Sabato 28 Maggio 2022 | 09:25

In Puglia e Basilicata

L'iniziativa

La Puglia va a scuola di gusto

La Puglia va a scuola di gusto

Cibo e identità culturale, parte l’attività di formazione degli studenti

11 Maggio 2022

Barbara Politi

Un teatro del gusto che trova nelle scuole la propria casa, formando e informando i giovani che hanno sposato la causa della cucina, della sala e dell’ospitalità. L’iniziativa «Puglia, Identità e Storie di Gola», promossa da Pugliapromozione in collaborazione con Identità Golose, il brand di Paolo Marchi, era stata lanciata qualche settimana fa a Milano dall’assessore al Turismo della Regione Puglia Gianfranco Lopane, con l’obiettivo di lavorare sulla crescita professionale negli istituti alberghieri di tutta la regione. «Avere Identità Golose in Puglia è un’occasione importantissima, approfittatene», ha incitato dal palco il molfettese Fabio Pisani, chef al fianco di Alessandro Negrini dello storico «Il Luogo di Aimo e Nadia» a Milano. Il primo ciclo di appuntamenti si è aperto con una due giorni presso l’istituto scolastico Maiorana di Bari e rientra in un’attività pluriennale di valorizzazione dell’enogastronomia pugliese, «ad oggi la seconda motivazione di viaggio nel nostro territorio dopo il mare, quindi senza dubbio quella in cui raggiungere elevati standard di eccellenza», ha ricordato l’assessore Lopane.

La formula pensata dalla Regione Puglia in partnership con Identità Golose è vincente (a dimostrarlo anche la quantità di studenti presente in auditorium): i grandi nomi della ristorazione nazionale, che spesso hanno natali pugliesi come nel caso di Fabio Pisani e Domingo Schingaro, chef del ristorante stellato di Borgo Egnazia «Due Camini», parlano ai ragazzi la lingua della passione per la cucina, raccontando loro dell’importanza della disciplina e della materia prima locale. «Ho portato delle ricette che fanno parte della storia pugliese, come lo spaghetto con le cozze pelose che pescavamo da bambini e con le quali le nostre mamme facevano il sugo e un altro piatto che si chiama u pulpe se cosce iìnde all’acqu’a so!; praticamente da un unico polpo ricaviamo cinque ricette diverse, utilizzandone tutte le parti», ha spiegato Schingaro. Il tour degli chef stellati italiani coinvolgerà tutte le province pugliesi con un programma di date che proseguirà fino al prossimo 10 giugno, giorno di chiusura delle scuole, per poi riprendere a settembre. «L’obiettivo è quello di qualificare l’offerta e di costruire un prodotto turistico intorno all’enogastronomia d’eccellenza –; ha detto l’assessore Lopane – e per farlo abbiamo bisogno di un partner importante come Identità Golose col quale avviare un progetto di qualità destinato ai nostri ragazzi. Il futuro della destinazione Puglia è affidato a loro».

E se da un lato diventa necessario «individuare nuovi strumenti contrattuali per riavvicinare i giovani al mondo del lavoro nel settore ristorazione» - è nota la sofferenza generale legata alla carenza di personale – dall’altro bisogna puntare tutto sulla crescita e la formazione. Fra i relatori del doppio appuntamento barese Mattia Spedicato del «Geranium» di Copenaghen, Luigi Dattilo di «Appennino Food Spa» di Savigno, Franco Pepe di «Pepe in Grani» di Caiazzo e lo chef Alessandro Gilmozzi del ristorante «El Molin» di Cavalese; in apertura Paolo Brunelli della «Gelateria Brunelli di Senigallia», Rosario Didonna della «Hostaria U’Vulesce» a Cerignola e Umberto Giraudo di «Rome Cavalieri a Waldorf Astoria Hotel» di Roma. «La Puglia è una delle poche regioni ad aver attuato un format come questo – ha concluso Paolo Brunelli – e sono felice di condividere con i ragazzi le mie esperienze. Riconosco gli occhi appassionati dei ragazzi loro sono i protagonisti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725