Sabato 06 Giugno 2020 | 04:42

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Il nuovo presidio ospedaliero
sarà realizzato in zona Macchie di rosa

Andria, un altro passo in avanti per la realizzazione del nuovo ospedale

 
Solidarietà
Barletta, l'imprenditore Crescente dona 21mila euro alla Asl Bt con l'iniziativa «uscirne si può»

Barletta, imprenditore batte il Covid 19 e dona all'Asl Bat 21mila euro

 
l'agguato
Trinitapoli, omicidio in via dei Mulini: 43enne freddato da colpi di pistola

Trinitapoli, ucciso con 3 colpi di pistola in pieno volto: forse guerra tra clan

 
dopo il lockdown
Bisceglie, appello ai turisti: «venite qui in vacanza»

Bisceglie, l'appello ai turisti: «Venite qui in vacanza»

 
nella bat
Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

Bisceglie, 16enne picchiato in piazza durante una rissa: naso rotto, indagano i cc

 
Nel Nord Barese
Trani porto

Trani, stop alla movida irresponsabile

 
Il caso
Rssa «Bilanzuoli» di Minervino

Minervino, anziani abbandonati: chiusa pure la Rsa «Bilanzuoli»

 
la scoperta della GdF
Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

Gel «non igienizzante» venduto in tutta Italia: sequestri e denunce a Trani

 

Il Biancorosso

serie C
C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

C’è aria di fronda tra i club: il Bari vuole palla al centro

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariAmbiente
Polignano, Parco Costa Ripagnola, ricorso proprietari a Mattarella per annullamento legge istitutiva

Polignano, Parco Costa Ripagnola, ricorso proprietari a Mattarella per annullamento legge istitutiva

 
FoggiaEdilizia
San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

San Giovanni Rotondo, l'Arca consegna 18 alloggi. Emiliano: «Casa è sinonimo di dignità»

 
Brindisiterapia Covid
Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

Brindisi, al «Perrino» prime 2 donazioni di plasma iperimmune

 
LecceCoronavirus
Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

Soleto, anziana di nuovo malata di Covid dopo 4 tamponi negativi

 
Potenzafase 3
Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tonano in regione

Basilicata, piattaforma online per autosegnalazioni di lucani che tornano in regione

 
BariI dati
Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

Effetto Covid 19, meno reati a Bari e nella Bat: il bilancio dei carabinieri

 
Tarantomobilità sostenibile
Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali

Taranto prima in Puglia nella graduatoria: 800mila euro per piste ciclopedonali. Stanziati 13,8 mln dalla Regione

 

i più letti

La sentenza

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

La rapina finita in omicidio il 17 novembre 2016. Ma l’accusa ne aveva chiesti 27

Omicidio della gioielliera in manette il terzo uomo

Tre gli arrestati per l'assassinio di Maria Melziade

TRANI - Diciotto anni di reclusione a fronte dei 27 invocati dal pm Marcello Catalano. Questa la pena inflitta dalla Corte d’Assise di Trani (presidente Pavese, giudice a latere De Sanctis) al 21enne canosino Gianfranco Colucci, accusato del concorso nella rapina-omicidio di Maria Melziade, la 75enne gioielliera di Canosa derubata e violentemente aggredita in casa il 17 novembre 2016. Ai 18 anni si aggiunge un altro anno di reclusione per l’accusa di detenzione illegale d’arma da sparo. Pena complessiva: 19 anni di carcere. Il collegio ha riconosciuto il diritto al risarcimento danni in favore dei familiari della vittima costituiti parte civile con l’avv. Michele D’Ambra. La Corte ha, inoltre, disposto la trasmissione degli atti in Procura per valutare l’ipotesi di falsa testimonianza a carico di 4 testimoni escussi in dibattimento: Alfonso Colucci, Michela Sansonna, David Salerno e Giovanni Di Brita. Tra 90 giorni il deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado, che, nonostante la condanna, suona come motivo di soddisfazione per la difesa.

L’avv. Roberta Prascina, pur negando il coinvolgimento di Colucci (fatto che fa intravedere il giudizio d’appello), era infatti al cospetto della richiesta di 27 anni e nella sua arringa ha mirato a smontare le dichiarazioni di 2 collaboratori di giustizia, divenuti tali dopo l’avvio del dibattimento: Lorenzo Campanella e suo figlio Andrea. Il 31 maggio 2018 proprio il 56enne Lorenzo Campanella fu condannato con rito abbreviato a 14 anni di reclusione per rapina ed omicidio preterintenzionale: sarebbe stato uno dei rapinatori entrati a casa Melziade. Con lui fu condannato ad identica pena il 47enne Francesco Scardi che avrebbe fatto il palo. Prossimamente la sentenza del processo d’appello. Intanto, a seguito delle dichiarazioni dei pentiti, le indagini proseguono per valutare il ruolo di altre 3 persone. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie