Martedì 21 Maggio 2019 | 00:36

NEWS DALLA SEZIONE

Cucina
Sulla Murgia è tempo di P-Assaggi: tra gli ospiti lo chef stellato Gennaro Esposito

Sulla Murgia è tempo di P-Assaggi: tra gli ospiti lo chef stellato Gennaro Esposito

 
Turismo della Memoria
MARE - Una risorsa per la cosiddetta Valigia delle Indie che è Brindisi

Quando Brindisi fu la «capitale»

 
Gli eventi gratuiti di InPuglia365
TIPICO - Come lo è il buon formaggio pallone di Gravina

Primavera, week end in viaggio

 
In Piazza del Ferrarese a Bari
Pane e olio (foto Angelo di Cugno)

«Abc olio», la piazza degli extravergine in festa

 
19 E 20 MAGGIO
Bari, la cucina diventa pensiero e sapore

Bari, la cucina diventa pensiero e sapore

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squadra più forte»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

Taranto, il questore vieta i funerali pubblici per il boss Taurino

 
BariL'evento
Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

Ecco «Bitonto cortili aperti» con la guida di 800 studenti

 
BrindisiL'appello di Adelina
Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

Da 20 anni a Brindisi: «Sono malata datemi la cittadinanza»

 
PotenzaComando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
BatSanità
Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

Barletta, al via la riqualificazione del Pronto Soccorso dell'ospedale

 
HomeLa visita
Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

Cagnano Varano, Trenta balla la tarantella con le ballerine del Gargano

 
LecceIl sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
MateraAi domiciliari
Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

Matera, minaccia moglie e la picchia davanti ai figli, arrestato

 

i più letti

Fra fede e folklore

Pezze di Greco, si narra la tavola

Quella imbandita, e tradizionale, del presepe vivente più antico della Puglia

CULTURA CONTADINA - Rivive con il rituale del presepe di Pezze

CULTURA CONTADINA - Rivive con il rituale del presepe di Pezze

Fra fede e folklore, luci e fuoco che riscalda le grotte – ed i cuori – benvenuti nei presepi di Puglia. Grotte, anfratti e ulivi rendono il tacco d’Italia straordinariamente simile a Betlemme. Ma in Terra Santa i sapori del Natale hanno il gusto speziato del Medio Oriente. Qui, in Puglia, l’olio sfrigola e le pettole saltellano dai piatti ai turisti.

C’è dove, in Salento, le chiamano pittule, e nel barese, invece, diventano pupizze. Insieme alle cartellate, o carteddate o similari, ovvero alle rose sottili e dolci immerse nel vincotto o che brillano nel miele, sono questi i sapori che si ritrovano in tutti i presepi viventi di Puglia con un buon bicchiere di vino rosso.

Proseguendo nel ricchissimo calendario di eventi di InPuglia365, che ci accompagnerà fino a febbraio, ho avuto davvero l’imbarazzo della scelta fra le tante bellissime natività viventi. Pezze di Greco, dove è ambientato il più antico rievocazione della nascita di Gesù di Puglia, mi ha convinto ad andare. Ho scelto, grazie all’invito di Borgo Egnazia, di vivere l’emozione del Natale come un turista, anzi insieme agli ospiti del resort lussuoso e attento, sempre, a porgere l’autentica esperienza pugliese ai suoi ospiti.

Dalla Lombardia al Lazio, lo stupore e l’affabulazione ha avvolto e coinvolto tutti, anche i pochi pugliesi che hanno vissuto il presepe di Pezze di Greco in apertura speciale, limitata. Il luogo è di straordinaria bellezza con grotte ampie e profonde, animate dallo sbuffo dei camini che riscaldano e animano numerose cucine. Ogni focolare, a Pezze di Greco, è l’occasione per rivivere un segmento della vita contadina o di paese. Mi ha sorpreso la grande cura nella suddivisione della rappresentazione natalizia: esposta con magistrale cura del dettaglio, ed organizzata per filiere.

Ecco riemergere dall’oblio la filiera del grano: l’aia, grande sconosciuta per chi è nato nell’era del supermercato. Lo speziale, con una farmacia a base di erbe mediterranee e spezie. In un unico coro, nonne e nonni che raccontavano e facevano vedere come si mangiava un tempo. Per info www.viaggiareinpuglia.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400