Venerdì 14 Dicembre 2018 | 17:39

NEWS DALLA SEZIONE

Trasporti in Puglia
Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato, per Andria servono 2 anni

Ferrotramviaria, da gennaio riapre la Ruvo-Corato

 
A S.Ferdinando di Puglia
Sparato al volto mentre guida il suo tir: muore un 48enne campano, forse rapina

Gli sparano in faccia mentre guida: ucciso camionista nella Bat, forse rapina

 
Fucilazione tedesca
Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

Mancato massacro del '43 a Trani, morto l'ultimo superstite

 
Il caso
Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

Topo in ospedale a Bisceglie, il sindaco: «Bisogna approfondire»

 
I fatti dal 2012 al 2014
«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

«Commissioni fantasma» a Trani: in sei a giudizio

 
Non è imminente
Bisceglie, sfuma finanziamento per riqualificare la costa

Bisceglie, sfuma finanziamento per riqualificare la costa

 
l’inchiesta
Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

Andria, sicurezza nei locali pubblici: sale l'attenzione

 
Il caso
Acqua di falda a Barletta: il monitoraggio difficile

Acqua di falda a Barletta: il monitoraggio difficile

 
La sentenza
Comunali Bisceglie, il Tar: ricontare i voti di consigliere mancato

Comunali Bisceglie, il Tar: ricontare i voti di consigliere mancato

 
Spaccio di droga
Andria, pene definitive per il clan Pesce-Pistillo: arresti nella notte

Andria, pene definitive per il clan Pesce-Pistillo: arresti nella notte VIDEO

 
Il caso a Trani
Il sostegno non c'è, niente scuola il mercoledì per disabile

Il sostegno non c'è, niente scuola il mercoledì per disabile

 

Da Avellino a Barletta

Percorrono tutto l'Ofanto a piedi in 7 giorni: il viaggio tra natura e rifiuti

I barlettani Antonio Morelli e Pasquale Caputo hanno marciato per 180 chilometri

foce dell'Ofanto

BARLETTA - «Basterebbe una passeggiata in mezzo alla natura, fermarsi un momento ad ascoltare, spogliarsi del superfluo e comprendere che non occorre poi molto per vivere bene». Ascoltando la musicalità di questo aforisma di Mario Rigoni Stern è possibile comprendere l’impresa, portata a termine nei giorni scorsi, da parte dei camminatori barlettani Antonio Morelli e Pasquale Caputo appartenenti alla Barletta Sportiva.
Questi due camminatori instancabili, amanti e difensori della natura, hanno intrapreso la discesa a piedi dell'Ofanto dalla sorgente monumentale posta a Torella dei Lombardi per giungere dopo sette giorni alla Fiumara di Barletta. Ben 180 chilometri macinati a piedi.

«L'idea, partita da un vecchio sogno di Pasquale, è stata da me sviluppata e progettata per tutto l'inverno, inizialmente pensata in bici e poi a piedi in autosufficienza, ma all'occorrenza usando le strutture del posto dove è stato possibile», dice Antonio. E poi: «Il percorso così si è andato delineandosi come naturalistico-culturale, partendo da Torella dei Lombardi, passando per Nusco (uno dei borghi più belli d'Italia), l'abbazia del Goleto, Sant'angelo dei Lombardi, Morra de Sanctis, Lago di Conza, Melfi, Loconia e infine Barletta».
Antonio, roteando il caleidoscopio delle emozioni e dei ricordi, precisa che: «Il percorso è stato tracciato seguendo da vicino il più possibile il corso del fiume, constatando così giorno dopo giorno il degrado dello stato delle acque, ma anche quello dell'ambiente circostante».

La conclusione: «Siamo passati così dalle acque potabili della sorgente, a quelle trasparenti e invitanti per un refrigerante pediluvio, a quelli torbidi e sempre più fangose della Fiumara, e dalla natura incontaminata e boschiva, il paesaggio cedeva il passo a quella coltivata e antropizzata per finire ad una vera discarica incontrollata». Un vero peccato.
In ultimo, ma non per ultimo, sia consentito a chi scrive - alla luce di questa storia meravigliosa - di suggerire la lettura del libro «Il mondo a piedi. Elogio della marcia» di - David Le Breton. Un piccolo assaggio: «Camminare significa aprirsi al mondo. L’atto del camminare riporta l’uomo alla coscienza felice della propria esistenza, immerge in una forma attiva di meditazione che sollecita la piena partecipazione di tutti i sensi». Antonio e Pasquale lo insegnano a tutti noi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400