Martedì 26 Gennaio 2021 | 01:26

NEWS DALLA SEZIONE

viabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
L'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

il processo a Lecce

Giustizia truccata a Trani, altri veleni: «Minacce a D'Introno»

Lettera in carcere al testimone chiave: «Non devi più parlare»

Giustizia truccata a Trani, altri veleni: «Minacce a D'Introno»

L’udienza del processo di Lecce ai giudici di Trani è saltata di nuovo, stavolta perché l’ex ispettore Vincenzo Di Chiaro (in carcere a Matera) ha la febbre a 38. È dunque slittata al 19 marzo l’audizione dell’imprenditore Paolo Tarantini, che ha pagato 400mila euro per evitare una falsa indagine per reati fiscali, e dell’ex procuratore Carlo Capristo. Ma a tenere banco è un nuovo caso: le minacce ricevute in carcere da Flavio D’Introno, l’uomo chiave dell’inchiesta che a gennaio 2019 portò all’arresto dell’ex pm Antonio Savasta e dell’ex gip Michele Nardi.
D’Introno è in carcere a Trani dove sta scontando la condanna definitiva per usura, quella che l’imprenditore di Corato ha avrebbe tentato di evitare con soldi e regali ai magistrati. E proprio qui, avrebbe ricevuto una lettera anonima - composta con lettere di giornale - che lo inviterebbe a non parlare. Lettera che, tramite l’ufficio matricola della casa circondariale, è stata fatta pervenire alla Procura di Trani.

Così come Nardi e Di Chiaro (che hanno scelto di affrontare il processo con rito ordinario), anche D’Introno è accusato di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari. Ma per l’imprenditore coratino la Procura non ha chiesto il rinvio a giudizio: D’Introno ha continuato a raccontare la propria versione dei fatti fino a pochi giorni prima dell’ordine di carcerazione. Su di lui («Non è una vittima», secondo la Procura) si regge gran parte dell’inchiesta condotta dai carabinieri e coordinata dal pm Roberta Licci.

Un tema, quello delle presunte minacce ai testimoni, già sollevato nel corso del processo: nell’udienza del 19 febbraio è stato l’avvocato Domenico Mariani, difensore di Nardi, a ricordare che se ne è discusso in sede di Riesame. Anche un altro dei testi, Marianna Capogna (l’ex compagna di un amico di D’Introno, che per prima ha raccontato di aver sentito parlare l’imprenditore dei soldi dati ai giudici di Trani) avrebbe ricevuto minacce più o meno velate.
L’indagine di Lecce riguarda appunto i soldi e i regali che D’Introno avrebbe dato a Savasta, Nardi e all’altro ex pm Luigi Scimè (che nega) in cambio di aiuto per le sue disavventure giudiziarie, coinvolgendo anche avvocati e appartenenti alle forze dell’ordine: in tutto oltre due milioni di euro oltre regali e viaggi. Un «sistema», secondo l’accusa, che nel Tribunale di Trani avrebbe coinvolto anche ignari cittadini come gli imprenditori Ferri, Casillo e Tarantini. La prima parte dell’indagine è approdata a processo, mentre una seconda parte è ancora in corso. Savasta e Scimè nel frattempo hanno scelto il rito abbreviato: per loro la sentenza dovrebbe essere emessa il 30 marzo.

Ieri l’udienza davanti alla Seconda sezione (presidente Pietro Baffa) si è svolta a porte chiuse per l’emergenza coronavirus, ma è stata aggiornata per l’assenza di uno degli imputati: era accaduta la stessa cosa un mese fa per un malore capitato a Nardi, portato d’urgenza in ospedale. Tuttavia, nonostante il rinvio, in Aula si è registrato un durissimo scontro tra la difesa di Nardi e la Procura sulle intercettazioni telefoniche e su tutto il materiale informatico di cui il Tribunale ha disposto la trascrizione. «Ci è stato consegnato un tarocco, un pacco napoletano», ha detto l’avvocato Mariani denunciando l’impossibilità da parte del proprio consulente tecnico di accedere ai dati informatici a corredo delle intercettazioni: «È qualcosa di non corrispondente a quello che ci è stato riferito». La Procura ha definito «inammissibili» i termini («tarocco», «pacco napoletano» ) utilizzati dal legale. Il Tribunale ha autorizzato il perito a consegnare alla difesa i codici di accesso al programma di gestione delle intercettazioni, codici che però sarebbero materialmente stati forniti soltanto ieri. Nella prossima udienza dovrebbe testimoniare Francesco Giannella, attuale procuratore aggiunto a Bari, che nei suoi mesi da reggente a Trani ha fatto emergere le presunte irregolarità nelle indagini condotte da Savasta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie