di marijuana nascosta fra i rovi

Alezio, cc trovano quasi un chilo di marijuana nascosta fra i rovi

 
BrindisiNel Brindisino
Francavilla F.na, ruba in un forno e tenta furto in un liceo: arrestato 27enne

Francavilla F.na, ruba in un forno e tenta furto in un liceo: arrestato 27enne

 
Batnel nordbarese
Andria, armi da guerra per vendicare il padre boss ammazzato l'anno scorso: arrestati in 2

Andria, armi da guerra per vendicare il padre boss ammazzato l'anno scorso: arrestati in 2

 
MateraL'inchiesta
Sanitopoli lucana, ex governatore Marcello Pittella rinviato a giudizio

Sanitopoli lucana, a giudizio ex governatore Pittella: con lui anche ex dg Asl Bari

 

i più letti

La decisione

Foggia, le società e i rapporti con il boss Trisciuoglio: Tar rigetta ricorsi su interdittive

Confermati, per ora, i provvedimenti del Prefetto nei confronti di Adriatica servizi, Ctm e «Progetto finanza di Capitanata

Foggia, le società e i rapporti con il boss Trisciuglio: Tar rigetta ricorsi su interdittive

I rapporti di parentela tra l’imprenditore Gianni Trisciuoglio e il capo-mafia Federico Trisciuoglio, al vertice di un delle tre batterie della «Società foggiana»: c’è questo elemento alla base della decisione del Tar, tribunale amministrativo regionale, che ha rigettato tre ricorsi difensivi che chiedevano l’annullamento delle interdittive antimafia emesse il 17 settembre e il 14 ottobre nei confronti di tre società: Adriatica servizi, Ctm e «Progetto finanza di Capitanata: la prima gestiva il servizio riscossione tributi, la terza i servizi cimiteriali. «Il ricorso proposto non evidenzia profili di fondatezza» hanno scritto i tre giudici della seconda sezione del Tribunale amministrativo regionale. Va ricordato che l’interdittiva antimafia risponde a logiche diverse dall’inchiesta penale, cui i vari imprenditori sono estranei; l’interdittiva non è una sanzione, ma una misura amministrativa di prevenzione per scongiurare minacce per sicurezza pubblica e ordine economico, come chiarisce il Tar (ne riferiamo a fianco ndr).

Il 17 settembre le interdittive firmate dal prefetto Raffaele Grassi riguardarono «Adriatica servizi srl» che riscuoteva i tributi per i Comuni di Foggia, Manfredonia e Monte Sant’Angelo; e «Ctm» (detiene il 70% della «Progetto finanza di Capitanata») che opera nel settore edile ed è socia dell’«Adriatica servizi»: presidente del cda della «Ctm» è Gianni Trisciuoglio, che è anche amministratore di «Adriatica servizi»: il vice presidente è Marco Insalata. Il 14 ottobre l’interdittiva fu emessa anche nei confronti della società «Progetto finanza di Capitanata srl», che mutò gli organi di amministrazione - come scrisse la prefettura nel dar notizia della misura interdittiva - cinque giorni dopo le interdittive contro «Adriatica servizi» e «Ctm», mantenendo Trisciuoglio e Insalata quali soci di maggioranza. Il 5 dicembre il prefetto ha poi disposto per la «Progetto finanza» l’amministrazione straordinaria per 4 mesi con la nomina di tre commissari.

Partendo da questo dato - «Adriatica servizi» che riscuoteva i tributi annovera tra i soci la «Ctm», che opera nel settore edile e che detiene il 70% della «Progetto finanza» concessionaria per progettazione, esecuzione lavori e gestione dell’ampliamento del cimitero - il Tar ha rimarcato nell’esaminare il ricorso delle tre società come «vengono in evidenza due attività di primaria importanza e interesse pubblico, quali sono la gestione della riscossione dei tributi locali e la gestione del demanio comunale cimiteriale, che esigono il mantenimento di un rapporto amministrativo bilaterale improntato ai canoni di legalità, imparzialità e buon andamento».

Poi i giudici amministrativi sono passati al punto centrale delle interdittive. «Tra gli amministratori e i soci della “Adriatica servizi” - anche attraverso una catena di altre società, e cioè “Ctm” e “Progetto finanza di Capitanata” - vi sono Giovanni, Nicola e Francesco Trisciuoglio parenti di Federico Trisciuoglio, condannato per mafia e inserito nelle dinamiche mafiose in corso a Foggia. Si rileva altresì» si legge nelle motivazioni del provvedimento di rigetto «che Nicola Trisciuoglio è sposato con una figlia di Francesco Romito» («Ciccillo u’ mattinatese” morto negli anni scorsi) «già a capo dell’omonimo gruppo criminale attivo a Manfredonia e nell’area garganica»: fu peraltro assolto nel maxi-processo alla mafia garganica, come i figli Franco e Mario Luciano uccisi nel 2009 e 2017 nella guerra di mafia con gli ex alleati Libergolis.

Il Tar, richiamandosi a quanto scritto nell’interdittiva antimafia, annota anche che «Federico Trisciuoglio ha intrattenuto rapporti di lavoro in quanto assunto presso l’attività di gestione di un parcheggio da Francesco Trisciugolio; e che Nicola Trisciuoglio - fratello di Giovanni e cointeressato con poteri di rappresentanza in alcune delle società edili che confluiscono nell’assetto societario di “Adriatica servizi” - è stato più volte controllato in compagnia di Giuseppe Trisciuglio, pregiudicato per reati di tipo mafioso e figlio di Federico Trisciuoglio. Va poi considerato che nel parcheggio della famiglia Trisciuoglio sono stati colti in violazione degli obblighi di sorvegliati speciali i pluripregiudicati Fecerico Trisciuoglio e Raffaele Tolonese» (i fatti risalgono al 2007) «al vertice delle rispettive compagini criminali: dalle risultanze della Polizia è emerso che i due erano soliti incontrarsi nel parcheggio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie