Venerdì 17 Settembre 2021 | 08:18

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Sanità

Bari, al Pronto soccorso del Policlinico numero di telefono attivo h24 per informazioni su pazienti Covid

In un mese 742 telefonate per informazioni sulle condizioni dei positivi al Covid, il servizio rimarrà attivo anche per i pazienti no Covid

Bari, al Pronto soccorso del Policlinico numero di telefono attivo h24 per informazioni su pazienti Covid

BARI - In un mese 742 telefonate. È il bilancio delle chiamate pervenute ai numeri 080 5594468 e 080 5591239 attivati a marzo e dedicati alla comunicazione con i parenti dei pazienti Covid che accedono al pronto soccorso del Policlinico di Bari.

Stando ai dati elaborati dalla direzione sanitaria, in media ad aprile sono giunte 25 telefonate al giorno con un picco di 43 telefonate in 24 ore. Il contenuto delle chiamate si riferisce sostanzialmente alla richiesta di informazioni da parte dei parenti circa lo stato di salute dei pazienti Covid arrivati al pronto soccorso. Dall’inizio della pandemia, infatti, per evitare contagi è interdetto l’ingresso degli accompagnatori alla sala d’attesa del pronto soccorso. Per garantire lo scambio di informazioni il Policlinico di Bari ha attivato un nuovo canale di comunicazione con un operatore dedicato dalle 8 alle 20 che prende in carico le richieste sulle condizioni dei pazienti e fornisce le prime informazioni essenziali.  È comunque assicurata la risposta anche di notte per i casi urgenti con un operatore in turno all’accettazione. Spetta poi sempre al personale medico richiamare la famiglia per fornire l’aggiornamento puntuale sul quadro clinico del paziente e sul suo eventuale trasferimento in altro reparto.

Il servizio, soprattutto in una fase in cui sono ancora vietati gli accessi degli accompagnatori, è risultato molto utile e per questo il Policlinico di Bari ha deciso di estenderlo anche ai familiari di pazienti con altre patologie per assicurare informazioni precise e continue.

“L’accesso dei parenti, soprattutto nelle aree critiche, è praticamente impossibile, così abbiamo pensato di estendere il servizio anche ai pazienti con altre patologie no Covid che sono in aumento in questo periodo - spiega il direttore del pronto soccorso Vito Procacci - Non solo gli operatori sanitari rispondono alle telefonate per fornire informazioni ai parenti delle persone in pronto soccorso, ma sono anche loro a telefonare. La mattina, durante la visita ai pazienti in condizioni critiche nella sezione di medicina d’urgenza semi intensiva, gli infermieri compilano una scheda e chiamano direttamente i numeri di riferimento e aggiornano i familiari dei ricoverati in osservazione”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie