Martedì 13 Novembre 2018 | 17:47

NEWS DALLA SEZIONE

Il Natale si avvicina
REGALI - Un buon dolce natalizio è sempre gradito

Panettone, riconoscere quello buono

 
Seconda edizione
LA SFILATA - I classici  panettoni natalizi da tutta Italia  in gara a Turi

Maestro panettone, che golosità

 
Non confondere le «teste del Purgatorio» con Halloween
ZUCCA - Scavata dal celebre chef orsarese Peppe Zullo

Falò accesi e teste di Purgatorio

 
Come lasciare ai nostri figli un mondo migliore
IN CAMPO - Nicola Sinisi nella sua piantagione  di bambù

Col bambù gigante c’è ossigeno

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più visti della sezione

Buongusto

Il sogno americano del giovane pugliese chef Davide Zigrino diventa realtà

Chef Davide Zigrino da Fasano alla scalata di New York

Chef Davide Zigrino da Fasano alla scalata di New York

Ci sono due cucine italiane, quella autentica e quella “taroccata”. E ci sono due Americhe, quella anti immigrati (illegali) e quella che continua a costruire la sua ricchezza sull’accoglienza ai talenti in fuga. Ed è l’evidenza di questo atteggiamento il più vistoso risultato della elezione alla presidenza della Casa Bianca del miliardario newyorchese Donald Trump.

La storia che vi raccontiamo oggi è quella di un giovane cuoco pugliese, chef Davide Zigrino, che sbarca a New York City e ce la fa ad emergere.

Davide Zigrino, 30 anni, nato a Putignano e vissuto a Fasano ha frequentato qui l’ottima scuola alberghiera fino al quarto anno ma senza arrivare al diploma: la cucina, intesa come apprendimento col fare, hanno avuto il sopravvento.

Mentre i venti, forti, della chiusura delle frontiere soffiano anche sulla democrazia americana ecco che lo chef Davide Zigrino, con la sua valigia fatta di tanti sogni e tanta dura esperienza sul campo, è riuscito a conquistare un visto per il suo passaporto. Ma è davvero speciale, si tratta dell’O1 ovvero il visto artistico che viene concesso solo, dopo lunga procedura, agli stranieri che dimostrano di avere straordinarie abilità e che un americano residente lì o negli stati limitrofi non può avere.

Lui, Davide Zigrino, giovane “ambasciatore” del made in Puglia, a New York City non perde occasione per proporre la nostra cucina e i suoi ingredienti fatti di prodotti tipici e genuini, magari composti in un piatto moderno.

Tre anni fa Davide Zigrino ha conquistato la medaglia d’oro al Congresso Internazionale dell’ospitalità di Milano.

Ma la Grande Mela era già un traguardo che aveva esplorato negli ultimi 12 anni. E’ passato attraverso le cucine stellate pugliesi e campane, anche in masserie di lusso, navi da crociera, Emilia Romagna e Svizzera ma, come dice con sincerità Davide Zigrino, “quando ho scelto di provare a restare a New York dire che mi sentivo pronto… è una parola grossa: io volevo mettermi in gioco, provare”. La prova del cuoco, per usare un gioco di parola con la più celebre delle trasmissioni tv italiane, è decisamente riuscita.

“Ci sono voluti 5 lunghi anni di insistenza e di attesa affinché il progetto del Nonna Restaurant, che prenderà il via a gennaio a New York e a Luisville in Kentucky, diventasse realtà”, racconta con orgoglio lo chef pugliese Davide Zigrino – E ora, il nostro talento andato via, aspetta la green card per diventare americano, con la Puglia nel cuore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400