Martedì 23 Luglio 2019 | 16:05

NEWS DALLA SEZIONE

L'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 
Il video
La bellezza della cattedrale di Trani vista dall'alto in mongolfiera

La bellezza della cattedrale di Trani vista dall'alto in mongolfiera

 
Denuncia di Coldiretti
«False» burrate di Andria vendute online: scattano i controlli

«False» burrate di Andria vendute online: scattano i controlli

 
il salvataggio
Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

Margherita di Savoia, tartaruga incastrata in una boa: salvata dal 118 in idromoto

 
L'evento
Barletta, fibrillazione per il Jova Beach Party: sul palco Jovanotti con i Sud Sound System

Barletta, fibrillazione per il Jova Beach Party: sul palco Jovanotti con i Sud Sound System

 
L'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 
L'incidente
Minervino Murge, auto fuori strada: muore donna di 58 anni

Minervino Murge, auto fuori strada: muore donna di 58 anni

 
Il rogo
Bisceglie, fiamme in un locale della movida: indagini in corso

Bisceglie, fiamme in un locale della movida: indagini in corso

 
Sicurezza e piano traffico
Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

Jova Beach Party, sindaco di Barletta: «Grande occasione per la città»

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa ricerca
Spiagge in Puglia sempre più erose, un progetto del Politecnico per salvarle

Spiagge in Puglia sempre più erose, un progetto del Politecnico di Bari per salvarle

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
FoggiaLa manifestazione
Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

Cerignola in Sound: il contest per emergenti e il gran finale con i Gemelli Diversi

 
TarantoDa venditori ambulanti
Taranto, polizia sequestra 70kg di cozze senza certificato: 2 denunce

Taranto, sequestrati 70kg di cozze senza certificato: 2 denunce

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
LecceRifiuti
Gallipoli, a Baia Verde spazzatura non ritirata: residenti inferociti

Gallipoli, a Baia Verde spazzatura non ritirata: residenti inferociti

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

L'incidente nel 2016

Strage treni, rinviata udienza al 4 luglio aspettando la Corte d'Appello

Discussa la richiesta di ricusazione dei giudici di Trani presentata da Ferrotramviaria. La Procura generale: «È infondata»

incidente ferroviario Bari Nord

l'immagine della tragedia

La Corte d’appello di Bari si è riservata sulla richiesta di ricusazione del collegio di giudici del Tribunale di Trani che deve pronunciarsi sull’incidente ferroviario del 12 luglio 2016. La camera di consiglio si è svolta a Bari, davanti alla quarta sezione penale (presidente Labellarte) che dovrebbe esprimersi entro qualche giorno.

Ieri era prevista anche una udienza davanti al Tribunale di Trani, che non si è però svolta. Il giudice Giulia Pavese l’ha rinviata al 4 luglio, con una ordinanza in cui si rilevava l’assenza dei difensori della Ferrotramviaria. Anche i tre giudici tranesi erano tra le parti citate per il procedimento in camera di consiglio davanti alla Corte d’appello, procedimento nato dall’istanza che l’azienda ferroviaria (avvocato Michele Laforgia) ha presentato all’inizio del mese. La procura generale di Bari, rappresentata dal sostituto Carmelo Rizzo, ha chiesto il rigetto della richiesta basata sul contenuto dell’ordinanza con cui il collegio del Tribunale di Trani ha ammesso la Regione Puglia quale responsabile civile nel procedimento per lo scontro avvenuto sulla tratta ferroviaria Andria-Corato causando 23 morti e 50 feriti.

Quell’ordinanza emessa il 7 maggio su richiesta delle parti civili è in contraddizione con quanto stabilì il giudice per l’udienza preliminare, secondo cui la Regione non ha alcuna competenza in materia di sicurezza ferroviaria (tra gli imputati non risultano infatti dipendenti o politici regionali). Ma il Tribunale è stato di avviso opposto, tanto da indurre la Regione a presentare una nuova richiesta di estromissione. Ma nel frattempo è arrivata l’istanza con cui Ferrotramviaria chiede di ricusare l’intero collegio, ritenendo che l’ordinanza costituisca «una «irrituale ed illegittima anticipazione del giudizio», perché mette nel mirino «eventuali profili di responsabilità della Regione Puglia, a titolo di culpa in eligendo e in vigilando» nei confronti «di un soggetto rivelatosi “inaffidabile”, nonostante i “pericolati”», ovvero Ferrotramviaria, che - secondo il collegio - a fronte degli incidenti sfiorati e mai segnalati di cui parlano le imputazioni (i «pericolati») avrebbe dovuto subire la revoca della concessione o una segnalazione al ministero delle Infrastrutture.

In tutto questo si innesta il tema del possibile conflitto di interessi di uno dei giudici del collegio, Paola Angela De Santis, cugina di primo grado di Enrico Castellano, una delle 23 vittime, e dunque parente anche di Daniela Castellano, rappresentante della associazione di parenti che aveva chiesto di potersi costituire contro la Regione. La presidente del collegio Pavese, delegata dal presidente del Tribunale di Trani, Antonio De Luce, aveva respinto la richiesta di astensione avanzata dalla collega De Santis rilevando che «il magistrato non ha dedotto rapporti di frequentazione abituale con i prossimi congiunti della vittima Castellano Enrico, né con la vittima in vita» e sottolineando come non fosse possibile «neppure in astratto» sospettare la De Santis di «compiacenza o parzialità». Tuttavia, secondo la difesa della Ferrotramviaria, la presenza nel collegio di un magistrato «legato da rapporto di parentela con una delle vittime e con alcune parti civili particolarmente ostili» all’azienda potrebbe minare la serenità del processo. Sarà la Corte d’appello, ora, a dover prendere una decisione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie