Venerdì 22 Gennaio 2021 | 18:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il racconto
L'abbraccio più lungo della vita

L'abbraccio più lungo della vita

 
Il racconto
Volo e focolare, evviva la Befana

Volo e focolare, evviva la Befana

 
il racconto
Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

Ma «se Parigi tenesse lu mare»?

 
Il racconto
Più vicini di sempre, grazie virus

Più vicini di sempre, grazie virus

 
Il racconto
Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

Noi ragazzi abbiamo brevi sogni

 
Il racconto
Rocco e Amelia, parole sul mare

Rocco e Amelia, parole sul mare

 
il racconto
L’avventura con «Tommaso blu»

L’avventura con «Tommaso blu»

 
Il racconto
Ma quanto è bella la vecchiaia...

Ma quanto è bella la vecchiaia...

 
Il racconto
La domanda del mandarino

La domanda del mandarino

 
Il racconto
Un test d'amore... in due linee

Un test d'amore... in due linee

 
Cronache del distanziamento
Caro 2021... noi ti aspettiamo!

Caro 2021... noi ti aspettiamo!

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Il racconto

Caro Giorgio, siamo più vicini che mai

Giovanna Politi racconta un epistolario possibile: due ragazzi e la tenerezza

Caro Giorgio, siamo più vicini che mai

«Ciao angelica, oggi pomeriggio non voglio inviarti un wa, né farti una video chiamata… Oggi ho deciso di scriverti una mail per dirti ciò che sento.
Sai a cosa stavo pensando? A quanto fosse bello vedersi, essere vicini… Eppure quando potevamo esserlo lo davamo per scontato e forse a volte non eravamo nemmeno tanto felici come avrebbero dovuto essere due innamorati! Cosa darei adesso per poterti incontrare, per poterti abbracciare, per correre da te e baciarti a perdifiato sulle scale della scuola prima del suono della campanella! Mi venderei l’anima per vedere anche solo da lontano il tuo sorriso senza mascherina! Angelica, le restrizioni di questo periodo mi stanno togliendo il respiro, il nostro amore appena cominciato, non meritava questo distacco forzato. Mi manca tutto di te, mi manca l’odore dei tuoi capelli, mi mancano le tue smorfie per farmi capire che volevi un complimento, mi mancano le tue mani nelle mie mentre ti racconto dei problemi a scuola o con i miei, mi mancano le nostre uscite con gli amici, le corse in scooter per andare a giocare a tennis, anche se poi mi batti sempre e ci rimango male!
Mannaggia a sto virus, ci sta rubando spazio e tempo alla vita, quest’anno praticamente, non lo abbiamo quasi vissuto e a 16 anni un anno è importante, prezioso non credi? Se a uno gli saltano i 34 anni e passa ai 35 mica è la stessa cosa che saltare i 16 per i 17. Chi ce li restituisce? Chi ci ridarà quelle emozioni nuove, forti e intensissime che stavamo iniziando a provare? Siamo in pausa e adesso mi sono scocciato. Ti voglio!
Gli adulti ci criticano se ci assembriamo, se ci cerchiamo, se a volte irresponsabilmente abbassiamo la mascherina per baciarci al volo e magari poi andiamo a pranzare dai nonni… è vero, sbagliamo, ma sono stati giovani anche loro o sbaglio? Un po’ di clemenza ce la devono concedere!
E io, ti manco?
Pensa che a me manca anche la scuola, che in altri tempi avrei fatto salti di gioia per saltarla… e ora invece? Mi manca pure la cattiveria della prof di matematica che pare che in DAD si sia ammansita perdendo il suo perché.
Mi mancano le serate a cazzeggiare al Convitto Palmieri, le risate con Lorenzo e Francesco che mi prendono in giro perché mi sono innamorato di te! Voglio vederli loro quando incontreranno una come te, se continueranno tanto a farsi i duri!
Perché io mi sono innamorato di te, lo sai vero?
Angelica queste cose io volevo scrivertele e non dirtele, che poi ogni tanto così, se ne avrai voglia potrai rileggerle. Se vuoi, rispondimi.
Giorgio

«Ciao Giorgio, che bella sorpresa! Non ho mai ricevuto una mail del genere, lo sai? Mi ha fatto un casino di piacere… che tipo che sei! Lo dicevo io a Beatrice e a Luna che mi ero scelta il migliore! Però adesso non ti montare la testa eh… Condivido tutto quello che hai scritto e mi associo alle sensazioni di vuoto, di mancanza, di solitudine che stiamo attraversando in questo momento. Almeno tu in famiglia godi di un clima sereno! Io invece, come ben sai, ho i miei che prima del virus stavano per separarsi, per cui ti lascio immaginare cosa stia potendo creare questa convivenza forzata in cui tutto è solo rimandato. Tutto in pausa, come dici tu!
Il fatto di non poter uscire liberamente, la scuola, gli amici… mi manca tutto, e tu più di tutto! Con te mi pareva che finalmente per me ci fosse un po’ di gioia, sono anni che non sento altro che urla e improperi tra persone che dovrebbero amarsi! Tu invece, con la tua dolcezza mi hai dato la speranza di credere ancora che l’amore possa essere anche una cosa bella, un sentimento che faccia sorridere.
Questo mostro invisibile ci sta togliendo tantissimo, è vero, però sai, ho deciso comunque di non lamentarmi… quanto meno noi siamo in salute, i nostri cari lo sono, se penso alle tantissime persone che invece hanno dovuto, oltre all’isolamento, affrontare la morte e anche a distanza, delle persone che amavano, resto immobile e senza parole!
Ginevra ha perso la nonna per esempio e non ha potuto esserle vicino nemmeno gli ultimi momenti in ospedale, non ha potuto stringerle le mani, ringraziarla per tutto l’amore. Io sarei impazzita se fosse successo a me, sai quanto sia legata a tutti e quattro i miei adorati nonni!
Scusami Giorgio, ma in questo momento non riesco ad essere egoista più di tanto, mi guardo intorno e non riesco a pensare solo ai miei desideri quando al mondo sono negate cose di vitale importanza.
Il papà di Luigi ha perso il lavoro ed è disperato, Luigi non riesce più a dormire la notte perché è preoccupato per come potrà cavarsela la sua famiglia… come faccio a pensare solo a me?
Comunque non vedo l’ora che si possa tornare ad essere liberi ovvio, perché in questo momento soltanto ho capito la vera importanza del dono della libertà, non vedo l’ora di raggiungerti quando mi pare, di baciarti ovunque senza paura, non vedo l’ora d’incontrare le amiche, di viverle e non dietro uno schermo, non vedo l’ora di tornare a scuola, di tremare per le interrogazioni in presenza, di tornare a parlare di feste, regali, vestiti… Non l’ora di essere me stessa, una ragazza di 16 anni. Anche se soffrirò moltissimo e già al pensiero lo faccio, non vedo l’ora anche che i miei possano entrambi ritrovare la loro serenità stando lontani, perché da vicini è una guerra quotidiana che non regge più nessuno di noi.
Ma io ti penso, sai? La sera ascolto Ultimo e ti penso… riascolto mille volte Farfalla bianca e mi ricordo di quella volta che me la dedicasti dopo avermi messo le mani sugli occhi sopraggiungendomi alle spalle mentre ero seduta sul sellone dello scooter ad aspettarti. Mi manchi Giorgio, mi manca tutto di te. Non dubitare mai.
Angelica

“Angelica, tu mi lasci senza parole e sai perché? Sei la ragazza più altruista che io conosca e questa è una cosa che adoro di te! Non sei banale come molte tue amiche, tu pensi agli altri e non riesci ad essere felice se non vedi l’armonia intorno, sei unica! Starti vicino è la cosa più bella che mi sia capitata e anche se adesso non posso viverti come vorrei, so che un giorno, spero non troppo lontano, potrò tornare a farlo e allora sarà bellissimo, lo immagino già!
Essere vicini, raccontarsi, sentire il respiro dell’altro, sono cose di una bellezza unica il cui valore mi è chiaro solo ora, prima, come ti dicevo, davo per scontato il poterlo fare e non ne godevo per come avrei potuto.
Ma appena sarà tutto finito, io voglio vederti ogni giorno, il più possibile, voglio abbracciarti da toglierti il respiro, voglio condividere tantissime cose con te e voglio starti vicino per aiutarti ad affrontare la separazione dei tuoi genitori. Non dubitare Angelica, io ci sarò. Sempre.
Giorgio

“Le tue parole riescono a farmi sentire tutto il calore della vicinanza anche da lontano. Si può essere vicini e lontani e come ben vedi, lontani e vicinissimi se ci si vuole bene davvero. Non sei solo, non mi sento sola. Forse oggi, per come abbiamo compreso i valori della vita non più scontati, siamo più vicini che mai.
Angelica

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie