Mercoledì 26 Giugno 2019 | 04:42

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 
dalla guardia costiera
Trani, 8mila mq di rifiuti vicino alla spiaggia: area sequestrata

Trani, 8mila mq di rifiuti vicino alla spiaggia: area sequestrata

 
La vittoria
Nuoto, Di Liddo argento al «Settecolli» in vista dei mondiali

Nuoto, Di Liddo argento al «Settecolli» in vista dei mondiali

 
Ferrotramviaria
Strage treni: Corte d'Appello Bari accoglie ricusazione dei giudici

Strage treni: Corte d'Appello Bari accoglie ricusazione dei giudici: «Regione non è responsabile civile»

 
Criminalità
Andria, agguato tra la gente: ucciso fratello del boss, un ferito

Andria, agguato tra la gente: ucciso fratello del boss, un ferito

 
La manifestazione
Trani, cane trascinato dall’auto: gli animalisti all’attacco

Trani, cane trascinato dall’auto: gli animalisti all’attacco

 
Agricoltura
Borzillo: «Irrigazione nella Bat, emergenza rientrata»

Borzillo: «Irrigazione nella Bat, emergenza rientrata»

 
Fino a 500 euro a notte
Jovanotti a Barletta, polemica sui prezzi alle stelle dei B&B

Jovanotti a Barletta, polemica sui prezzi alle stelle dei B&B

 
Nessun ferito
Trani, giù calcinacci nel tribunale civile a Palazzo Candido

Trani, giù calcinacci nel tribunale civile a Palazzo Candido

 
L'incidente nel 2016
Strage treni, rinviata udienza al 4 luglio aspettando la Corte d'Appello

Strage treni, rinviata udienza al 4 luglio aspettando la Corte d'Appello

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 
BariLa cerimonia
Santeramo, il vicepremier Di Maio inaugura la biblioteca comunale

Santeramo, il vicepremier Di Maio inaugura la biblioteca comunale

 
HomeLa richiesta
ArcelorMittal, i sindacati chiedono incontro urgente con Di Maio

ArcelorMittal, i sindacati chiedono incontro urgente con Di Maio

 
BrindisiL'inseguimento
Fasano, sventato furto nel negozio «Acqua&Sapone»: ladri in fuga

Fasano, sventato furto nel negozio «Acqua&Sapone»: ladri in fuga

 
LecceIn salento
Tragedia a Torre Chianca: 66enne annega e muore sotto gli occhi dei bagnanti

Tragedia a Torre Chianca: 66enne annega e muore sotto gli occhi dei bagnanti

 
FoggiaIeri sera
Foggia: in 3 tentano di rubare auto, passante chiama cc

Foggia: in 3 tentano di rubare auto, passante chiama cc

 
PotenzaNel potentino
Melfi, rubano 110 pannelli fotovoltaici: denunciati 3 cittadini del Burkina Faso

Melfi, rubano 110 pannelli fotovoltaici: denunciati 3 cittadini del Burkina Faso

 

i più letti

Il ricordo

Don Massimo Serio: La notte che precede gli esami di maturità

«Che strana notte quella prima degli esami. Tanti anni dopo, la ricordo ancora»

scuola

C’è un’aria strana stasera. Mai assaporata prima. I pensieri non danno tregua e addormentarsi sembra solo un miraggio. Poche volte si vivono nottate che hanno la potenza di volare oltre il tempo. Sono quelle che portano in sé un’incredibile storia degli effetti, tale da accompagnarti per un’intera esistenza. Poi basterà una sola frase, una scheggia di ricordo, per riaccendere la luce su quel mondo che è sempre bello riesplorare. La notte della maturità. Il tempo magico che segna il passaggio dall’adolescenza verso il paese degli adulti. 

Che strana notte quella prima degli esami. Tanti anni dopo, la ricordo ancora. La notte prima “degli scritti” a pensare alle mille possibili tracce, a ricercare il sito all’ultimo grido che crede di aver individuato i temi della prima prova. Persino ad ascoltare per una notte intera quel programma radiofonico che trasmette in diretta dalle 20 alle 8 del mattino. Perché poi tra un occhio ai fogli ed uno al dizionario, la radio è la vera grande compagna che con la musica concede istanti di estasi, in una notte abbastanza tesa.

Fino a quando, tra sms e notifiche, gli occhi stanchi ti implorano di chiudere e spegnere tutto.
E poi finalmente a letto. A guardare il soffitto. A rigirarsi. A ripetere. A sognare. A pensare che da domani potrò entrare nel mondo del lavoro degli adulti. Che da domani comincerò quell’Università tanto ambita. Tanto sospirata. Da domani saranno finite le interrogazioni delle materie che non sopportavo. E forse ricomincerò ad amare lo studio. A rivalutarlo per il suo vero significato. Da domani comincerò a studiare quanto ho sempre desiderato. Per diventare un medico. Per diventare un ingegnere. Per diventare professore. O forse prete.
Ma comunque la madre di domani. Il padre di domani. La persona adulta che la società aspetta. Perché la società è affamata di adulti che sappiano prendere per mano le contraddizioni di questa realtà e accompagnarle verso soluzioni sagge e lungimiranti.
Che strana notte fu quella per me. Vivo ancora adesso le tracce della presenza invadente di quell’esperienza che ancora oggi dolcemente mi importuna. Ma è un’ombra bella. Non è un semplice riannodare il nastro della memoria a quella notte speciale. Ma un’impertinenza piacevole che mi costringe a scrivere.

Di quella notte ricordo la straordinaria forza dirompente, tale da far mancare il respiro. Da far dimenticare ogni altra cosa. E soprattutto da volerla condividere con le persone che più ami. Con chi, più di altri, ha segnato l’età dei sogni e delle passioni.
Vuoi renderli partecipi di questa meraviglia anche solo tramite una chiamata. Coinvolgerli in questa notte d’estate con un messaggio. Raccontare le tue strane ansie. I dubbi. Le tue lacrime. I tuoi abbracci. Poche ore. Ma infinite. Che lasciano per sempre addosso il profumo della storia. Alcuni ricordi non passano mai. Restano lì, implacabili, mai lambiti dal tempo che scorre inesorabile. Forse mai più accadrà di vivere certe notti. E forse è giusto così. Perché solo quegli eventi che accadono una sola volta nella vita hanno il potere di rimanere indelebili nella memoria, per farci compagnia quando il tempo riferirà che ormai si sta crescendo. E forse anche invecchiando.
Ti ho scritto perché questa notte è come se l’avessi vissuta ieri. E questa narrazione è la certezza che nella vita, ogni finale porta sempre in sé un nuovo inizio. Ogni the end nasconde un the begins. Buon inizio allora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie