Domenica 21 Aprile 2019 | 04:58

NEWS DALLA SEZIONE

Lotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
Crisi al comune
Andria attende il commissario: ed è subito polemica

Andria attende il commissario: ed è subito polemica

 
È incensurato
Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

Andria, in casa un market della droga: arrestato 25enne

 
Al secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
La sentenza
Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

Uccise gioielliera a Canosa: condannato a 18 anni

 
Maltrattamenti
Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

Imponeva alla moglie codice di comportamento medievale: arrestato albanese a Barletta

 
Nel nordbarese
Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

Droga e armi da guerra in casa: arrestati padre e figlio a Trani

 
Tra Corato e Bisceglie
Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

Lama di Macina, straripa canale acque reflue del depuratore

 
Il punto
Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

Corato e Barletta: il decoro della bandiera è un optional

 
Il caso
Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

Barletta: al cimitero niente scale, impossibile portare fiori

 
Nel nordbarese
Barletta: a fuoco capannone zona industriale, vv.ff. trovano cadavere

Barletta: evade dai domiciliari, vv.ff. lo trovano morto in azienda in fiamme

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso il voto
Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

Europee, i derby tutti pugliesi per Bruxelles

 
TarantoA taranto
Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

Ex Ilva, ambientalisti Taranto: «Il 24 aprile presidio per arrivo Di Maio»

 
BrindisiL'incidente
Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

Moto contro auto sulla Monopoli-Alberobello: muore un 54enne

 
LecceNel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
HomeLe festività pasquali
Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

Pasqua, previsto a Matera un lungo ponte da tutto esaurito

 
BatLotta allo spaccio
Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

Barletta, sorpresi mentre confezionavano dosi di cocaina: 2 arresti

 
GdM.TVOperazione Ultimo Avamposto
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
PotenzaElezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 

Il caso

Andria, piano di rientro: il giorno della verità

Si preannuncia un Consiglio comunale molto accesso sull’approvazione del documento

Andria, versa benzina  su assistente sociale fermata una donna

Il Comune di Andria

ANDRIA - Sarà certamente un consiglio comunale incandescente quello di questa sera, chiamato a discutere e approvare il piano di riequilibrio pluriennale. 74 pagine (con numerosi e corposi allegati) consegnati a ridosso della scadenza dei 90 giorni imposti e decorrenti dal 29 agosto scorso, quando il consiglio votò il disequilibrio. Non sono ancora definitive le posizioni ufficiali dei partiti in merito, ma già si preannuncia un dibattito serrato e alquanto velenoso. Intanto il piano lo scorso 24 novembre ha incassato il parere favorevole del Collegio dei Revisori dei Conti, parere poi trasmesso alla presidenza del consiglio comunale.

In 15 pagine l’organo di revisione ricostruisce fattori e cause dello squilibrio, dà atto che il piano contiene «tutte le misure necessarie per le condizioni di squilibrio rilevate» e conclude esprimendo parere favorevole «all’adozione di tutte le misure previste nel piano di riequilibrio finanziario pluriennale».
Il parere precisa altresì che l’ente deve monitorare, con continuità, le misure finalizzate al ripiano e contenute nel piano stesso. Revisori a parte, va ricordato che quella di stasera è l’unica possibilità che il consiglio comunale ha per approvare il piano: qualora ciò non accada, si innesca una procedura che porta il Prefetto, su indicazione della Corte dei Conti, a diffidare il comune ad approvare nel termine di venti giorni il dissesto. Dunque, sul consiglio grava una responsabilità notevole: approvazione del piano obtorto collo, al fine di evitare il default. Modifiche, emendamenti, miglioramenti al piano potranno essere presentati ma, di fatto, il piano stesso non è emendabile contenendo una previsione spalmata su 15 anni: ogni modifica, insomma, provoca un effetto domino, difficile da ricomporre in così poco tempo. Il termine di 90 giorni, infatti, entro il quale il piano di riequilibrio deve essere presentato a Corte dei Conti e Ministero delle Finanze scade domani.

Quindi, o così o nulla. Una situazione questa che in maggioranza ha ulteriormente inasprito i rapporti già tesi, in particolare tra il sindaco Nicola Giorgino e il partito di Forza Italia. Ora, se le forze di opposizione quasi certamente non parteciperanno al voto, salvo qualche eccezione, anche se faranno sentire la propria contrarietà sul merito e sul metodo di questo piano di pre-dissesto, dalla maggioranza trapela una volontà differente: poiché la responsabilità di mandare il comune in default è troppo delicata, l’approvazione del piano in maniera compatta dal gruppo di Forza Italia ci sarà, ma a condizione che si accolgano le modifiche che saranno presentate. Modifiche che, in sostanza, non incidono sui numeri ma che determinano tuttavia una riduzione della spesa, oltre che rappresentare una scelta politica. Tra queste, il potenziamento dei servizi Tributi escludendo ogni ipotesi di esternalizzazione, contro cui il gruppo di Forza Italia, in particolare il consigliere Nino Marmo aveva già promesso opposizione strenua fin dal mese di agosto, quando si trattava solo di voci di corridoio.
Su questo Forza Italia sembra voler tirare dritto, senza ripensamenti. Il che potrebbe anche significare nel caso non passi uscire dalla maggioranza. Ma è solo un’ipotesi allo stato attuale. Altro punto che ritorna nella discussione è quello della riduzione del numero degli assessori a far data già dal 2019, già avanzato nel consiglio di agosto dall’allora consigliera di Forza Italia Laura Di Pilato, ora passata al Gruppo Misto: tornerà sulla proposta che pare ha raccolto consenso nel gruppo di Forza Italia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400