Martedì 07 Luglio 2020 | 21:40

Il Biancorosso

Serie C
Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

Gautieri: «Bari, se devo affrontarti spero sia nella partita della finale»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiE' ricoverato
Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

Da Milano in vacanza a Villanova: turista va in ospedale, positivo al Covid

 
TarantoPreso dai Cc
Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

Taranto, spacciatore tradito da un incidente: aveva droga in auto

 
Potenzaper 24 tifosi
Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

Tifoso Vultur Rionero investito: gup Potenza accoglie istanze per messa alla prova

 
Batper i dipendenti
Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

Asl-Bat, ecco le «ferie solidali», da cedere a colleghi in difficoltà

 
Foggial'episodio a giugno
Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

Foggia, dà un pugno a un minore e gli ruba la minicar: arrestato sorvegliato speciale

 
MateraIl caso
Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

Matera, pulizia nei Sassi: il progetto resta nel cassetto

 

i più letti

SOS ALLA MINISTRA TERESA BELLANOVA

Scorte di vino trasformate in alcol contro il Coronavirus

Dalla vigna agli ospedali, la strada potrebbe diventare breve. Eppure, anche oggi, al supermercato non ho trovato l’alcol

Teresa Bellanova, ministro delle Politiche Agricole e Alimentari

Teresa Bellanova, ministro delle Politiche Agricole e Alimentari

Dalla vigna agli ospedali, la strada potrebbe diventare breve. Eppure, anche oggi, al supermercato non ho trovato l’alcol. Eppure, contro il coronavirus ci raccomandano di disinfettare pure la spesa, ma come farlo? Nel mondo del carrello pieno di scorte, è l’occasione giusta per ricordare che pure nelle cantine ci sono silos di vino in giacenza che potrebbe diventare alcol per igienizzanti. L’idea corre veloce, fra i primi a lanciarla c’è stato un imprenditore vitivinicolo pugliese. Era il 20 di febbraio e “qualcuno – ci dice Doni Coppi da Turi – si è persino scandalizzato. Ma fare impresa significa guardare prima la realtà, quella complessiva in cui l’intero sistema Italia va vivendo, e poi la propria azienda inserita in quel contesto”. Ho difficoltà a capire come mai un marchio come quello di Giorgio Armani non ha avuto difficoltà a convertire la sua produzione italiana da alta moda a tute di protezione per il personale sanitario. “Sono costretto a precisare, come sto facendo da due settimane – sottolinea Doni Coppi – che la mia azienda non ha vino da destinare alla produzione di alcol. Le idee, in tempi di crisi, sono un patrimonio da condividere, per questo ho lanciato questa proposta giorni fa”.

In un mondo di cittadini sempre di corsa, forse, in pochi ricordavano che l’alcol per l’igiene proviene dalle nostre vigne. Comunque, smettere di importarlo fra mille ostacoli per gli ostacoli nei trasporti - dando ossigeno e reddito alle nostre cantine - è diventato una proposta concreta. La hanno presentata il 26 marzo Alleanza Cooperative e Assodistill a Teresa Bellanova ministro delle Politiche Agricole e Alimentari. È passata un’altra settimana e, questo prodotto essenziale per la nostra igiene e sicurezza continua a mancare.

La gara, a chi va più veloce, è fra una politica di assistenzialismo (necessaria per chi già non può fare la spesa) ed una politica di stimolo economico (per chi non potrà più fare la spesa). In questo caso, senza donare o dare soldi a pioggia, per le aziende vinicole in difficoltà sarebbe uno spiraglio di luce. Per il mercato vorrebbe dire consentire di immettere 22 milioni di litri di alcol per produrre igienizzanti per le strutture sanitarie e per tutta la collettività.

“La volontà del sistema cooperativo è di poter dimostrare tutta la propria solidarietà al settore sanitario e all’intera collettività”, spiega Giorgio Mercuri presidente di Alleanza cooperative agroalimentari. “Come risulta dagli ultimi dati del Ministero delle politiche agricole, nelle cantine dei produttori, da nord a sud dell’Italia, vi sono giacenze di vino da tavola e a denominazione”.  Come si può fare? Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil spiega che “si tratta di dare il via libera ad una distillazione in via temporanea per due mesi, aprile e maggio, di circa 2 milioni di ettolitri, per una produzione di circa 22 milioni di litri di alcol. Come stabilito all’art. 216 del regolamento 1308/2008, i produttori di vino per questa operazione dovrebbero ottenere un contributo da parte dello Stato, nella logica di evitare conseguenti distorsioni nei mercati di riferimento e contenere il prezzo di vendita degli igienizzanti ai consumatori finali”. A questo punto, aspettiamo la risposta della ministra Bellanova.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie