Giovedì 21 Gennaio 2021 | 15:54

NEWS DALLA SEZIONE

Nella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
Il caso
Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

Andria, muore transessuale: è polemica sull'«identità»

 
sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barila decisione
Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

 
PotenzaGiustizia
Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Dopo 8 anni

Barletta ricorda e piange le cinque donne del crollo di via Roma

Ieri l'omaggio della comunità: «Un giorno triste e di monito perenne»

crollo Barletta via Roma

BARLETTA - «La città ha il dovere di ricordare per sempre le povere cinque vittime del 3 ottobre 2011 e l’Amministrazione comunale ha l’obbligo di richiamare alla memoria questa tragedia perché rappresenta un monito anche per i futuri amministratori affinchè si facciano rispettare tutte le norme ed evitare disastri analoghi. Purtroppo Barletta è stata teatro per tre volte di tragedie simili tra loro dovute alla mala edilizia. Il nostro è un dovere morale, civile e politico».

Con queste parole il sindaco Cosimo Cannito ha ricordato le vittime del crollo della palazzina di via Roma che costò la vita a Maria Cinquepalmi, Antonella Zaza, Matilde Doronzo, Giovanna Sardaro e Tina Ceci. Alla presenza del prefetto della provincia Barletta-Andria-Trani, Emilio Dario Sensi, del senatore Ruggiero Quarto, del consigliere regionale Ruggiero Mennea, di componenti della Giunta e del Consiglio comunale, e dei parenti delle vittime, il primo cittadino ha deposto simbolicamente un mazzo di fiori sul luogo della disgrazia.
Alle 12,21, ora in cui si è consumata la tragedia, si è tenuto un minuto di silenzio in ricordo delle sfortunate vittime.
Ricordare per raccontare«Per noi ragazzi del Liceo classico, scienze umane, musicale, questa giornata rappresenta una ferita che si riapre, 8 anni fa quel maledetto crollo ha portato via una nostra compagna, che da poco aveva intrapreso il primo anno di scienze umane, con tutti i suoi sogni e progetti che si sono sgretolati come quell'edificio».
Così gli studenti del Liceo classico, musicale e delle scienze umane «Alfredo Casardi», frequentato da Maria Cinquepalmi, 14 anni, quando il crollo le ha rubato la vita e i progetti.
«Ricordare per raccontare - hanno aggiunto i ragazzi - a chi non l'ha conosciuta, chi era Maria Cinquepalmi, una delle vittime del crollo di via Roma. A lei in una cerimonia di commemorazione, presso il plesso Botticelli abbiamo dedicato i nostri pensieri arrotolandoli a pallocini bianchi fatti poi volare verso il cielo».
Il preside, professor Giuseppe Lagrasta, ha introdotto la cerimonia alla presenza degli alunni di quinta A e B e dei loro docenti. Ad esprimere parole di riflessione don Vito Carpentiere, parroco della chiesa di Santa Lucia.
Alle 12.21, ora in cui si è consumata la tragedia si è tenuto un minuto di silenzio, scandito dal suono della campanella. Sulle note dell' Ave Maria di Schubert, egregiamente interpretata da alcuni docenti del liceo musicale, il saluto «a chi non è più con noi solo con il corpo, ma continua ad esserlo con l'anima».

Giorno triste «Oggi è un giorno molto triste - ha detto il senatore Ruggiero Quarto - . Ricorre l'ottavo anniversario del crollo di via Roma, nel quale sono rimaste uccise cinque giovani donne. A tutti i loro cari rinnovo il mio cordoglio e condivido il loro dolore. La mia tristezza è poi amplificata dal fatto che queste vite in fiore siano state spezzate in un luogo di lavoro. Andar via da casa per guadagnarsi da vivere e non tornare più è una doppia pugnalata al cuore. Per mia sensibilità, professionalità e ruolo, ogni collasso dell'edificato mi scuote terribilmente, nella consapevolezza che costruire e manutenere garantendo la sicurezza è possibile. E se succedono le catastrofi vuol dire che si deroga alla sacralità della Vita a favore di beceri idoli». E poi: «Come ben noto, Barletta nella sua storia del dopo guerra ha pagato un tributo molto alto alla "mala edilizia": 8 dicembre 1952, via Magenta, 17 vittime; 16 settembre 1959, via Canosa, 58 vittime; 3 ottobre 2011, via Roma, 5 vittime. Per quel che mi consta, Barletta detiene il triste primato nazionale di crolli mortali in Italia, escludendo terremoti e alluvioni. Frutto solo del caso? In tutti i casi il denominatore comune è stata una grave sottovalutazione delle condizioni di sicurezza nella costruzione e manutenzione degli edifici. Questa triste ricorrenza deve essere un momento di riflessione per tutti, affinché ognuno per la sua parte si impegni a che non si ripetano tragedie simili. Ancor più chi occupa ruoli pubblici di responsabilità, come nel mio caso. È per questo che in Senato mi sto prodigando con tutte le mie forze a favore della sicurezza del territorio e del costruito, senza mai dimenticare il pianto di disperazione che si leva dopo ogni tragedia».

Il dolore «Sono trascorsi già otto anni da quel tragico 3 ottobre 2011, ma sono sicuro che nessuno di noi ha dimenticato l'angoscia di quella giornata - ha sottolineato il senatorte Dario Damiani -. Prima l'incredulità, poi il terrore e infine la rabbia: non poteva, non doveva succedere ancora a Barletta, la città italiana più funestata da casi di malaedilizia con un inaccettabile elenco di vittime. Nei giorni scorsi ho visitato la mostra allestita in Prefettura sul crollo in via Roma. So che è stata prorogata per il grande interesse che ha suscitato, che è stata meta di scolaresche attente a ripercorrere la documentazione di quel dramma di 60 anni fa per trarne insegnamento sull'importanza fondamentale del rispetto delle norme, che spesso può significare rispetto della vita umana in sé».

E poi: «La malaedilizia costata tante vite di nostri concittadini è la turpe conseguenza di chi antepone il proprio profitto al valore inestimabile della vita umana. Ricordiamolo sempre, interroghiamo le coscienze ogni giorno sulle nostre priorità valoriali, non solo in occasione di commemorazioni che altrimenti rischiano di diventare di circostanza: solo così potremo tentare di rendere giustizia a chi ha pagato il prezzo supremo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie