Mercoledì 15 Luglio 2020 | 02:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il rogo
Incendio in un centro rifiuti di Barletta: a fuoco mezzi e bidoni

Incendio in un centro rifiuti di Barletta: a fuoco mezzi e bidoni

 
nella bat
Margherita di Savoia: ruba jeep, inseguito dai cc tenta fuga tra i bagnanti, arrestato

Margherita di Savoia: ruba jeep, inseguito dai cc tenta fuga tra i bagnanti, arrestato

 
5 anni fa la tragedia
BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

 
ambiente
Parco Alta Murgia, bruciano 350 ettari di terreno: denunciato responsabile

Parco Alta Murgia, bruciano 350 ettari di terreno: denunciato responsabile

 
Ambiente
Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

Barletta, «Illegalità diffusa sul fiume Ofanto»

 
Incidente ferroviario
Andria, quattro anni di dolore in attesa della sentenza

Nordbarese: 4 anni fa lo scontro fra treni, il dolore e l'attesa per la sentenza

 
Musica
Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

Piero Pelù torna in Puglia per Battiti Live: immortalato ai piedi di Castel Del Monte

 
Comunali
Andria, il M5s punta su Coratella

Andria, il Movimento 5 Stelle punta su Coratella

 
Beni storici
Canosa, chiesetta di Sant'Antonio da salvare

Canosa, la chiesetta di Sant'Antonio da salvare

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materabasket
L'Olimpia Matera pronta per la stagione dei 60 anni

L'Olimpia Matera pronta per la stagione dei 60 anni

 
BariL'appello
Coronavirus in Puglia, Fitto: «I sanitari baresi in attesa dei test da 3-4 mesi»

Coronavirus in Puglia, Fitto: «I sanitari baresi in attesa dei test da 3-4 mesi»

 
HomeIl rogo
Incendio in un centro rifiuti di Barletta: a fuoco mezzi e bidoni

Incendio in un centro rifiuti di Barletta: a fuoco mezzi e bidoni

 
TarantoL'operazione dei cc
Taranto, bloccano strade con transenna per ripulire bancomat: il colpo fallisce

Taranto, bloccano strade con transenna per ripulire bancomat: il colpo fallisce

 
LecceIl caso
Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, la denuncia della Lega: «In arrivo 100 migranti positivi al Covid»

Brindisi, la denuncia della Lega: «In arrivo 100 migranti, tra loro anche positivi al Covid»

 
Potenzain basilicata
Bella, bolletta Tim di 15 euro, la battaglia legale finisce in Cassazione

Per pagare la bolletta si spendono 15 euro: la battaglia legale di Bella finisce in Cassazione

 
Foggiamedicina
Foggia, ai «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio

Foggia, al «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio in Neurochirurgia

 

i più letti

L'iniziativa

Andria, un murale gigante sui giovani «in fuga»

«Ritornerai?»: cosa dicono le statistiche della provincia Bat

Andria, un murale gigante sui giovani «in fuga»

ANDRIA - A proposito di emigrazione giovanile, quel “gigante” che campeggia in bella vista sulla facciata laterale dell’edificio Arca (ex Iacp) di viale Ovidio è un tributo ai figli lontani di questa terra ma anche un monito perché si faccia qualcosa per tenere questi “cervelli giovani” nel proprio Paese. Abbiamo seguito l’iter di realizzazione del murale “Ritornerai?”, da un’idea di Andrea Colasuonno e Daniele Geniale, nata proprio con l’intento di raccontare in modo originale il dramma dell’emigrazione giovanile che – come dimostrano i dati di cui parliamo nel pezzo principale – tocca in maniera sensibile la provincia Bat e la città di Andria. Da viale Ovidio, infatti, transitano tutti i mezzi low cost che portano fuori regione.

Dunque, un luogo simbolo per un’opera simbolo per l’intera comunità: l’opera di street art realizzata da Daniele Geniale su un edificio di edilizia residenziale pubblica, è stata candidata dal comune di Andria al bando regionale “Open call -Street art“.
Realizzata in tre giorni, ora è stata consegnata ufficialmente alla città, alla presenza, oltre che dell’artista, anche del consigliere regionale e capogruppo della lista Emiliano Sindaco di Puglia, Sabino Zinni ed il presidente di Arca Puglia Centrale, l’ente regionale che ha concesso la superficie per la realizzazione dell’opera, Giuseppe Zicchella.

«Questo intervento regionale – ha spiegato Zinni, delegato dell’assessore regionale alla cultura, Loredana Capone - che vede oltre ad Andria coinvolte altre città pugliesi, ha come finalità la rigenerazione, la riqualificazione e la valorizzazione in chiave culturale dei luoghi pubblici, con particolare riferimento ad aree degradate e periferiche». «Noi, insieme alle nostre famiglie e ad i nostri cari – ha spiegato Agostino Ciciriello, presidente dell’associazione culturale “Andriaground Family“ che ha proposto l’opera - abbiamo vissuto in prima persona il tema dell’emigrazione giovanile. Per questo siamo consapevoli che, insieme ai nostri giovani, lasciano Andria anche competenze, energie ed idee senza le quali è davvero difficile pensare ad una città diversa. Il nostro auspicio è che guardando il murale ogni cittadino sia ancora più determinato a lottare per dare ai propri figli un motivo per restare e ri-tornare ad Andria. Perché senza i giovani, la nostra città non ha futuro.

«Mi piace pensare che questa opera sia dedicata a tutti loro, a tutte le famiglie toccate dall’emigrazione, a chi parte e a chi resta. Certo un’opera d’arte non risolve il problema ma ci inchioda alla sua drammaticità – è il commento dell’artista Geniale - È questo il senso che ci vedo in questo lavoro. Da qui, dalla mia città, dal Sud Italia la gente continua ad andarsene sperando di tornare quando le cose saranno migliorate. Ogni bus, treno, auto o aereo preso per le mie innumerevoli partenze mi hanno spinto a cercare una risposta al solito quesito del ritorno. Io l ‘ho fatto e sono molto orgoglioso di aver avuto la possibilità di parlare di quello che migliaia di persone della mia terra vivono sulla propria pelle. Da qui la gente va via senza sapere cosa ne sarà del proprio futuro. Questo muro è un pugno nello stomaco per tutta la comunità. A partire dai genitori, fino al gruppo degli amici. Spero possa essere un motivo di riflessione per tutti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie