Domenica 28 Febbraio 2021 | 08:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il racconto
L'inferno dantesco della pandemia

L'inferno dantesco della pandemia

 
Cronache del distanziamento
Quel caffè col «signor Lorenzo»

Quel caffè col «signor Lorenzo»

 
Il racconto
Irrequieti a caccia di libertà

Irrequieti a caccia di libertà

 
il racconto
Il gentile «discorso» della Luna

Il gentile «discorso» della Luna

 
Il racconto
Se Camus dialoga in Valle d'Itria

Se Camus dialoga in Valle d'Itria

 
il racconto
Siamo tutti grandi... peccatori

Siamo tutti grandi... peccatori

 
il racconto
Quando non c’erano le mascherine

Quando non c’erano le mascherine

 
il racconto
La Giardinetta di Méste Battìste

La Giardinetta di Méste Battìste

 
Il racconto
Ciao, Carnevale di Bari Vecchia

Ciao, Carnevale di Bari Vecchia

 
Il racconto
Sul «filobus» del Carnevale

Sul «filobus» del Carnevale

 
Cronache del distanziamento
È stato solo un grande amore

È stato solo un grande amore

 

Il Biancorosso

Serie C
Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

Nel derby di Puglia, Il Bari in 10 batte il Foggia 1-0: segna il bomber Cianci

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaTragedia sfiorata
Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: due persone ferite

Auto esce di strada tra Foggia e Manfredonia e si ribalta: 2 persone ferite

 
Leccel'aggressione
Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

Cannole, bambina azzannata alla gola da un cane: ricoverata in codice rosso

 
PotenzaCoronavirus
«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

«Vaccinateci!», in Basilicata il coro unanime dei malati rari

 
TarantoIl caso
Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

Taranto, spara per errore all'amico: 20enne si consegna in Questura, arrestato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

Il racconto

Più vicini di sempre, grazie virus

Giovanna Politi racconta una famiglia rinata. Un video, un padre, un amore

Più vicini di sempre, grazie virus

Erika ha dieci anni e vive lontana dal suo papà che riesce a sentire pochissimo e a vedere ancora meno.
Lui e la sua mamma si erano separati quando lei aveva cinque anni e il loro allontanamento come coniugi aveva avuto ripercussioni sul rapporto che la bambina aveva con Saverio, uomo che lei nel suo cuore considerava ancora il miglior papà del mondo!
Lei vive a Lecce e il papà dopo la separazione, si era trasferito a Roma per lavoro. È un maresciallo della finanza, ha 40 anni e circa 700 km di distanza e di dolore nel cuore! Lui avrebbe voluto continuare a frequentare regolarmente la piccola Erika, il suo desiderio più grande sarebbe stato vederla crescere, partecipare alle recite a scuola e presenziare alle sue gare di tuffi in piscina, ma Amalia, la mamma, appartenendo a quella categoria di donne che pensano che i figli siano di loro proprietà escludendo dal cerchio magico l’importanza dell’altro genitore, aveva ridotto al minimo, con abuso di potere, incontri e telefonate e aveva addirittura fatto credere alla figlia che il padre non la pensasse.
Erika si era ritrovata più volte a piangere nel suo lettino e non era riuscita a capacitarsi che quell’uomo che la sera le leggeva le favole e giocava con lei a nascondino, l’avesse cancellata all’improvviso dalla sua mente!
Un giorno aveva confidato a Martina, la sua compagna di banco, tutta la tristezza per questa mancanza che aveva scavato, così lei lo aveva definito, un buco immenso nel suo piccolo cuore!

Martina l’aveva consolata regalandole degli adesivi profumati da attaccare sul diario e la bambina per un attimo era tornata a sorridere e aveva forse smesso di pensare.
Un giorno però, all’improvviso, sulla Terra era accaduto un fenomeno strano… Un pericoloso virus che stava infettando il mondo intero, aveva messo un fermo immagine ad ogni storia e modificato ogni vissuto cambiando la rotta ad ogni destinazione!
Tutto il mondo si era fermato! Niente scuola, niente feste e piscina, niente compleanni da festeggiare e le domeniche da nonna Agata che faceva le polpette al sugo dalla bambina tanto attese, da dimenticare!
Erika, essendo anche figlia unica, si era intristita ogni giorno di più, la curva del suo sorriso non era più verso l’alto, aveva cambiato direzione!
Amalia, vedendo la figlia così triste e sconsolata, un sabato pomeriggio le aveva detto: “che ne dici di fare una videochiamata a papà per vedere cosa fa?”
La bambina, in un attimo solo aveva cambiato il colore del viso, si era subito entusiasmata e aveva accolto con gioia immensa l’idea della mamma… inattesa, strana, ma bellissima!
Appena la schermata di Face time aveva fatto comparire il volto di Saverio sul dispaly, la bambina si era emozionata così tanto che non era riuscita più a parlare.
Il papà l’aveva rassicurata e con voce dolce le aveva detto che era felicissimo di vederla, che era diventata bellissima e che se era trascorso un anno dall’ultima volta in cui si erano visti e due mesi da quando si erano sentiti, era stata tutta colpa del suo lavoro!
La bambina aveva fatto finta di crederci, aveva sorriso al padre e preso per mano la madre… in quel momento il suo piccolo, fragile mondo si era ricomposto, era in armonia!
Amalia e Saverio si erano parlati tanto prima di quella chiamata ed erano giunti alla conclusione che i loro problemi coniugali non avrebbe mai più dovuto interferire nel rapporto genitoriale, la bambina era e avrebbe dovuto rimanere comunque la cosa più bella che avevano in comune.
Amalia aveva chiesto scusa a Saverio per aver strumentalizzato la figlia per punirlo del tradimento subito, Saverio aveva implorato il perdono per l’atto meschino e aveva ammesso la colpa di non aver insistito abbastanza con la moglie per avere un rapporto continuativo con la figlia, per essersi rassegnato senza lottare.
Entrambi da quel giorno avevano deciso che Erika avrebbe avuto due genitori, lontani ma due.
Per sempre!
Saverio aveva cominciato a videochiamare la figlia, lei appoggiava il cellulare sul cuscino e lui le leggeva una fiaba ogni sera.
La bambina si addormentava tranquilla e felice, era rinata! Aspettava l’appuntamento col padre come la cosa più bella del giorno e non ne mascherava l’entusiasmo con nessuno.
Un giorno Saverio le aveva detto: “amore mio, appena questo brutto virus scomparirà dalle nostre vite, papà si metterà in macchina e verrà subito a Lecce da te, te lo prometto! E ti prometto anche che verrò con un bellissimo regalo.”
Erika aveva ribattuto che il regalo per lei sarebbe stato abbracciare suo padre, viverlo anche se per pochi giorni, essere accompagnata a scuola da lui e che avrebbe gioito nel vederlo fotografare mentre lei si tuffava in piscina sotto l’occhio fiero del suo istruttore.
Avevano sorriso insieme, poi avevano incrociato due dita sulla bocca per giurarselo prima di attaccare.
L’indomani a colazione, Erika aveva detto alla mamma mentre le spalmava la nutella sui pancake: “mamma, voglio dirti grazie con tutto il mio cuore!”
La mamma le aveva chiesto il perché di quell’attestato nei suoi confronti e la bambina, mettendo lo zaino sulle spalle le aveva sorriso strizzandole l’occhio come fanno gli adulti per siglare un’intesa.
Quel giorno a scuola, finalmente tornata in presenza, seppur con distanziamento e mascherine, la maestra aveva dato un compito: descrivi cosa ti ha tolto e cosa ti ha dato il Covid 19.
Parla del tuo stato d’animo.
Erika aveva sorriso e con sguardo fiero aveva preso la penna e aveva iniziato a scrivere sicura:
Caro Virus, ti odiano tutti e all’inizio anch’io non mi risparmiavo, mi hai tolto la presenza degli amici con cui giocavo al parco, mi hai tolto la scuola, i compagni e le passeggiate col cane. Non ho visto i miei nonni adorati per due mesi e mi sono immalinconita tutto il giorno davanti al pc per seguire le lezioni, però io devo dirti grazie per una cosa immensa, enorme, gigantesca che tu mi hai regalato! Ti chiederai di cosa parlo…?
Vedi Corona V, a volte gli adulti non sono così intelligenti come vorrebbero sembrare, si fanno ripicche, ricatti sciocchi, dispetti strani e noi bambini ne paghiamo le conseguenze.
Poi sei arrivato tu come uno tsunami e hai fatto capire ai miei genitori quanto io avessi bisogno di entrambi, tu mi hai restituito papà che adesso sento tutte le sere e con la cui voce mi abbandono per poter sognare. Grazie Corona V, adesso puoi anche andare via quando credi, spero che i grandi abbiano imparato la lezione!
Grazie davvero, perché adesso papà ed io, siamo di nuovo vicini, anzi, più vicini di sempre!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie