Venerdì 26 Aprile 2019 | 08:48

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
Lavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
Botta e risposta
Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

Andria, accuse e veleni: fra Marmo e Giorgino volano gli stracci

 
Il furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
Il furto
Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

Andria, svaligiano la biglietteria di Castel del Monte: caccia ai ladri

 
Discariche a cielo aperto
Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

Campi come discariche allarme rifiuti nel Nord Barese

 
La sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
Il messaggio
Lino Banfi a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

Lino Banfi torna a Canosa, gli auguri con la Gazzetta: «Buona Pesqua»

 
Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNel foggiano
Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

Incendio in baracca a Borgo Mezzanone: morto cittadino straniero

 
LecceSalento
Melpignano, Francesco Guccini inaugura Palazzo Marchesale

Melpignano, Francesco Guccini nel giardino del palazzo Marchesale tra musica e parole

 
BariIl protocollo
Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa

Uffici giudiziari nelle ex Casermette di Bari: verso l'intesa
Bagarre tra Sisto e Decaro

 
BrindisiIl concerto
Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

Negrita ad agosto a Francavilla F.na, unica tappa in Puglia

 
PotenzaLa situazione
Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

Lo sblocca cantieri è inutile per le incompiute lucane

 
BatL'appuntamento
Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

Barletta, il 4 maggio «TedX Terra»: relatori d'eccezione

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 

andria

«Non sarà spostata
la Direzione Asl»

Così interviene e chiarisce il sindaco Nicola Giorgino

«Non sarà spostata la Direzione Asl»

MARILENA PASTORE

ANDRIA Nessun trasferimento della direzione generale dell’Asl/Bt da Andria ad altro luogo. Dunque: «nessun allarme: solo una non notizia che genera confusione perché è totalmente inventata». Il sindaco Nicola Giorgino marchia come fake la notizia del possibile trasferimento della sede della direzione generale della Asl Bt. E per questo ha chiesto informazioni direttamente al direttore generale della Asl Bt, Alessandro Delle Donne, ricevendo assicurazioni «sul carattere solo ricognitorio del sopralluogo effettuato nella vicina città di Trani. Anche in questo come in altri casi – fa sapere il sindaco - ho verificato direttamente alla fonte, cioè parlando con il direttore Generale Delle Donne, la consistenza ed il contenuto della notizia diffusasi in città e letta sulle testate giornalistiche. Come ha sottolineato lo stesso Delle Donne in una nota del suo Ufficio Stampa, anche dal mio colloquio è emersa la natura meramente tecnica del sopralluogo rientrante, come dichiara il Direttore e come si legge nel comunicato stampa, in una serie più ampia di visite che sto effettuando dopo la mia nomina ad ospedali, reparti, ambulatori e strutture della Asl Bt, anche inattive, come lo stesso Palazzo Gradenigo o l’ex ospedaletto pediatrico di corso Cavour di Barletta. Dunque è solo una indagine conoscitiva sullo stato dei luoghi e di conservazione».

Per quanto concerne l’ottimizzazione della struttura in fatto di sicurezza e di servizi per l’utenza e per il personale dipendente della direzione generale, il sindaco ha dichiarato «Siamo impegnati nell’attuazione di ulteriori misure destinate a migliorare ancora la qualità funzionale della sede di via Fornaci assicurando tutta la collaborazione necessaria con la competente direzione generale. Dunque “nessun silenzio assordante” da parte mia. Al contrario sono intervenuto immediatamente sul Direttore Generale, ho verificato l’inesistenza della notizia e ho assicurato ed assicuro l’impegno -conclude il Sindaco – a risolvere rapidamente le criticità lamentate. Resta ovviamente l’assoluta determinazione ad assicurare alla città questo importante presidio operativo/amministrativo della Asl e ad evitare, quindi, qualsiasi tentativo di diversa natura». Fin qui le dichiarazioni del sindaco diffuse dall’ufficio stampa del comune di Andria rispetto alla questione “sede Asl”. Al di là della verifica alla fonte di cui parla il primo cittadino, che è di per se stessa superata con la diffusione della nota da parte dell’ufficio stampa, ci saremmo aspettati, in verità, qualche parola sulla questione “sicurezza” (che è decisamente più importante e prioritaria) tirata in ballo nella nota diffusa dall’ufficio stampa del direttore generale.

«Tuttavia – si legge - la questione pone all’evidenza l’esigenza, sentita soprattutto dai dipendenti che lavorano nello stabile della Direzione Generale di Andria e degli utenti che ne fruiscono, di individuare soluzioni, strutturali o logistiche, che restituiscano una più alta percezione di sicurezza e funzionalità alla sede attuale, fortemente penalizzata dalla carenza di parcheggi e di presidio di sicurezza. Infatti sono quasi all’ordine del giorno i furti di automobili di dipendenti e utenti della struttura, che arrecano non solo ingenti danni economici a persone che si recano in via Fornaci per svolgere il proprio lavoro quotidiano a servizio della collettività, ma anche forte percezione di insicurezza derivante dal timore del rischio gravissimo di aggressioni fisiche. A tal fine e nella eventualità che in futuro prossimo ci si debba occupare di tale vicenda, si auspica la massima collaborazione di tutti gli enti locali per studiare una soluzione che conferisca sicurezza, funzionalità e prestigio ad una delle più importanti Aziende Pubbliche del Territorio Bat». Posto che la sicurezza non può e non deve essere garantita solo ai dipendenti di un’azienda pubblica ma è preciso dovere di chi amministra garantirla ad un intero quartiere (che è quello di Monticelli) e ad un’intera città, chiediamo al sindaco qual è lo stato di sicurezza della città? Condivide o smentisce le parole del direttore generale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400