Giovedì 21 Gennaio 2021 | 08:10

NEWS DALLA SEZIONE

sanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
La disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni una transessuale vittima di insulti

 
Maltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
emergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
nel Barese
Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

Bisceglie, mamma positiva al Covid dà alla luce neonato

 
Nella Bat
Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

Canosa, focolaio in rsa Oasi Minerva: 10 ospiti positivi

 
La novità
Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

Andria, Castel del Monte diventa un «HoloMuseum» visitabile in 3D

 
la tragedia
Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

Canosa, travolto in bici da un furgone sulla SS 93: muore medico 52enne

 
Paura in città
Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

Canosa, boato nella notte: bomba carta esplode davanti portone in zona centrale

 
Storie
Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

Covid: Carlo, l'imprenditore dal cuore d'oro, primo guarito della Bat tra aiuti e beneficenza

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

La denuncia

A Trani allarme polpette avvelenate per uccidere cani e gatti

La consigliera Merra fa luce sulla questione. I casi di avvelenamento certi sono pochi: non tutti i padroni degli animali deceduti autorizzano l'autopsia

cane peppa

Sembra tutt’altro che una psicosi, perché ci sarebbero prove concrete che documenterebbero la volontà, da parte di qualcuno, di avvelenare cani e gatti.
Il consigliere comunale Raffaella Merra ieri ha pubblicamente mostrato, sul suo profilo Facebook, la foto di una polpetta a suo dire riempita di veleno per uccidere animali per strada, ma già nelle ore precedenti lo stesso sindaco, Amedeo Bottaro, aveva fatto sapere che l’amministrazione comunale si sarebbe attivata tramite le guardie zoofile dell’Oipa, con le quale il Comune ha stipulato una convenzione, per vigilare con la massima attenzione su un fenomeno che sta preoccupando sempre più i possessori di cani e la cittadinanza in genere.
In realtà i casi di avvelenamento di cui si ha certezza sono davvero pochi, soprattutto perché le denunce si contano sulle dita di una mano e non tutti i possessori di cani deceduti hanno voluto sottoporre i corpi dei loro animali ad autopsia per l’accertamento della causa della morte. Ma è anche vero che, fino a qualche giorno fa, non si erano mai registrati episodi così ravvicinati fra loro, e più o meno tutti nelle stesse zone, tali da fare supporre una volontà criminale da parte di qualcuno.
Merra, in particolare, ha segnalato la disseminazione di polpette, a suo dire avvelenate, nella zona di via Caposele e via Pola, dichiarando che «un pazzo si aggira distribuendo polpette avvelenate. Tutti gli animali sono in pericolo, ma c’è da stare attenti anche ai bambini. Oggi (ieri, ndr) pretenderò la bonifica dei luoghi e provvederò a denunciare tali atti al Commissariato di pubblica sicurezza, ricordando che chi continua a macchiarsi di tale reato è punibile per legge».
Merra, peraltro, intende denunciare anche un utente Facebook dal nome Massimo Bregliano, probabilmente un fake, intervenuto sulla bacheca del sindaco, Amedeo Bottaro, per commentare tali episodi e fomentando l’odio contro gli animali.
Il sindaco, a sua volta, aveva fatto sapere che, «nel corso di questa settimana, partiranno dei controlli mirati nella zona sud della città, dopo che ci sono stati segnalati alcuni casi di presunto avvelenamento di animali ad opera di ignoti. I controlli saranno svolti congiuntamente dalla Polizia locale e delle guardie dell’Oipa».
Proprio queste ultime hanno affisso, in corso don Luigi Sturzo, volantini che avvertono i proprietari di animali della probabile presenza di sostanze velenose. Infatti, le segnalazioni riguardano soprattutto quella zona in cui, a detta dei residenti, sembra siano morti cinque cani in pochi giorni, ma non solo per presunte polpette avvelenate.
Infatti, sembra che siano stati trovati diverse tipologie di veleno: insetticidi, topicida, naftalina. I volontari, sulla loro pagina social, scrivono che la pratica arbitraria di spargimento di queste sostanze «è molto rischiosa per la salute pubblica», ed invitano pertanto la cittadinanza «ad astenersi dalla pratica della libera ed arbitraria attività di disinfestazione a mezzo di sostanze velenose».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie