Sabato 16 Gennaio 2021 | 23:01

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 
Teatro
Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

Barletta: «Io cronista nel Curci senza pubblico»

 
Agroalimentare
Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

Olio di qualità ma produzione dimezzata nella BAT

 
L'inchiesta
Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

Ufo, gli avvistamenti nel Nord Barese tra tanta incredulità ma anche curiosità

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

L'incidente nel 2016

Strage treni, rinviata udienza al 4 luglio aspettando la Corte d'Appello

Discussa la richiesta di ricusazione dei giudici di Trani presentata da Ferrotramviaria. La Procura generale: «È infondata»

incidente ferroviario Bari Nord

l'immagine della tragedia

La Corte d’appello di Bari si è riservata sulla richiesta di ricusazione del collegio di giudici del Tribunale di Trani che deve pronunciarsi sull’incidente ferroviario del 12 luglio 2016. La camera di consiglio si è svolta a Bari, davanti alla quarta sezione penale (presidente Labellarte) che dovrebbe esprimersi entro qualche giorno.

Ieri era prevista anche una udienza davanti al Tribunale di Trani, che non si è però svolta. Il giudice Giulia Pavese l’ha rinviata al 4 luglio, con una ordinanza in cui si rilevava l’assenza dei difensori della Ferrotramviaria. Anche i tre giudici tranesi erano tra le parti citate per il procedimento in camera di consiglio davanti alla Corte d’appello, procedimento nato dall’istanza che l’azienda ferroviaria (avvocato Michele Laforgia) ha presentato all’inizio del mese. La procura generale di Bari, rappresentata dal sostituto Carmelo Rizzo, ha chiesto il rigetto della richiesta basata sul contenuto dell’ordinanza con cui il collegio del Tribunale di Trani ha ammesso la Regione Puglia quale responsabile civile nel procedimento per lo scontro avvenuto sulla tratta ferroviaria Andria-Corato causando 23 morti e 50 feriti.

Quell’ordinanza emessa il 7 maggio su richiesta delle parti civili è in contraddizione con quanto stabilì il giudice per l’udienza preliminare, secondo cui la Regione non ha alcuna competenza in materia di sicurezza ferroviaria (tra gli imputati non risultano infatti dipendenti o politici regionali). Ma il Tribunale è stato di avviso opposto, tanto da indurre la Regione a presentare una nuova richiesta di estromissione. Ma nel frattempo è arrivata l’istanza con cui Ferrotramviaria chiede di ricusare l’intero collegio, ritenendo che l’ordinanza costituisca «una «irrituale ed illegittima anticipazione del giudizio», perché mette nel mirino «eventuali profili di responsabilità della Regione Puglia, a titolo di culpa in eligendo e in vigilando» nei confronti «di un soggetto rivelatosi “inaffidabile”, nonostante i “pericolati”», ovvero Ferrotramviaria, che - secondo il collegio - a fronte degli incidenti sfiorati e mai segnalati di cui parlano le imputazioni (i «pericolati») avrebbe dovuto subire la revoca della concessione o una segnalazione al ministero delle Infrastrutture.

In tutto questo si innesta il tema del possibile conflitto di interessi di uno dei giudici del collegio, Paola Angela De Santis, cugina di primo grado di Enrico Castellano, una delle 23 vittime, e dunque parente anche di Daniela Castellano, rappresentante della associazione di parenti che aveva chiesto di potersi costituire contro la Regione. La presidente del collegio Pavese, delegata dal presidente del Tribunale di Trani, Antonio De Luce, aveva respinto la richiesta di astensione avanzata dalla collega De Santis rilevando che «il magistrato non ha dedotto rapporti di frequentazione abituale con i prossimi congiunti della vittima Castellano Enrico, né con la vittima in vita» e sottolineando come non fosse possibile «neppure in astratto» sospettare la De Santis di «compiacenza o parzialità». Tuttavia, secondo la difesa della Ferrotramviaria, la presenza nel collegio di un magistrato «legato da rapporto di parentela con una delle vittime e con alcune parti civili particolarmente ostili» all’azienda potrebbe minare la serenità del processo. Sarà la Corte d’appello, ora, a dover prendere una decisione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie