Domenica 17 Novembre 2019 | 08:52

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
codice rosso
Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

Maltrattamenti e stalking nei confronti di 3 donne: 3 arresti nel Foggiano e Nordbarese

 
L'indagine del 2015
Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

Minacce a testimoni, condannati due ex pm di Trani Ruggiero e Pesce

 
La storia
Andria, Ilaria guru dell'architettura e del design: «Resto nella mia terra fonte di ispirazione»

Andria, Ilaria guru dell'architettura e del design: «Resto nella mia terra fonte di ispirazione»

 
Fatture inesistenti
Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

Barletta, società cartiere di fatture false: 53 indagati

 
Il caso
Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

Giustizia truccata a Trani, lo Stato non dovrà risarcire i danni

 
Palazzo Della Marra
Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

Maltempo a Barletta, si stacca pezzo di cornicione a Pinacoteca

 
la tragedia nel 2016
Scontro treni Puglia, chiesta condanna ex dirigente Ministero Infrastrutture

Scontro treni Puglia, chiesta condanna ex dirigente Ministero Infrastrutture

 
il processo a Lecce
Giustizia svenduta a Trani, cento testimoni per Nardi, anche Conte e Lotti

Giustizia svenduta a Trani, cento testimoni per Nardi, anche Conte e Lotti

 
la denuncia
Barletta, tenta approcci sessuali con ragazzini, inchiesta delle Iene in tv

Barletta, tenta approcci sessuali con ragazzini, inchiesta delle Iene in tv

 
La denuncia
Andria, è allarme furti in ospedale

Andria, è allarme furti in ospedale

 

Il Biancorosso

verso il match
Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa curiosità
Ama talmente tanto Bari da tatuarsi la Gazzetta

Si tatua la Gazzetta sul polpaccio: l'inno alla baresità di un 22enne

 
TarantoIl siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
Foggianel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
LecceL'appuntamento
Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

 
Materaconta dei danni
Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

 
BrindisiNel Brindisino
Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 

i più letti

L'incidente nel 2016

Strage treni, rinviata udienza al 4 luglio aspettando la Corte d'Appello

Discussa la richiesta di ricusazione dei giudici di Trani presentata da Ferrotramviaria. La Procura generale: «È infondata»

incidente ferroviario Bari Nord

l'immagine della tragedia

La Corte d’appello di Bari si è riservata sulla richiesta di ricusazione del collegio di giudici del Tribunale di Trani che deve pronunciarsi sull’incidente ferroviario del 12 luglio 2016. La camera di consiglio si è svolta a Bari, davanti alla quarta sezione penale (presidente Labellarte) che dovrebbe esprimersi entro qualche giorno.

Ieri era prevista anche una udienza davanti al Tribunale di Trani, che non si è però svolta. Il giudice Giulia Pavese l’ha rinviata al 4 luglio, con una ordinanza in cui si rilevava l’assenza dei difensori della Ferrotramviaria. Anche i tre giudici tranesi erano tra le parti citate per il procedimento in camera di consiglio davanti alla Corte d’appello, procedimento nato dall’istanza che l’azienda ferroviaria (avvocato Michele Laforgia) ha presentato all’inizio del mese. La procura generale di Bari, rappresentata dal sostituto Carmelo Rizzo, ha chiesto il rigetto della richiesta basata sul contenuto dell’ordinanza con cui il collegio del Tribunale di Trani ha ammesso la Regione Puglia quale responsabile civile nel procedimento per lo scontro avvenuto sulla tratta ferroviaria Andria-Corato causando 23 morti e 50 feriti.

Quell’ordinanza emessa il 7 maggio su richiesta delle parti civili è in contraddizione con quanto stabilì il giudice per l’udienza preliminare, secondo cui la Regione non ha alcuna competenza in materia di sicurezza ferroviaria (tra gli imputati non risultano infatti dipendenti o politici regionali). Ma il Tribunale è stato di avviso opposto, tanto da indurre la Regione a presentare una nuova richiesta di estromissione. Ma nel frattempo è arrivata l’istanza con cui Ferrotramviaria chiede di ricusare l’intero collegio, ritenendo che l’ordinanza costituisca «una «irrituale ed illegittima anticipazione del giudizio», perché mette nel mirino «eventuali profili di responsabilità della Regione Puglia, a titolo di culpa in eligendo e in vigilando» nei confronti «di un soggetto rivelatosi “inaffidabile”, nonostante i “pericolati”», ovvero Ferrotramviaria, che - secondo il collegio - a fronte degli incidenti sfiorati e mai segnalati di cui parlano le imputazioni (i «pericolati») avrebbe dovuto subire la revoca della concessione o una segnalazione al ministero delle Infrastrutture.

In tutto questo si innesta il tema del possibile conflitto di interessi di uno dei giudici del collegio, Paola Angela De Santis, cugina di primo grado di Enrico Castellano, una delle 23 vittime, e dunque parente anche di Daniela Castellano, rappresentante della associazione di parenti che aveva chiesto di potersi costituire contro la Regione. La presidente del collegio Pavese, delegata dal presidente del Tribunale di Trani, Antonio De Luce, aveva respinto la richiesta di astensione avanzata dalla collega De Santis rilevando che «il magistrato non ha dedotto rapporti di frequentazione abituale con i prossimi congiunti della vittima Castellano Enrico, né con la vittima in vita» e sottolineando come non fosse possibile «neppure in astratto» sospettare la De Santis di «compiacenza o parzialità». Tuttavia, secondo la difesa della Ferrotramviaria, la presenza nel collegio di un magistrato «legato da rapporto di parentela con una delle vittime e con alcune parti civili particolarmente ostili» all’azienda potrebbe minare la serenità del processo. Sarà la Corte d’appello, ora, a dover prendere una decisione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie