Sabato 16 Gennaio 2021 | 04:16

NEWS DALLA SEZIONE

emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 
lavori urgenti
Trani, pericolo di crollo per il muraglione sul mare

Trani, pericolo di crollo per il muraglione sul mare

 

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Il braccio di ferro

Trani, vertenza Piramide: via al braccio di ferro, preoccupazione per i dipendenti

Blocco di otto ore e manifestazione davanti alla sede. I sindacati sottolineano la compattezza dei lavoratori

Trani, vertenza Piramide: via al braccio di ferro, preoccupazione per i dipendenti

TRANI -  Il braccio di ferro lavorativo e sindacale è ufficialmente partito, con tutti i disagi già determinati dal blocco di otto ore attuato, dall’alba di ieri, da tutti i lavoratori della Piramide commerciale italiana Spa, piattaforma logistica del Gruppo Megamark, che la grande azienda tranese della distribuzione intende esternalizzare.

Alla Piramide lavorano 100 persone, di cui però 46 sono state interessate lo scorso 3 settembre da una lettera di licenziamento dopo che l’azienda, il 21 agosto, aveva comunicato l’avvio della procedura per riduzione del personale ai sensi di legge.
«Inizialmente aveva chiesto loro di dimettersi - fa sapere il segretario provinciale della Filcams Cgil, Antonio Miccoli - per essere presi in carico dal soggetto terzo cui è stato affidato in appalto il servizio. Poi, a fronte del rifiuto dei sindacati e dei lavoratori di rassegnare le dimissioni, è arrivata la decisione di licenziarli indicando espressamente nomi e cognomi dei 46 lavoratori destinati a tornare a casa e creando, così, turbamento e divisioni fra gli stessi».
Divisioni che sul campo, però, non si sono viste poiché, sempre secondo quanto riferisce il segretario della Filcams, «allo sciopero hanno aderito tutti, compresi i lavoratori non interessati dal licenziamento. Tanto che oggi (ieri, ndr) nella sede della piattaforma logistica è entrato soltanto il direttore, ma nessuno dei lavoratori, mostratisi compatti e solidali fra loro».
I disagi si sono presto manifestati nella misura in cui 50 camion sono rimasti bloccati ai margini dell’area interessata, di cui 30 che avrebbero dovuto scaricare merce e 20 che avrebbero dovuto caricarla.

I sindacati, peraltro, non accettano il fatto che lavoratori di età media di 55 anni - ancora troppo giovani per andare in pensione ma già troppo vecchi, lavorativamente parlando, per trovare un’altra occupazione, escano improvvisamente di scena per una scelta imprenditoriale che Miccoli definisce «inspiegabile. La Megamark è tutt’altro che un’azienda in crisi, e probabilmente tale scelta viaggia nella direzione di produrre ulteriori utili. Ma quello che fa specie è che se da una parte l’azienda, attraverso la sua fondazione, si proclami nei fatti vicina al sociale ed alla diffusione della cultura, dall’altra ricorra a mezzi socialmente e culturalmente censurabili».

I 46 lavoratori sono prevalentemente di Trani, Bisceglie e Molfetta: dunque, la protesta in atto investe numerose famiglie della Provincia di Barletta-Andria-Trani e rischia di amplificarsi in maniera precisa ed imprevedibile.
I sindacati hanno proclamato altre otto ore di sciopero in data ancora da destinarsi e, nel frattempo, fanno sapere che l’azienda non ha ancora formalmente risposto alle loro sollecitazioni e, pertanto, non è stato tuttora convocato alcun tavolo per discutere nel merito della delicata questione: «Se c’è un problema di produttività, il sindacato non si tira indietro - afferma Miccoli - e siamo pronti a discuterne, ma è troppo comodo scegliere la strada dei licenziamenti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie